ASCOLTA RLB LIVE
Search

SanitĂ  e carenza di personale. 400 infermieri: “si assuma attingendo dalle graduatorie”

Gli infermieri chiedono lo sblocco del turn over e che la graduatoria approvata a gennaio sia aperta alle assunzioni in tutte le aziende della regione

.
COSENZA – Una lettera ma anche una dura presa di posizione per 398 infermieri vincitori, lo scorso autunno, di un concorso con oltre 1.800 candidati tenuto all’ospedale “Annunziata Mariano S. Barbara di Cosenza”. Fatta eccezione per la chiamata dei vincitori e di un’altra trentina di persone, da oltre due mesi la situazione è di blocco totale nonostante le ultime vicende sulla sanitĂ  in Calabria abbiano nuovamente messo in evidenza l’ormai cronica carenza di organico nelle varie strutture sanitarie regionali.
Una delegazione di infermieri nelle scorse settimane è riuscita ad avere un incontro in Regione, dove è stata presentata formale richiesta al Commissario Saverio Cotticelli per la riapertura delle graduatorie. Richiesta recapitata anche a tutte le ASP ed AO del territorio regionale a cui si chiede di recepire il decreto emanato
dall’ex commissario alla sanitĂ  Massimo Scura a luglio dello scorso anno, nel quale si autorizzavano le aziende del servizio sanitario regionale all’assunzione a tempo indeterminato di circa 1300 unitĂ  tra infermieri e altro personale.
“sono un infermiere, e scrivo a nome di circa 400 miei colleghi  vincitori del concorso presso l’ospedale Annunziata di Cosenza – si legge nella lettera inviata alla nostra redazione – La nostra volontĂ  è quella di rendere noto, sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica su quanto le cronache nazionali hanno detto della sanitĂ  in Calabria.  Il nostro obiettivo è che la nostra graduatoria approvata a gennaio venga aperta alle assunzioni in tutte le aziende della regione Calabria, nelle quali vi è un enorme carenza di personale. Abbiamo formalizzato una richiesta protocollata tutte le aziende del sistema sanitario regionale, consegnata a mano al Dottor generale Saverio Cotticelli, attuale commissario ad acta per la sanitĂ  in Calabria il quale ha assunto l’impegno di portare avanti le nostre volontĂ , invitando le aziende ad accingere unitĂ  di personale dalla nostra graduatoria favorendone così lo scorrimento completo, evitando ulteriori costi che comporterebbero altre procedure di assunzione“.