ASCOLTA RLB LIVE
Search

Venerdì in consiglio regionale il piano rifiuti. Pugliano: “se non si approva, mi dimetto”

REGGIO CALABRIA – Il Consiglio regionale si riunirà nuovamente venerdì 25 luglio per affrontare, come unico punto all’ordine del giorno, l’esame del piano regionale dei rifiuti.

E’ questa la decisione maturata al termine della seduta dell’Assemblea conclusasi in tarda serata e dedicata principalmente all’approvazione della programmazione comunitaria 2014-2020 e della documentazione che entro la giornata di oggi deve essere inviata a Bruxelles. Prima di venerdì sarà necessario un ulteriore passaggio in seconda Commissione Bilancio per approvare la cosiddetta ‘invarianza di spesa’. Tra le minacce di dimissioni dell’assessore all’Ambiente Francesco Pugliano e gli annunci del Pd di abbandonare l’aula, si è andati avanti per ore con un estenuante dibattito che ha evidenziato le criticità e le riserve su un testo definito poco convincente anche dai banchi della maggioranza. Il consigliere Aurelio Chizzoniti ha sottolineato alcune incongruenze tra il testo approvato in Commissione e quello approdato in Aula, in particolare il primo comma dell’art. 7 “che non è quello che ho votato in aula”, ha detto Chizzoniti, mentre l’assessore Pugliano ha ribadito le difficoltà che sarebbero derivate dalla mancata approvazione del Piano sul sistema rifiuti che avrebbe rischiato di passare inesorabilmente sotto la gestione commissariale dei Prefetti. Solo a tarda sera un’improvvisata riunione dei capigruppo al banco della presidenza ha consentito di avviare l’esame dei punti all’ordine del giorno.

 

Sono stati così approvati, a maggioranza, la Proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale recante: “Approvazione della strategia regionale per l’innovazione e la specializzazione intelligente e della proposta di POR Calabria FESR e FSE 2014-2020” e la Proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale recante: “Approvazione del Programma di Sviluppo Rurale della Calabria per il periodo 2014-2020 – cofinanziato dal Feasr – e inoltrato alla Commissione Europea”. Un’altra lunga trattativa è stata dedicata alla proposta di legge numero di iniziativa della Giunta regionale recante Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 16 aprile 2002, n. 19 (Norme per la tutela, governo ed uso del territorio – Legge Urbanistica della Calabria)”, risolta con la definizione di una nuova scadenza per i Comuni che non hanno ancora dato seguito alla partecipazione ai bandi. Il nuovo termine di proroga concordato dal Consiglio è fissato al 31 gennaio 2015, “considerato – ha spiegato l’assessore all’urbanistica Alfonso Dattolo – che plausibilmente il nuovo governo regionale non dovrebbe essere operativo prima di fine dicembre e ciò anche per evitare una ulteriore proroga urgente”.

 

L’Aula ha quindi licenziato la Proposta di provvedimento amministrativo recante: “Programmazione Comunitaria 2014/2020 – Adozione del Documento di Orientamento Strategico”, la proposta di provvedimento amministrativo recante: “Adozione della proposta di riprogrammazione del POR calabria FERS 2007/2013 e autorizzazione all’Autorità di gestione a sottoporla ai membri del Comitato di Sorveglianza e notificata alla Commissione Europea”, la proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale recante: “Approvazione della strategia regionale per l’innovazione e la specializzazione intelligente e della proposta di POR Calabria FESR e FSE 2014-2020”.

 

In chiusura è stato approvato, inoltre, l’ordine del giorno d’iniziativa del consigliere Candeloro Imbalzano “Sulla soppressione del provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria per la Calabria di Catanzaro”, che impegna il presidente della Giunta regionale ad assumere ogni utile iniziativa istituzionale per scongiurare la soppressione del Provveditorato. Approvato un analogo ordine del giorno presentato dal consigliere Gianluca Gallo. L’ultima votazione è stata dedicata per l’approvazione di un ordine del giorno di iniziativa del consigliere Fausto Orsomarso in ordine ai protocolli d’intesa tra la Regione Calabria e la Regione di Tula della Federazione Russa e la Regione Calabria e la Regione di Brest della Repubblica Bielorussa.