Cresce l’imprenditoria giovanile

Una buona notizia: cresce l’imprenditoria giovanile. L’Assessore alle Attività Produttive della Regione Calabria, Antonio Caridi, ha commentato con soddisfazione i dati forniti dal Gruppo Giovani Imprenditori Confcommercio di Catanzaro relativamente all’incremento di titolari ed amministratori under 30 in Calabria.

Dall’analisi – informa una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale – è scaturito che la percentuale di amministratori di aziende sotto i 30 anni in Calabria è superiore a quella che si registra in tutte le altre Regioni.Come rilevato dallo studio dei giovani di Confcommercio in Calabria quasi l’8% sul totale di amministratori e titolari d’impresa non superano la soglia dei 30 anni. Secondo l’Assessore Caridi «è un dato estremamente gratificante che deve costituire il giusto stimolo per proseguire lungo il percorso intrapreso dal governo regionale del presidente Scopelliti in direzione di una particolare attenzione verso i giovani, le loro problematiche, il loro futuro nel mondo del lavoro. Si tratta altresì – ha aggiunto soddisfatto l’Assessore regionale – di un preciso indicatore rispetto alla positività delle azioni avviate dalla giunta regionale, che stanno producendo risultati concreti e determinano una decisa spinta alla creazione di attività imprenditoriali da parte dei giovani calabresi. In particolare – ha sottolineato Caridi – sono state numerose le iniziative avviate dal Dipartimento Attività Produttive indirizzate a promuovere e sostenere la nascita di nuove imprese, con un’attenzione significativa per le fasce giovanili. Di rilievo soprattutto il bando per la realizzazione di idee rivolto ai nuovi giovani imprenditori che, a breve, consentira’ di utilizzare risorse per circa 20 milioni di euro nella costruzione di imprese ex novo. Un’attivita’ impegnativa, realizzata con il contributo determinante delle associazioni di categoria sempre coinvolte nei processi decisionali, in un’ottica di concertazione e condivisione degli obiettivi».

Per l’assessore Antonio Caridi «questa scelta di investire sulla qualita’ dei giovani calabresi risponde pienamente alle potenzialita’ di questa fascia d’eta’, che costituisce una sicura garanzia per il futuro della Calabria ma si puo’ considerare come un investimento che, in un momento di grave crisi, puo’ restituire fiducia all’intero sistema produttivo regionale.In questo senso – ha concluso l’Assessore Caridi – il primato della Calabria per presenza di giovani imprenditori testimonia la fiducia nella bonta’ del lavoro fin qui svolto dal governo Scopelliti, che sta proseguendo con immutato impegno in questa direzione»