Tanta tristezza ai funerali dei tre giovani di Soriano, il sindaco: “Buon viaggio, ragazzi”

Commossi e partecipati i funerali dei tre giovani deceduti domenica all’alba in un incidente stradale. Palloncini bianchi e azzurri, negozi e attività chiuse e tante lacrime dei loro amici

 

SORIANO CALABRO (VV) – Un lungo applauso ha accompagnato i feretri, portati a spalla dagli amici. Così tremila persone hanno salutati i tre ragazzi morti all’alba di domenica scorsa in un incidente lungo la trasversale delle Serre invadendo il corso di Soriano con in mano palloncini bianchi e celesti. Le campane del convento di San Domenico hanno suonato a lutto, gli esercizi commerciali e le aziende sono rimaste chiuse, le attività professionali sospese, e dai balconi delle abitazioni hanno sventolato lenzuola, palloncini e coccarde bianche.

Le bare di Salvatore Farina di 21 anni, di suo cugino omonimo, Salvatore Farina di 23 e di Natale Chiera, il più piccolo, diciannovenne, sono state portate a spalla dagli amici. Una giornata di lutto che ha colpito l’intero comprensorio. Ai funerali infatti erano presenti anche i sindaci di altri comuni, il prefetto e il presidente della Provincia. “Buon viaggio, ragazzi” ha detto il sindaco Vincenzo Bartone che ha proclamato il lutto cittadino. “Prima ancora di essere sindaco – ha detto – sono genitore e da padre mi sento atterrito e affranto per la triste sorte dei nostri figli. Nostri, in quanto figli di tutti. Il lutto che colpisce le famiglie di questi ragazzi, oggi, non riguarda solo le famiglie Chiera e Farina, ma coinvolge l’intera comunità”.

Dei tre ragazzi, Bartone, ha ricordato di averli visti crescere e di averli “seguiti da medico e amico di famiglia. A loro devo dei sogni che stavano per prendere forma; progetti e ambizioni a cui ambivano per poter restare in questo lembo di terra da rivitalizzare insieme. A questi ragazzi, che oggi porto nel cuore”. Quindi un appello ai ragazzi presenti nel convento: “La vostra vita è il valore più importante. Abbiatene cura e difendetela. Sempre”. La funzione è stata officiata da don Pino Sergio, parroco della parrocchia di San Martino Vescovo in Soriano.