ASCOLTA RLB LIVE
Search

Morto Miseferi e Battaglia

Addio a Giacomo del duo comico Miseferi e Battaglia. Era malato da tempo

L’attore calabrese Giacomo Battaglia si è spento questa notte. Con l’altro comico reggino Gigi Miseferi aveva formato il duo comico che per anni ha fatto ridere tutta Italia con le loro inimitabili gag e imitazioni

.

REGGIO CALABRIA –  E’ morto in un ospedale di Crotone, dov’era ricoverato da tempo per un grave ictus accusato nove mesi e dal quale non si era mai ripreso. L’attore e comico reggino Giacomo Battaglia, è morto questa notte a soli 54 anni. Noto per le sue esibizioni esilaranti in coppia con Gigi Miseferi, il duo balzò all’attenzione del grande pubblico con le esibizioni al Bagaglino. Tra le loro imitazioni più amate e conosciute quelle di Sandro Ciotti e Bruno Vespa. Proprio da Vespa Battaglia è stato più volte ospite nella trasmissione Porta a Porta per le sue imitazioni. Per anni una coppia inossidabile, anche grazie alla realizzazione di decine di spettacoli teatrali. La ribalta nazionale per i due arrivò nel 1990 con la trasmissione Rai “Stasera mi butto”, grazie alla quale Pier Francesco Pingitore, calabrese come loro ma di Catanzaro, li scoprì chiamandoli a fare parte dello spettacolo “Troppa Trippa” della compagnia del Teatro Bagaglino di Roma. Da allora Battaglia e Miseferi diventarono membri stabili della compagnia, dando vita a sketch comici e imitazioni. Molte anche le partecipazioni alla trasmissione televisiva “Quelli che il calcio…” come tifosi della Reggina ai tempi d’oro della serie A

Giacomo Battaglia

Camera ardente e funerali a Reggio Calabria

Pur colpito dalla grave malattia, Battaglia, fino a che le condizioni di salute glielo hanno permesso, ha proseguito la sua attività culturale, scrivendo il romanzo “Mia madre non lo deve sapere”. E a chiunque lo avvicinava ripeteva continuamente: “Chi non ride è fuori moda”. Domani alle 10,30 al Teatro “Francesco Cilea” sarà aperta la camera ardente per l’omaggio alla salma di tutti i cittadini. Il funerale del comico invece si terrà nella Chiesa degli Artisti di San Giorgio al Corso, alle ore 15:00.

La commozione Gigi Miseferi “Ciao Giacomo! Fratello, Amico Collega”

Parole di grande commozione sono arrivate da Gigi Miseferi “Ciao Giacomo! Fratello, Amico Collega! La mia vita sarà sempre declinata al plurale!!!“. Amico fraterno e partner sul palcoscenico di Giacomo Battaglia, ha così salutato l’attore comico scomparso in Calabria dopo il grave ictus che lo aveva colpito nel giugno scorso. Miseferi, che con Battaglia condivise molti successi professionali dagli anni Novanta in poi, ha manifestato il suo cordoglio con un breve post apparso su Facebook “non so come esprimere il dolore e il dispiacere per l’addio di Giacomo. Con affetto mi unisco a tutti coloro che lo amano. Ciao Giacomo“.

In un’intervista di gennaio al Fatto Quotidiano, commuovendosi aveva raccontato il motivo della separazione con Battaglia “Mi domandano in molti ma come ci siamo separati. Purtroppo è successo che a gennaio dello scorso anno a Giocomo è stata diagnosticata una terribile malattia, per la quale è stato operato. Si è sottoposto a dei cicli di terapia. Come un leone ha continuato la tournée con me e con Pippo Franco. Purtroppo a giugno scorso, al termine di uno spettacolo nel quale Giacomo è stato letteralmente perfetto, non c’era nessun segno di nulla, a distanza di qualche ora è stato colpito da un ictus e da quel momento dorme un sonno molto profondo”.

Battaglia e miseferi

Il cordoglio di Oliverio “profondo senso di commozione”

Anche il presidente della regione Calabria Mario Oliverio ha espresso il suo personale cordoglio per la scomparsa del popolare comico e attore reggino “ci lascia un profondo sentimento di commozione la notizia della scomparsa di Giacomo Battaglia, attore calabrese che in questi mesi ha combattuto una dura lotta per la vita. Conserveremo il ricordo dei sorrisi che dai palchi più importanti d’Italia ha strappato a tutti noi, insieme al suo compagno di sempre Gigi Miseferi. I loro sketch carichi di ironia e di talento resteranno nella memoria di tutti i calabresi e non solo. In queste ore di lutto ci uniamo alla sua famiglia, all’amico e collega Miseferi”.