Appalti e 'ndrangheta: fermati 35 imprenditori. Sigilli al parcheggio di Piazza Bilotti (FOTO e VIDEO) - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Appalti e ‘ndrangheta: fermati 35 imprenditori. Sigilli al parcheggio di Piazza Bilotti (FOTO e VIDEO)

Avatar

Pubblicato

il

Appalti pubblici finivano nelle mani delle cosche grazie ai rapporti tra imprenditori e boss: 35 imprenditori fermati e 54 imprese sequestrate a titolo preventivo in tutta Italia. Tra gli imprenditori coinvolti figurano il gruppo Bagalà di Gioia Tauro e quello Barbieri di Cosenza. Fiamme gialle a Piazza Bilotti. Sotto sequestro il parcheggio e le società che gestiscono l’avio superficie di Scalea e la LORICA SKI per gli impianti di risalita di Lorica. Gratteri: “Tra il Tirreno cosentino e Cosenza tutta una combine, come nel calcio”

 

REGGIO CALABRIA – E’ scattata all’alba un’operazione della Guardia di Finanza che sta interessando i territori di Reggio Calabria e Cosenza e che ha portato al sequestro di 54 imprese in tutta Italia. Sono in corso di esecuzione 35 provvedimenti di fermo, emessi dalle direzioni distrettuali antimafia di Reggio e Catanzaro, nei confronti di altrettanti imprenditori. Gli indagati sono accusati di essere riusciti grazie ai rapporti con boss della ‘ndrangheta del Reggino e del Cosentino ad aggiudicarsi decine di appalti pubblici nelle due province. Le 35 persone coinvolte sono responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere aggravata dall’art. 7 L.203/1991, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione e falso ideologico in atti pubblici nonché al sequestro preventivo di n. 54 imprese aventi sede su tutto il territorio nazionale.

GUARDA IL VIDEO DEL BLITZ

I provvedimenti rappresentano l’epilogo di un’articolata attività investigativa che ha consentito di accertare, da un lato, come un importante gruppo imprenditoriale operante nella piana di Gioia Tauro, si era posto come punto di riferimento della cosca “Piromalli” al fine di turbare almeno 27 gare indette da diverse stazioni appaltanti calabresi (nel periodo 2012/2015) riguardanti l’esecuzione di importanti lavori pubblici nel territorio gioiese: dall’altro, l’esistenza di un noto imprenditore che, grazie alle relazioni con il “clan Muto” (attivo sul tirreno Cosentino) nonché con il reggente della cosca cosentina
“Lanzino – Patitucci”, si è aggiudicato i più importanti appalti della Provincia di Cosenza nel periodo 2013/2015.

.

Le imprese al servizio dei clan condizionavano gare d’appalto

L’illecito modus operandi, posto in essere grazie anche ai rapporti corruttivi con funzionari appartenenti alle medesime stazioni appaltanti nonché all’operato di diversi professionisti collusi, ha consentito di sviare il regolare svolgimento delle gare pubbliche mediante la costituzione di un cartello composto da oltre 60 società che, attraverso la presentazione di offerte precedentemente concordate, è stato in grado di determinare l’aggiudicazione degli appalti a una delle imprese della cordata. Proprio sotto tale profilo, nel corso delle indagini è stata individuata una cerchia di soggetti risultati pienamente inseriti in quella organizzazione che gli indagati, negli stessi dialoghi intercettati, hanno definito la “cumbertazione” (termine dialettale reggino utilizzato per indicare un’associazione “chiusa”).

 

In taluni casi, le predette imprese, scelte in ragione dei propri requisiti tecnici ed economici (come nel caso dei gruppi Cittadini e Barbieri), si sono prestate a partecipare fittiziamente alle gare, singolarmente o in ATI o RTI, per conto dell’organizzazione (ricevendo in cambio una percentuale che variava dal 2,5% al 5% sull’importo posto a base d’asta, al netto del ribasso), in altri casi, le stesse hanno presentato offerte fittizie, ricevendo in cambio, ad esempio, la garanzia che l’organizzazione, a sua volta, avrebbe presentato offerte fittizie per appalti di loro interesse così aiutandole ad aggiudicarsi le relative gare.

