Presunto boss vuole portare la Madonna, carabinieri bloccano processione

I festeggiamenti religiosi sono ripresi solo dopo che il pregiudicato si è allontanato, avviate indagini

 

ZUNGRI (VV) – Processione ”sotto indagine” a Zungri. I carabinieri sono intervenuti nel paese per interrompere la processione della Madonna della Neve dopo che un presunto boss della ‘ndrangheta, Giuseppe Accorinti, di 59 anni, aveva preteso di essere incluso tra i portatori dell’effige. Alla richiesta si é opposto, però, il Comitato promotore dei festeggiamenti e ne é scaturita una discussione. A tutta la scena hanno assistito i carabinieri che erano in servizio d’ordine sul posto e che hanno immediatamente bloccato la processione.

 

Dopo che Giuseppe Accorinti é andato via la processione a Zungri si conclusa regolarmente. Il rito é stato autorizzato dai carabinieri su richiesta di alcuni fedeli e del Comitato promotore dei festeggiamenti i quali, dopo che Accorinti si era allontanato, hanno sostenuto che nessun motivo impediva lo svolgimento della processione. A quel punto i carabinieri della locale caserma, cui si erano aggiunti nel frattempo come rinforzo i militari della Compagnia di Tropea, al comando del capitano Dario Solìto, hanno autorizzato lo svolgimento della manifestazione religiosa, che si é svolta regolarmente.