ASCOLTA RLB LIVE
Search

Ufficiale giudiziario muore accoltellato, moglie sfugge alla furia omicida dell’assassino

Gravemente ferito il figlio dell’agente ucciso. Fermato il presunto autore dell’agguato omicida.

 

FRANCAVILLA ANGITOLA (VV) – Un ufficiale giudiziario è stato assassinato a Francavilla Angitola, in provincia di Vibo Valentia. Mario Torchia sessantenne in servizio presso l’Unep del Tribunale di Vibo è stato accoltellato oggi pomeriggio in strada nel centro Comune in cui risiede con la propria famiglia. I fendenti sferrati dall’assassino lo hanno colpito al torace e al capo provocandone la morte immediata. Con la stessa arma è stato ferito Giuseppe Torchia, figlio venticinquenne dell’agente, trasportato in elisoccorso all’ospedale Ciaccio di Catanzaro per un intervento chirurgico d’urgenza. Sul caso indagano i carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia e delle stazioni di Pizzo Calabro e Filadelfia che pare abbiano già individuato e fermato il presunto assassino del sessantenne. Pare si tratti di F.C., un giovane del posto con problemi psichiatrici. L’aggressione è avvenuta intorno alle 17.00 quando con una telefonata al 118 è stato sollecitato l’intervento dei sanitari per soccorrere i due feriti. Mario Torchia era molto conosciuto a Francavilla Angitola per il suo impegno politico che negli anni lo ha portato a ricoprire la carica di consigliere comunale. La moglie che era presente al momento dell’aggressione è riuscita a divincolarsi ed evitare di essere colpita dall’assassino.

 

Mario Torchia pare sia stato ucciso da Foca Carchedi un giovane di 29 anni. Secondo una prima ricostruzione dai fatti eseguita dai carabinieri, Torchia é intervenuto in difesa del figlio, che stava litigando con Carchedi, e nella colluttazione avuta con quest’ultimo é stato raggiunto da una coltellata che ne ha provocato la morte istantanea. L’omicida é stato individuato poco dopo dai carabinieri nella sua abitazione ed è stato portato nella caserma di Filadelfia dei carabinieri, dove sarà interrogato dal pm di turno della Procura della Repubblica di Vibo Valentia. Carchedi da tempo era in contrasto col figlio di Torchia – che è in gravi condizioni nell’ospedale di Catanzaro – per motivi che sono adesso al vaglio dei carabinieri. L’omicida, secondo le prime notizie, é figlio di un medico e la sua famiglia é una delle più note di Francavilla Angitola, centro di poco più di 1.500 abitanti. Il presunto assassino era amico di famiglia dell’ufficiale giudiziario vittima dell’omicidio. Carchedi, tre giorni fa, era stato anche a pranzo dalla famiglia Torchia.