Foto operazione Finanza Home

Fiamme Gialle a Piazza Bilotti sequestrano parcheggio sotterraneo

Nel frattempo questa mattina le fiamme gialle hanno effettuato una perquisizione a Piazza Bilotti a Cosenza mettendo sotto sequestro il parcheggio sotterraneo. Diversi militari hanno recuperato documenti e faldoni riguardanti il cantiere (operai e mezzi utilizzati) che dovrebbe essere ultimato per fine febbraio, mentre la Piazza è stata inaugurata soltanto poche settimane fa. Ricordiamo che i lavori per la realizzazione della nuova Piazza sono stati effettuati dal Gruppo Barbieri operante sul Tirreno cosentino, lo stesso che si è occupato della realizzazione del nuovo impianto sciistico in Sila. Proprio il gruppo sarebbe finito nel mirino della Guarda di Finanza che ha provveduto a sequestrarne alcune quote societarie. Nel frattempo continuano i lavori di ultimazione del parcheggio da parte della ditta Sigea che sembrerebbe destinata ad apporre l’ultima pietra sull’opera dato che il contratto con la Barbieri group era stato già rescisso.

parcheggio bilotti

Il parcheggio sotterraneo di Piazza Bilotti – Cosenza

Le principali gare turbate dai clan:

Una fitta rete di rapporti di carattere finanziario/economico, che legava un importante gruppo imprenditoriale cosentino con gli esponenti di spicco di alcuni clan, quello dei “Muto” (operante sulla costa dell’alto Tirreno), quello bruzio “Lanzino – Patitucci” e quello reggino dei “Piromalli”. Nello specifico, seguendo gli spostamenti di un dipendente fidato dell’imprenditore intraneo alla cosca, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza hanno ricostruito le dinamiche, le relazioni e gli accordi con gli altri gruppi criminali operanti sul territorio calabrese.  Grazie a questi solidi intrecci, 10 aziende riconducibili allo stesso imprenditore sono riuscite ad aggiudicarsi i più importanti appalti (costruzione e gestione) nella provincia di Cosenza nel triennio 2013/2015. Il valore complessivo degli appalti ammonta ad oltre 100 milioni di euro derivanti dalla costruzione, riqualificazione e gestione venticinquennale (da qui il nome dell’operazione) degli impianti e dei servizi annessi. I cantieri interessati sono:

Riqualificazione e rifunzionalizzazione ricreativo-culturale di piazza “Carlo Bilotti e realizzazione di un parcheggio interrato, nonché relativa gestione per 28 anni del parcheggio multipiano, della struttura polifunzionale (ivi compreso il museo) e del MAB.

Finanza Piazza Bilotti 2

Comprensorio sport-natura di Lorica (CS) e relativa gestione degli impianti da parte della LORICA SKI per 25 anni

lorica-funivia

Riqualificazione delle aree prospicienti l’aviosuperficie di Scalea (CS) ai fini della realizzazione di servizi turistici e della riduzione dell’impatto ambientale, nonché relativa gestione per 25 anni da parte della società AEROPORTO DI SCALEA Srl,.

Aeroporto Scalea Riviera2

Per questi motivi, appurata la connotazione “mafiosa” dell’imprenditore e delle imprese a lui facenti capo, la DDA di Catanzaro ha disposto mirati provvedimenti cautelari reali puntando al sequestro dei cantieri sopracitati, delle 10 società coinvolte, dei relativi conti correnti, dei numerosissimi beni ad esse intestate: 38 immobili (ville, box, locali commerciali), 1 struttura alberghiera, munita di 144 camere e con annessa spiaggia, piscina, ristorante e impianti sportivi, 1 locale notturno (discoteca), 1 sala slot e videolottery, 5 automezzi. Il tutto per un valore di oltre 10 milioni di euro.

 

 Tra gli arrestati anche un Funzionario dell’Anas

C’è anche un funzionario  dell’Anas ed alcuni dipendenti di uffici tecnici dei Comuni della Piana di Gioia Tauro tra le 35 persone sottoposte a fermo nell’ambito dell’inchiesta coordinata dalle Direzioni distrettuali di Reggio Calabria e Cosenza.  Al centro delle indagini ci sono 27 gare d’appalto nel reggino, per un importo di oltre 90 milioni di euro, ed altre decine nel Cosentino. Gli appalti edili in questione riguardavano i lavori più disparati, tra i quali figurano anche la realizzazione di uno svincolo nel tratto reggino dell’autostrada A2, la vecchia A3 Salerno-Reggio Calabria.  Tra gli imprenditori coinvolti figurano il gruppo Bagalà di Gioia Tauro e quello Barbieri di Cosenza.

 

Federico Cafiero de Raho: “Fermi solo parte indagine piu’ ampia”

Si sono aggiudicati appalti nei settori più diversi e con la copertura delle società più diverse. Si tratta in larga parte di imprese calabresi, ma ci sono anche importanti realtà del Centro-nord Italia. Lo afferma il procuratore capo di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho, a margine della maxioperazione che questa mattina ha portato al fermo di 35 imprenditori ed al sequestro preventivo di 54 imprese in tutta Italia. “Per quanto cambiassero le realtà societarie di volta in volta chiamate a partecipare, il metodo pero’ – spiega il procuratore – era sempre lo stesso. Nella maggior parte dei casi si creava un vero e proprio cartello di imprese, spesso riunite in associazione temporanea, che quando si presentano ad una gara presentano le offerte in bianco. Poi chi di dovere si occupa di riempirle in modo che il cartello si aggiudichi i lavori. Ecco perché – lascia intendere il procuratore – i fermi eseguiti oggi non sono che una parte di un’indagine più ampia mirata a ricostruire l’infezione che ha contaminato l’economia della provincia tirrenica reggina”.

 

Procuratore Gratteri: “Dopo l’arresto di Muto a prendere le redini è stata sua moglie. L’imprenditore Barbieri, d’accordo con i colletti bianchi dei Muto”

“Tra il Tirreno cosentino e Cosenza invece era tutta una combine, come nel calcio”. Lo dice il procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri, commentando la maxioperazione che questa mattina ha portato al fermo di 35 imprenditori e al sequestro preventivo di 54 imprese in tutta Italia. Gli indagati sono accusati di essere riusciti grazie ai rapporti con boss della ‘ndrangheta del Reggino e del Cosentino ad aggiudicarsi decine di appalti pubblici nelle due province. “Questa e’ una costola – spiega ancora Gratteri dell’indagine sul clan Muto di Cetraro eseguita a luglio. All’epoca, in manette era finito il capoclan Franco Muto, insieme a molti dei suoi luogotenenti. A prendere le redini e’ stata la moglie, Angelina Corsanto, che per conto del marito ha continuato ad amministrare gli affari e gli imprenditori del clan. Approfondendo – conclude Gratteri – abbiamo scoperto che il maggior imprenditore del cosentino, Barbieri, era d’accordo con i colletti bianchi dei Muto. Lavoravano sempre in cordata, a Cosenza come a Cetraro”.

LEGGI ANCHE

Operazioni “Cumbertazione” e “5 Lustri”, eseguiti 33 fermi – NOMI e AZIENDE SEQUESTRATE

Calabria

Occhiuto in missione a Bruxelles per “lo sviluppo della Calabria 2030”

Nel corso della missione il presidente della Calabria avrà tre importanti riunioni con i massimi vertici dei Servizi della Commissione europea

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, svolgerà nei giorni di domani, 30 novembre, e di dopodomani, 1 dicembre, “una missione istituzionale a Bruxelles, presso la Commissione europea. Nel corso della missione il presidente Occhiuto avrà tre importanti riunioni con i massimi vertici dei Servizi della Commissione”, è scritto in una nota inviata dal suo portavoce.

Occhiuto a Bruxelles, gli incontri in programma

Il primo incontro, previsto per domani, martedì 30 novembre, alle ore 14, sarà con il capo Unità della Direzione Occupazione, Affari Sociali e Inclusione, Adelina Dos Reis, e con i servizi tecnici della Direzione medesima. Verranno affrontati in questa sede i temi salienti relativi all’attuazione del Fse e le propsettive per un nuovo sistema del welfare e delle politiche sociali in Calabria.
A seguire, sempre nella giornata di domani, alle ore 17, il presidente sarà impegnato in una bilaterale con la commissaria per la Coesione e le riforme, Elisa Ferreira.  I temi all’ordine del giorno sono cruciali, prefigurando il modello di sviluppo pensato per la Calabria 2030.
Oggetto dell’incontro sarà anche la definizione della nuova programmazione 2021-2027 della Regione, e la definizione delle principali strategie d’attuazione.  Sarà rilevante anche la questione relativa alla capacità amministrativa e alla nuova visione di governance messa in campo dalla nuova giunta regionale.
Mercoledì 1 dicembre, infine, alle ore 9, presso la sede di Bruxelles della Regione Calabria, il presidente incontrerà il capo Unità della Direzione generale della Politica regionale e urbana, Willebrord Sluijters.  Sarà il momento per fare un check sulla programmazione 2014-2020, e per confrontarsi sui nuovi modelli per lo sviluppo delle aree interne e delle agende urbane della Regione.
Una missione, dunque, molto importante, a poche settimane dall’avvio della consiliatura e, soprattutto, all’alba di quella che sarà una stagione di programmazione determinante per il futuro della Calabria.

Continua a leggere

Calabria

Covid in Calabria, ancora su ricoveri e tasso di positività. Un morto a Cosenza

In calo i contagi del ‘lunedì’ con 146 nuovi contagi con un calo di tamponi processati (+2.541). Il tasso di positività si attesta al 5,75%

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Calo del lunedì in Calabria con 146 nuovi positivi con un calo di tamponi processati (+2.541), sia antigenici che rapidi. Una vittima registrata a Cosenza nelle ultime 24 ore. Aumentano i ricoveri in area medica con +7 nuovi ingressi (124) mentre rimangono stabili le terapie intensive (16). In Regione si registrano +4.279 attualmente positivi e +98 guariti. Il tasso di positività sale al 5,75% (ieri era al 4,57%).

