Morde la testa del capretto e posta video su Facebook, denunciato

Brambilla (Movimento animalista): «La vera bestia è l’uomo. Una condotta crudele e ripugnante, aggravata dall’utilizzo dei social»

REGGIO CALABRIA – “E’ stato identificato dai carabinieri di Cinquefrondi, su segnalazione del Movimento animalista, l’uomo di Anoia che ieri sera ha postato su Facebook un filmato che lo mostra nell’atto di mordere la testa di un capretto come per divorarla”. Lo riferisce un comunicato dell’ufficio stampa della parlamentare Maria Vittoria Brambilla presidente del movimento. “L’animale, tra belati di terrore – è detto nel comunicato – ad un certo punto rimane quasi sospeso a mezz’aria tra le fauci del suo tormentatore, evidentemente compiaciuto. I carabinieri sono intervenuti anche per mettere in sicurezza gli altri animali detenuti dall’uomo e completare gli accertamenti del caso”. “Ringrazio per la prontezza – ha dichiarato Brambilla – i carabinieri, il responsabile del nostro nucleo operativo, Gabriele Merlo, le guardie zoofile di Enov-Falchi dello Stretto e tutti i volontari coinvolti. Questa condotta conferma che la vera bestia è l’uomo. Crudele e ripugnante in se stessa, è aggravata dall’utilizzo dei social media per diffondere online il video che la documenta, come se fosse accettabile e, anzi, un buon mezzo per procurarsi notorietà tra gli internauti. In un progetto di legge che ho appena ripresentato – aggiunge la parlamentare – propongo che l’utilizzo del web per diffondere immagini o filmati di sevizie ad animali sia punito con un aumento della metà della pena base. Le persone offese e le associazioni animaliste potranno agire per ottenere la tempestiva rimozione dei contenuti incriminati”

 

Anche i legali delle associazioni Gaia Animali e Ambiente onlus e Aic adottami in Calabria, hanno presentato dormale denuncia. Si legge in una nota: «Ancora una volta, siamo alle prese con un video che dimostra evidenti segnali che le leggi morali, in primis, poi quelle giuridiche in difesa degli animali non vengono rispettate.  F.R. di Reggio Calabria divulga un video su fb ove palesemente ed in maniera del tutto inopinata e con fare criminale, a dir poco, si diverta a maltrattare crudelmente e con malvagità bieca una capretta, prendendola a morsi. Il video suscita rabbia, sconcerto, vergogna  e malumori nel popolo del web, a giusta ragione. Sono prontamente intervenuti i Carabinieri della stazione di Cinquefrondi (RC) che ringraziamo per la rapidità dell’intervento.
L’Associazione Gaia Animali e Ambiente Onlus, rappresentata e difesa dall’avvocato Rossella Nigro,  e Aic Adottami in Calabria, rappresentata e difesa dall’avvocato Assunta Cosentino, hanno depositato formale denuncia alle Autorità competenti, nei confronti di questo soggetto e di eventuali altri responsabili. Ripristiniamo la legalità affinché tutti gli esseri senzienti vengano rispettati! Rispettate l’Altro è oltre ad essere un precetto di diritto Naturale, quindi sacro, un precetto di diritto positivo. Ricordiamolo sempre: “neminem laedere” sia che sia un Essere Vivente Umano, sia che sia un Essere Vivente Animale, l’integrità fisica e la vita sono Valori Supremi per Entrambi!»