Udc, Regione inadempiente su indennizzi danni emotrasfusione - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Udc, Regione inadempiente su indennizzi danni emotrasfusione

Avatar

Pubblicato

il

(ASCA) – Catanzaro, 1 ott – ”Sulla rivalutazione dei ratei sugli indennizzi” per danni da emotrasfusione, ”tra le regioni italiane che risultano inadempienti c’e’ la Calabria, cosi’ come gia’ evidenziato da Gianluca Gallo, vice-capogruppo dell’UDC al Consiglio regionale”. Lo denuncia Ludovico Abenaloli, dell’Udc di

Catanzaro che aggiunge: ”oltre al danno la beffa quindi, per questi pazienti della nostra regione e per le loro famiglie. Infatti la situazione e’ resa ancora piu’ pesante se si considera che le infezioni da epatite B, C e HIV, sono condizioni patologiche altamente invalidanti e gravate da alti tassi di invalidita’ e di mortalita’. Quindi, alla luce della vigente normativa e di quanto deciso dalla Corte Costituzionale, chiediamo ai vertici della sanita’ calabrese di tutelare questi nostri concittadini attraverso la verifica di questa criticita’, finalizzata alla rimozione degli ostacoli che evidentemente si frappongono all’applicazione di una legge dello Stato”.

La trasmissione di malattie come l’epatite B, C e l’HIV attraverso il sangue, e’ una delle modalita’ di contagio maggiormente frequenti e piu’ dirette. Il rischio di entrare in contatto con sangue infetto risulta particolarmente elevato quando vengono eseguite alcune pratiche mediche. E’ quanto avviene ad esempio nei contesti ospedalieri, per malati con gravi difetti nella coagulazione come l’emofilia o affetti da anemie congenite come la talassemia, che devono sottoporsi a cure a base di emoderivati, o persone con tumori che interessano il sangue, e che hanno bisogno di continue trasfusioni. Non risultano pero’ immuni gli operatori sanitari, che possono essere esposti al contagio proprio per l’opera assistenziale di prima linea, che prestano a diretto contatto con i pazienti.

La legge 210 del 1992 ha riconosciuto il diritto ad ottenere un indennizzo a tutti coloro che hanno subito un danno permanente a causa di vaccinazioni, trasfusioni, somministrazione di emoderivati sia periodiche che occasionali, o infezioni contratte durante il lavoro come operatori sanitari. Possono fare domanda per tale indennizzo, anche il coniuge o convivente contagiato dal partner, il figlio contagiato dalla mamma durante la gestazione e gli eredi, nel caso in cui la persona danneggiata abbia nel frattempo perso la vita. Inoltre cosi’ come ribadito dalla Corte costituzionale, a questi pazienti spetta una rivalutazione dell’indennizzo da aggiornare periodicamente in rapporto al tasso d’inflazione.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza