Qualità della vita, in Calabria si vive male

CATANZARO – Si salva, per certi versi, solo Catanzaro.

L’indagine sulla qualità della vita nei capoluoghi di provincia svolta ogni anno da Italia Oggi, “Rapporto Qualità della Vita in Italia 2013”, fa registrare segnali positivi per la situazione generale italiana ma rispetto al resto del Paese, la Calabria si pone in netta controtendenza. In tutte e cinque le province si registra un forte peggioramento rispetto allo scorso anno anche se Catanzaro si mantiene ancora fuori dal gruppo di coda. L’ultima della classifica italiana è proprio una città calabrese: gli indicatori negativi riguardano i servizi finanziari e scolastici, il sistema salute, gli affari e il lavoro. Dati negativi per la Calabria anche per il tenore di vita; mentre ai primi posti svettano Milano e diverse città della Lombardia, agli ultimi, dopo avellino che ha la maglia nera nella categoria, ci sono anche Reggio Calabria, Cosenza e Vibo Valentia.