Sisma Pollino: Gabrielli: «ottima la gestione delle evacuazioni» - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Sisma Pollino: Gabrielli: «ottima la gestione delle evacuazioni»

Avatar

Pubblicato

il

MORMANNO – “Vomitate” d’energia. Dal ventre del gigante montuoso del Pollino continuano ad uscire veementi e violente scosse dimedia e grande intensità. Da due anni le popolazioni dei territori al confine tra Calabria e Basilicata sono psicologicamente provate dal sisma che, con le 100 scosse

registrate da poco dopo l’1 alle 7 di stamani hanno fatto impennare il bilancio progressivo a 2500. Il sisma di stanotte ha lacerato parecchi edifici, soprattutto nella parte storica di Mormanno, Morano, Laino Casltello, Laino Borgo, tutti centri del Pollino, nel distretto di Cosenza, nonchè Viggianello e Rotonda, nel potentino. La scossa di magnitudo 5, registrata dai sistemi radar del’Istituo nazionale di Geofisica e Vulcanologia, appena cinque minuti dopo l’1, è stata la più forte. Così intensa da essere stata avvertita sul Tirreno cosentino, a Cosenza, a Catanzaro e anche in altre parti della regione, distanti parecchi chilometri dall’epicentro del sisma. La rete telefonica è andata in tilt, così come anche l’erogazione dell’energia elettrica. La macchina dei soccorsi s’è messa subito in azione. Il comandante dei vigili del fuoco di Cosenza, Novello, ha immediatamente disposto il raddoppio dei turni dei suoi uomini. Gli eroi silenziosi del comando provinciale di viale della Repubblica, al pari dei loro colleghi dei vari distaccamenti del territorio cosentino, si sono subito diretti sul luogo del sisma,. per effettuare le prime oparazioni di soccorso e i sopralluoghi nei cosidetti edifici più a rischio. La mappa degli edifici “segnati” dalle scosse è in costante aumento: l’ospedale di Mormanno è stato evacuato, perchè dichiarato in pericolo. I paziente, ricoverati, sono stati immediatamente trasferiti in altri nosocomi: Lungro e Trebisacce. Le operazioni di “traporto” sono state gestite dal personale medico, paramedico ed infermieristico del 118 di Cosenza, nonchè dalle equipe mediche dislocate su tutto il territorio provinciale. Anche in questo caso è stato disposto il raddoppio dei turni di lavoro. Il prefetto di Cosenza Raffaele Cannizzaro, unitamente ai suoi funzionari s’è recato sul posto, per coordinare, insieme ai vertici regionali della Protezione Civile le operazioni di emergenza. Anche il colonnello Francesco Ferace, comandante dell’Arma provinciale è arrivato sul posto per coordinare i suoi uomini, nella gestione delle operazioni, soprattutto relative alla regolamentezione del traffico veicolare e alla repressione di eventuali fenomeni di furti nelle abitazioni sgomberate. Anche la cattedrale di Mormanno è ferita. La struttura religiosa è stata dichiarata inagibile. Elicotteri dei carabinieri e dei vigili del fuco dalle prime luci dell’alba sorvolano il territorio interessato dal sisma. Alle 10 a Mormanno arriverà anche il capo della Protezione Civile , Franco Gabrielli. Il numero uno della Prociv, coordinerà insieme ai rappresentanti della protezuioe civile di Calabria e Basilicata le prime emergenze da sistemare. Innanzitutto la solidità e la stabilità degli edifici. Alcuni minuti dopo la prima scossa, quella come detto dell’1:05, Franco Gabrielli è stato in contattocon tutti i funzionari della Prociv di Calabria e Basilicata, nonchè in costante contatto con i prefetti di Cosenza e Potenza e con l’Arma dei carabinieri. Elogiando il perfetto fnzionamento della macchian dei soccorsi e la celerità delle operazioni di emergenza, il capo della Protezione civile nazionale ha fatto i complimeti alle popolazioni interessate dal sisma per essresi comportate saggimanete, attenendosi ai protocolli di evacuazione previsti. Anche Altomonte è in stato d’allerta. Il sindaco Gianpietro Coppola, infatti, ha segnalato abitazioni ed edifici a rischio. Purtroppo, il sisma ha fatto registrare anche un morto. Si tratta di un 85enne di Scalea, stroncato da un infarto. Un malore accusato per paura del sisma che gli è stato fatale. Le scuole dei territori del distrretto del Pollino sono state chiuse. Per ricordare un sisma così violento, bisogna fare un salto indietro nel tempo, riportando la memoria al 1998. Anche in quel caso il terremoto fu di alta intensità.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza