ASCOLTA RLB LIVE
Search

aeroporto lamezia

Aeroporto di Lamezia Terme, domani 8 ore di sciopero dei lavoratori Sacal

Continua la protesta da parte dei lavoratori SACAL e SACAL GH. L’USB ha annunciato per la giornata di domani, venerdì 7 giugno, 8 ore di sciopero nello scalo lametino

.

LAMEZIA TERME (CZ) – La Federazione regionale USB Lavoro Privato annuncia una nuova giornata di protesta allo scalo internazionale di Lamezia Terme. Dopo quelle del 21 maggio scorso, per la giornata di domani, venerdì 7 giugno, sono state indette 8 ore di sciopero (dalle ore 10:00 alle ore 18:00). Il sindacato da piĂą tempo combatte contro la cessione di ramo d’azienda alla societĂ  controllata SACAL GH chiedendo la reinternalizzazione immediata delle attività e la tutela di tutti i lavoratori.

In una nota il sindacato USB scrive “continuiamo la protesta e la lotta dei lavoratori SACAL per il giusto riconoscimento dei propri diritti che aziende ancora non hanno ancora inteso ripristinare l’indennitĂ  ingiustamente abolita, unilateralmente e senza preavviso, dando segnali univoci di un modo di fare prevaricatorio e arrogante, in spregio della legge, delle regole, del buon senso e del rispetto che si deve ad un uomo, lavoratore e dipendente. Nulla di quanto da noi segnalato ed evidenziato è stato al momento sanato, facendo precipitare l’aeroporto di Lamezia in un limbo dove i diritti vengono azzerati e solo i doveri la fanno da padrone, in un clima di terrore, disagio ed iniquitĂ  con cui i lavoratori devono quotidianamente convivere”.

“Invitiamo tutti i lavoratori  – si legge nella nota – a manifestare il loro pensiero e la loro determinazione, partecipando compatti ed uniti allo sciopero, superando le divisioni sindacali, politiche, personali e di appartenenza,  – non rincorrendo voci e promesse che minano i motivi dello sciopero e l’agire proprio nella totale libertĂ  di pensiero, ricordando ai lavoratori che bisogna tagliare i fili di Mangiafuoco. Rimaniamo sempre disponibili ad un incontro con il management, dove meglio chiarire le nostre rivendicazioni e non ci stancheremo di sollecitare interventi di tutte le forze politiche e sociali per la reinternalizzazione di Sacal GH così come l’intervento della magistratura per verificare tutti i passaggi che hanno portato alla cessione di ramo d’azienda e la successiva gestione dei 3 scali calabresi. USB metterĂ  in atto tutti gli strumenti necessari per difendere diritti e lavoro dei lavoratori Sacal/Sacal GH”.