ASCOLTA RLB LIVE
Search

Reggio, rubati mezzi per la manutenzione comunale

Rubati la scorsa notte due nuovi mezzi del Comune di Reggio Calabria appena concessi in comodato a “Castore Srl”, societĂ  in house di servizi che gestisce l’area delle manutenzioni del municipio reggino

 

REGGIO CALABRIA – I mezzi si trovavano all’interno del magazzino della societĂ  comunale, in via Eremo Condera localitĂ  Lazzaretto, dove si trova la sede della nuova in house voluta dall’Amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe FalcomatĂ  dopo lo scioglimento della ex Multiservizi. Lo riferisce una nota dell’ufficio stampa del Comune. “In particolare, persone non identificate – si aggiunge nel comunicato – si sono introdotte nella notte, forzando il cancello del magazzino, ed hanno portato via due macchine operatrici Caterpillar, un mini escavatore e una mini pala, che erano state appena concesse in comodato dal Comune alla societĂ , che negli ultimi mesi, dopo le procedure di assunzione, è entrata nella fase della piena operativitĂ  aumentando anche il parco mezzi a disposizione”.

“Sdegno per il grave accaduto” è stato espresso, in una nota, dal sindaco Giuseppe FalcomatĂ , informato del furto questa mattina dall’Amministratore unico di Castore, Giuseppe Quattrone. “É un gesto ignobile – ha commentato il sindaco -. Le macchine sottratte erano una dotazione fondamentale per la nuova societĂ  che ha iniziato la sua operativitĂ  da poche settimane appena, fornendo un apporto decisivo al sistema delle manutenzioni comunali. Un settore storicamente sofferente sul quale siamo dovuti intervenire in maniera strutturale rifondando da capo la societĂ  in house ed avviando il percorso per l’assunzione e la contrattualizzazione del personale.

Oggi che questo lungo iter è concluso e la societĂ  è finalmente operativa ci troviamo di fronte a questo episodio inqualificabile. E’ evidente che il fatto che ci sia una societĂ  comunale pienamente funzionante che opera nel campo delle manutenzioni abbia dato fastidio a qualcuno. Qualcuno vorrebbe riportarci indietro, rallentando il percorso di crescita che abbiamo avviato. Ma noi non ci fermiamo, non arretriamo di un passo”.