Boom di contagi nel reggino con +112 nuovi casi seguita da Crotone +15. La provincia di Cosenza registra +9 nuovi positivi, Catanzaro +4, Vibo Valentia +3. Sono 3 i positivi registrati fuori Regione.

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1.425.683 – Le persone risultate positive al Coronavirus sono 92.651 (+146) rispetto a ieri.

Questi sono i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria.

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

Catanzaro: CASI ATTIVI 335 (14 in reparto, 7 in terapia intensiva, 314 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 11.783 (11.617 guariti, 166 deceduti).

Cosenza: CASI ATTIVI 1.587 (56 in reparto, 6 in terapia intensiva, 1.525 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 27.935 (27.258 guariti, 677 deceduti).

Crotone: CASI ATTIVI 180 (3 in reparto, 0 in terapia intensiva, 177 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 8.873 (8.755 guariti, 118 deceduti).

Reggio Calabria: CASI ATTIVI 1.675 (41 in reparto, 3 in terapia intensiva, 1.631 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 31.268 (30.848 guariti, 420 deceduti).

Vibo Valentia: CASI ATTIVI 372 (9 in reparto, 0 in terapia intensiva, 363 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 7.144 (7039 guariti, 105 deceduti).

L’Asp di Reggio Calabria comunica 115 nuovi soggetti positivi di cui 3 fuori regione.

Continua a leggere

Calabria

Consiglio Regionale: approvato l’assestamento di bilancio

Occhiuto ha fatto un appello a tutti per evitare l’esercizio provvisorio. “Se iniziamo con il piede giusto rendiamo meno difficile il nostro compito e possiamo programmare per l’avvenire”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

REGGIO CALABRIA – Il Consiglio regionale ha approvato l’assestamento del bilancio di previsione per il triennio 2021/2023. Il provvedimento è stato approvato a maggioranza, con l’autorizzazione al coordinamento formale dopo un articolato dibatto al quale hanno preso parte diversi consiglieri di maggioranza e di opposizione. In precedenza, dopo la relazione della vice presidente Giusy Princi sulla manovra, il presidente della giunta Roberto Occhiuto ha svolto una breve informativa sullo stato dei conti della Regione “che rischiano di rappresentare un problema per il Bilancio regionale”.

Ricordando la navigazione “a vista” della passata legislatura, ha richiamato il Consiglio al senso di responsabilità per giungere al più presto all’approvazione del documento contabile, ed evitare l’esercizio provvisorio. Occhiuto ha informato di aver partecipato ad una audizione alla Corte dei Conti, “rappresentando la Regione. Fatto che è stato molto apprezzato” ha sottolineato Occhiuto che si è soffermato su un problema “che non è imputabile alla Regione e che riguarda la Diga del Menta. Nel 2021 il Cipe indicava un elenco di opere pubbliche in programma, e non c’era la diga del Menta. Successivamente venne pubblicata una ulteriore tabella che indicava altre opere pubbliche considerate definanziate, e non c’era la Diga del Menta. Da allora c’è stata una lunga interlocuzione con il Ministero dello Infrastrutture, e alle nostre comunicazioni sullo stato di avanzamento dei lavori non ha mai risposto. Ma recentemente il Governo ha segnalato che tale opera doveva essere considerata come definanziata, circostanza che creerà un buco nel bilancio regionale di circa 50-52 milioni. Mi sono subito attivato e conto che il 10 dicembre, nel giudizio di parifica della Corte dei Conti, questo aspetto possa essere chiarito.

Comunque – ha annunciato Occhiuto – questo equivoco siamo preparati ad affrontarlo con l’assestamento esaminato oggi nel quale le economie che si sono prodotte sono state quasi tutte destinate per l’accantonamento in un fondo rischi”. Occhiuto ha quindi fatto un appello a tutti, a fare in modo che si possa evitare l’esercizio provvisorio. “Vi chiedo di aiutarmi in quest’opera. Perché se iniziamo con il piede giusto poi rendiamo meno difficile il nostro compito e possiamo programmare per l’avvenire”. Il Governatore ha quindi accolto formalmente l’invito del consigliere Raffaele Mammoliti (Pd) che, presentando una mozione, ha chiesto al Presidente della Giunta di intervenire sui motivi della protesta dei lavoratori davanti alla Cittadella a Catanzaro. L’Aula ha quindi preso atto delle linee programmatiche del Presidente Occhiuto, rinviando il dibattito alla prossima seduta del Consiglio regionale. Il Consiglio quindi ha concluso i suoi lavori con l’approvazione, con l’autorizzazione al coordinamento formale, di due proposte di legge, del consigliere Pierluigi Caputo (Forza Azzurri), riguardanti, rispettivamente, “Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta regionale e sulla dirigenza regionale”, e “Istituzione del Bollettino telematico della Regione Calabria e norme per la pubblicazione degli atti”.

Continua a leggere

Di tendenza