Chi non licenzierà i lavoratori sarà finanziato dalla Regione

CATANZARO – Presentato dall’assessore Salerno il bando per il mantenimento dell’occupazione.

“Praticamente – ha spiegato l’assessore regionale al lavoro – attraverso un Fondo di rotazione, in un momento in cui le banche non concedono credito, la Regione concede liquidità ai titolari di partita Iva che si impegnano a non licenziare per almeno 36 mesi. Inoltre, anche con il contributo della Fondazione Calabria etica, abbiamo snellito e velocizzato le procedure: sono sufficienti, infatti, 30- 45 giorni dalla presentazione delle domande per l’erogazione di un finanziamento a tasso agevolato, della durata massima di 60 mesi a decorrere dalla data di sottoscrizione del contratto, alle micro, piccole e medie imprese, ai lavoratori autonomi, alle società partecipate dagli enti locali e degli organismi in house”.+

 

Il tasso applicato ai finanziamenti concessi è in misura fissa pari all’1%. Le risorse finanziarie messe a disposizione dell’intervento ammontano a 20 milioni di euro. Il finanziamento massimo ammissibile per singola impresa è pari a 500 mila euro. L’importo del finanziamento teorico è determinato in base alla categoria di appartenenza delle imprese moltiplicato il numero dei dipendenti. Importo massimo per dipendente: micro impresa 15mila euro; piccola impresa 12.500,00; media impresa, lavoratori autonomi, società partecipate da enti locali ed organismi in house 10 mila euro. L’avviso Pubblico è a sportello ed ha validità, in una prima fase, fino ad esaurimento delle richieste presentate. Successivamente, comunque, l’effetto rotazione consentirà di finanziarie le altre imprese sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle domande.

 

I soggetti beneficiari alla data di presentazione della domanda, devono avere come codice Ateco 2007 di attività primaria una delle seguenti macroaree: agricoltura; silvicoltura e pesca; estrazione di minerali da cave e miniere; attività manifatturiere; fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti, risanamento; costruzioni commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli; trasporto e magazzinaggio; attività di servizi di alloggio e di ristorazione; servizi di informazione e comunicazione; attività finanziarie e assicurative, immobiliari, professionali, scientifiche e tecniche; noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese; istruzione sanità e assistenza sociale; attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento. Il bando è stato pubblicato ieri sul Burc. I progetti potranno, quindi, essere presentati da oggi in plico chiuso tramite raccomandata a/r. Farà fede il timbro e l’orario di accettazione dell’ufficio postale di provenienza.