Marijuana coltivata su terreno demaniale, due arresti

Il sistema di irrigazione era alimentato da un allaccio abusivo alla condotta idrica del Comune

 

ARDORE (RC) – Oltre ottomila arbusti sono stati trovati in una piantagione di cannabis scoperta e sequestrata in un terreno demaniale di Ardore Marina dagli agenti del Commissariato di Siderno che hanno arrestato e posto ai domiciliari un cinquantenne ed un quarantasettenne. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Locri su richiesta della Procura Locrese. La piantagione posta sotto sequestro era servita da un impianto di irrigazione allacciato abusivamente alla condotta idrica del comune. La vendita della sostanza stupefacente che poteva essere ricavata dalla cannabis coltivata avrebbe consentito di introitare una somma pari a circa cinque milioni di euro.