Delitto di Monasterace, Pilato: 'non ricordo nulla'. Una fiaccolata per Mary - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Delitto di Monasterace, Pilato: ‘non ricordo nulla’. Una fiaccolata per Mary

Avatar

Pubblicato

il

MONASTERACE (RC) – Fiaccole accese in memoria di Mary Cirillo, la giovane mamma uccisa dal marito lunedì scorso.

Ieri sera a Monasterace un migliaio di persone hanno preso parte alla fiaccolata organizzata da alcune associazioni del territorio. All’iniziativa hanno partecipati anche i sindaci di Monasterace, Cesare Deleo, e di altri comuni del comprensorio ed alcuni familiari della vittima, tra cui la sorella Giovanna. Alcuni dei parenti di Mary Cirillo familiari indossavano una maglietta bianca con il volto stampato della vittima. In testa al corteo un lungo striscione bianco con la scritta “No al femminicidio”. Sempre ieri alle 15.30 si sono svolti anche i funerali della giovane, nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore, officiata dal nuovo vescovo di Locri-Gerace mons. Francesco Oliva che nel corso dell’omelia ha detto rivolgendosi a Mary Cirillo “Dormi mamma, ma continua a vegliare sui tuoi figli”. Per l’occasione, il primo cittadino di Monasterace, ha proclamato il lutto cittadino.

 

 

MARY UCCISA CON DUE COLPI DI PISTOLA
Per quanto riguarda l’esito dell’esame autoptico eseguito sul corpo di Mary Cirillo, è emerso che la giovane è stata assassinata con due colpi di pistola calibro 7.65, uno in bocca e l’altro alla tempia. Intanto sabato mattina, il presunto autore dell’omicidio, il marito Giuseppe Pilato, si è presentato in caserma, accompagnato dai suoi legali ma ai militari ha detto di non ricordare nulla. Poche parole quelle pronunciate dall’uomo al pm della Procura di Locri Rosanna Sgueglia che lo ha interrogato e gli ha notificato il provvedimento di fermo con le accuse di omicidio volontario e porto e detenzione illegale della pistola calibro 7.65 usata per il delitto e che ancora non è stata trovata. E “non ricordo” sono state le parole usate da Pilato anche per rispondere ad altre domande del pm, come quelle su dove è stato in questi cinque giorni, se ha visto qualcuno, cosa ha fatto. L’uomo dice di non ricordare, ma la Procura ed i carabinieri del Gruppo di Locri, guidati dal colonnello Giuseppe De Magistris, e della Compagnia di Roccella Ionica, non sembrano avere dubbi sulle sue responsabilità.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza