ASCOLTA RLB LIVE
Search

Catanzaro, una città lasciata sola chiede aiuto su Facebook

CATANZARO РDal dramma che ha colpito la Sardegna e la sua popolazione, la Calabria non ̬ certo immune, e sul territorio la situazione ̬ veramente preoccupante.

Su Facebook e su altri social, sono tanti i calabresi che rivendicano un pò d’attenzione, in particolare da parte delle istituzioni competenti, su una regione provata e messa in ginocchio dalle violente precipitazioni che anche oggi continuano ad imperversare sul territorio, provocando ancora altri danni. L’area catanzarese è quella più colpita. Le scuole resteranno chiuse almeno fino alla giornata di lunedì. Ed è proprio dal capoluogo calabrese, che è partita una richiesta d’aiuto almeno per quanto riguarda la situazione della mancata erogazione dell’acqua potabile, che oggi sembra essere tornata alla normalità. Fino a ieri però, sono stati 70.000 i catanzaresi in difficoltà che, per richiamare l’attenzione delle istituzioni e dei media e per chiedere aiuto, si sono affidati al social network Facebook. Un tam tam di messaggi e post per segnalare disagi e carenze, e che molta gente, ha dovuto abbandonare la propria abitazione perchè inagibile, e la Protezione Civile non ha previsto l’installazione di alcuna tenda. A tutto ciò si è aggiunto anche lo squallido fenomeno dello sciacallaggio. Alcuni infatti, hanno segnalato che un bidone di acqua da dieci litri, è arrivato a costare anche fino 8,00 euro.