ASCOLTA RLB LIVE
Search

Medico aggredito: la solidarietĂ  dei colleghi in un sit-in

Presente l’ambulante che l’ha salvata, salutato da un applauso. L’Asp convocherĂ  una riunione interna per migliorare la sicurezza generale

 

CROTONE – I medici dell’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone si sono ritrovati oggi nella biblioteca del presidio per riflettere, nell’ambito di un sit-in, sull’aggressione compiuta ieri ai danni dela loro collega Maria Carmela Calindro, per esprimerle solidarietĂ  e vicinanza e per ringraziare Mustafa El Aoudi, l’ambulante marocchino che ha impedito che l’aggressione potesse sfociare in una tragedia. Mustafa è stato salutato dall’applauso di tutti i medici all’ingresso nella biblioteca.

“Quello che è accaduto non è un fatto circoscritto all’ospedale – ha detto Pino Fico, direttore generale facente funzioni dell’Azienda sanitaria provinciale di Crotone – ma a tutta la cittĂ . Il clima cittadino è quello che esprimiamo in questa vicende”. Il dirigente ha rivelato che l’Asp domani convocherĂ  una riunione interna per migliorare la sicurezza generale. “GiĂ  dopo l’aggressione di qualche mese fa ad un altro nostro professionista avevamo messo in campo alcune iniziative per rafforzare la sicurezza. Adesso dobbiamo migliorare ancora”. Fico ha annunciato che a breve prenderanno il via i lavori del nuovo pronto soccorso, uno dei principali punti caldi dell’ospedale, che sono stati appaltati. Durante l’iniziativa sono state distribuite delle spille arancio e blu per ribadire la lotta alla violenza contro le donne e la responsabilitĂ  e professionalitĂ  dei medici offesa da gesti di violenza. Una è stata data anche a Mustafa.