Migranti Crotone, denunciato a Bruxelles il business delle navi fantasma - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Migranti Crotone, denunciato a Bruxelles il business delle navi fantasma

Avatar

Pubblicato

il

BRUXELLES – A pochi giorni dai tragici sbarchi sulle coste calabresi arriva la notizia di altri tre morti in mare e solo questa notte si è invece conclusa l’odissea di altri 74 uomini, fra questi uno in gravissime condizioni di salute.

Cronaca quotidiana di tragedie che dimostra chiaramente come la priorità dell’ UE di smantellare la rete dei trafficanti di esseri umani abbia dato scarsissimi risultati. Nonostante si sia data grande enfasi alla sostituzione dell’ operazione italiana Mare Nostrum con l’ operazione europea “Triton”, l’Italia rimane una delle principali destinazioni dei flussi e su di essa gravano la maggior parte degli oneri di soccorso e di accoglienza. Le leggi del mare impongono alle nostre navi di soccorrere chiunque si trovi in difficoltà. Nell’ultima plenaria si è discusso della nuova strategia dei trafficanti e del nuovo fenomeno delle navi fantasma cariche di migranti. Esse vengono apparentemente abbandonate dagli equipaggi, dopo l’ inserimento del pilota automatico lungo le rotte che dalla Turchia portano in Europa e si fermano a poche decine di miglia dalle nostre coste: un pericolo per la sicurezza della navigazione e della vita umana.

 

Indagini sui recenti sbarchi in Calabria, Puglia e Sicilia rivelano che il business delle carrette del mare riempite di migranti è di grandi proporzioni, frutta milioni di dollari, così come quello legato ai sistemi di accoglienza finanziati con fondi pubblici, come dimostrato dallo scandalo Mafia Capitale. Cosa può fare l’Europa? La nostra proposta è di agire di più e meglio a livello preventivo, con forme di cooperazione che colpiscano i trafficanti nei loro contesti territoriali. Sappiamo che dai porti turchi partono continuamente navi di migranti che attraversano le acque di altri Stati, ma nessuno interviene. L’Unione Europea e gli Stati membri che si affacciano sul Mediterraneo non possono più rimandare il contrasto fermo ad ogni forma di connivenza. Bisogna agire alla fonte cooperando per un miglior scambio di informazioni che permettano di individuare strumenti idonei a contrastare il traffico di esseri umani, tutelare i diritti fondamentali e garantire i paesi maggiormente sottoposti alla pressione dei flussi.

 

 Laura Ferrara Europarlamentare Meovimento Cinque Stelle

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza