Estorsioni e danneggiamenti alla centrale termoelettrica, 4 arresti

CIRO’ MARINA (KR) – Quattro persone sono finite ai domiciliari con l’accusa di estorsione aggravata dalle modalità mafiose.

Gli arrestati, tutti incensurati, avrebbero compiuto estorsioni e danneggiamenti ai danni della centrale termoelettrica di Strongoli per ottenere i lavori ed il rinnovo di contratti di forniture di servizi. L’accusa nei loro confronti a vario titolo è di estorsione continuata in concorso, aggravata dall’impiego del metodo mafioso, perpetrato nei confronti di “Biomasse Italia s.p.a. “, con sede a Strongoli (Kr). I fatti contestati riguardano episodi estorsivi e danneggiamenti seguiti da incendio ai danni della centrale termoelettrica gestita dalla società, volti ad ottenere, per conto delle ditte gestite dai destinatari delle misure, l’aggiudicazione di lavori ed il rinnovo di contratti di forniture di servizi.