Rinviato al 2015 il primo Consiglio Regionale della nuova legislatura

REGGIO CALABRIA – Troppe assenze, la prima seduta slitta a Gennaio.

E’ stata rinviata al 7 e 8 gennaio 2015 la seduta del Consiglio regionale della Calabria, originariamente programmata per il 29 e 30 dicembre, con all’ordine del giorno l’elezione del Presidente del Consiglio e del nuovo Ufficio di Presidenza. La decisione di rinviare la riunione della nuova assemblea, eletta in occasione della consultazione svoltasi il 23 novembre scorso, è stata presa dal presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico, sentito il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. “Alla decisione – è detto in un comunicato – si è giunti sulla base della richiesta formale, pervenuta alla Presidenza del Consiglio, del consigliere regionale di Forza Italia Ennio Morrone (già capogruppo dello stesso partito) che non può prendere parte alla seduta del 29 dicembre. Nella stessa richiesta, è fatto riferimento, inoltre, anche all’impossibilità per altri consiglieri regionali di opposizione di essere presenti alla seduta del 29 in quanto fuori sede”.

 

“Considerato che si tratta della prima seduta d’avvio della X Legislatura regionale – ha sostenuto il presidente Talarico – si è ritenuto opportuno, sentito il presidente Oliverio, il rinvio al 7 gennaio per garantire la partecipazione di tutti e trenta i consiglieri regionali”. ”E’ un rinvio chiesto da Forza Italia perché molti consiglieri sono assenti, ma non ce ne saranno altri”. Ha garantito il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. “In attesa del primo Consiglio e della nuova Giunta, che sarà nominata dopo la modifica dello Statuto – ha aggiunto Oliverio – stiamo lavorando per cercare di recuperare le risorse comunitarie che rischiano di andare perdute perché non utilizzate. Abbiamo perso un anno, ma abbiamo già comunicato il programma per il 2014-2020 e siamo certi di poter recuperare, nonostante le difficoltà, il tempo perduto”

 

“Al fine di evitare pretestuose strumentalizzazioni – ha spiegato Oliverio – mi preme ribadire che il Consiglio regionale è stato rinviato su formale richiesta dell’on. Ennio Morrone, capogruppo uscente di Forza Italia. Nella lettera inviata al presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, Morrone infatti esplicita: ‘il motivo della richiesta consiste nell’impossibilità a partecipare alla seduta programmata in quanto costretto a letto da febbre alta e sconsigliato dai medici ad uscire per alcuni giorni. Ti faccio presente che anche altri consiglieri sono impossibilitati, perché fuori regione, ad essere presenti al Consiglio regionale del 29 dicembre. Attesa l’importanza di questo Consiglio, ritengo basilare la presenza dell’intera minoranza”. “Ho ritenuto pertanto di non oppormi al rinvio – sostiene ancora Oliverio – esclusivamente per il rispetto dovuto verso una formale richiesta di una rappresentanza istituzionale”.