Intelligenza artificiale, Data Science e Medicina: così l'Unical rinnova i propri corsi - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Rende

Intelligenza artificiale, Data Science e Medicina: così l’Unical rinnova i propri corsi

Avatar

Pubblicato

il

L’ateneo rinnova l’offerta formativa che partirà dal prossimo anno accademico 2021/2022 e si prepara ad avviare la nuova campagna d’ammissione per le future matricole

 

 

ARCAVACATA (CS) – Il Senato Accademico dell’Università della Calabria, nell’ultima seduta, ha approvato i manifesti dei nuovi corsi di laurea che saranno attivati nell’anno accademico 2021/2022 e ha completato la revisione dell’offerta formativa avviata nei mesi scorsi.

Il risultato di questo lavoro di riforma vede l’ampliamento dell’offerta da proporre alle future matricole, con l’avvio di nuovi corsi, la riorganizzazione di quelli esistenti, il significativo aumento delle lauree internazionali.

L’ateneo si prepara così ad avviare la nuova campagna d’ammissione, che partirà nelle prossime settimane con la pubblicazione del bando per le iscrizioni anticipate ai corsi di laurea (test Tolc). Per la prima settimana di marzo sono già programmati gli open day dedicati agli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori.

Nuovi corsi per i neodiplomati

Il nuovo bando d’ammissione permetterà ai neodiplomati di scegliere tra corsi di nuova attivazione e corsi che sono stati rinnovati nel percorso e negli obiettivi formativi.

Nel prossimo bando d’ammissione, oltre ai corsi esistenti, saranno presenti:

Mediazione linguistica – È un corso di laurea che manca in Calabria ma incontra una forte domanda tra i neodiplomati della regione: sono più di 300 quelli che oggi lo scelgono ma sono costretti a iscriversi fuori. Il percorso istituito dall’Unical preparerà professionisti con solide competenze linguistiche e approfondite conoscenze giuridico-economiche, che potranno operare come mediatori interculturali e traduttori.

Media e Società digitale – Un corso che offre ai laureati forti competenze nei settori della comunicazione digitale e multimediale, soprattutto all’interno delle istituzioni pubbliche e delle organizzazioni sociali e nell’ambito del cinema e degli audiovisivi.

Scienze dell’educazione (sdoppiamento) – Sono oltre mille le richieste di iscrizione che arrivano ogni anno per i corsi Unical che formano insegnanti ed educatori. Il secondo corso in Scienze dell’educazione, erogato in modalità mista, nasce per soddisfare la forte domanda che arriva dal territorio.

Scienze e Ingegneria dei materiali – Il corso formerà ingegneri esperti in materiali (capaci quindi di comprendere le relazioni tra le loro proprietà funzionali e strutturali, morfologia e composizione chimica), con competenze nell’ambito dei processi di trasformazione e delle tecnologie di lavorazione.

Scienze naturali e ambientali – L’offerta didattica esistente si rinnova con la definizione di un nuovo percorso di studi coerente con la figura professionale del naturalista esperto nell’analisi e gestione dell’ambiente. Il laureato avrà inoltre la possibilità di iscriversi all’Ordine dei Biologi ambientali.

Ingegneria chimica – Il corso forma la figura professionale di ingegnere chimico. Offre due percorsi di studio, uno incentrato sui “Processi” e l’altro invece focalizzato sull’ingegneria “Alimentare”.

Ingegneria dell’ambiente e della sicurezza – Il corso preparerà ingegneri ambientali con solide competenze per affrontare e gestire tutte le questioni e le emergenze legate alla sostenibilità ambientale, alla tutela del territorio, alla protezione civile, alla sicurezza dei processi industriali. In linea con questi obiettivi, si rinnova anche la laurea magistrale di riferimento che diventa ‘Ingegneria per l’Ambiente e la Sicurezza del Territorio’.

Statistica per Data Science – L’area di statistica dell’ateneo riformula la propria proposta, orientandosi verso la nuova e ricercata figura professionale del Data Scientist. I laureati del corso saranno quindi professionisti con forti competenze nell’ambito dell’analisi e gestione dei dati. Si rinnova, con gli stessi obiettivi, anche la laurea magistrale che diventa ‘Data Science per Business Analytics’.

Insieme all’Università ‘Magna Graecia’ di Catanzaro partirà inoltre il corso di laurea magistrale a ciclo unico in ‘Medicina e Tecnologie digitali’, con l’obiettivo di formare una nuova generazione di medici con forti competenze in Ingegneria bioinformatica e Intelligenza Artificiale. Il corso consente agli studenti di conseguire al termine degli studi il titolo in Medicina e Chirurgia e la laurea triennale in Ingegneria bioinformatica (tutte le informazioni sono disponibili qui).

Corsi internazionali dopo la Triennale

La proposta didattica del prossimo anno accademico vede un sensibile aumento dei corsi di laurea magistrale (o dei curricula) erogati in lingua inglese, che saliranno a 12.

Si tratta dei corsi in:

Advanced Solid Mechanics (curriculum di Ingegneria Civile)

Artificial Intelligence and Computer Science

Chemistry

Computer Engineering for the Internet of Things

Finance and Insurance

Health Biotechnology

Mathematics

Nutritional Sciences

Physics

Robotics and Automation Engineering

Sustainable Management of Natural Resources (curriculum di Ingegneria per l’Ambiente e la Sicurezza del Territorio)

Telecommunication Engineering: Smart Sensing, Computing and Networking

Corsi Magistrali Interclasse

La revisione dell’offerta magistrale vede anche l’attivazione di tre nuovi corsi che, abbracciando i percorsi di due diverse classi di laurea, garantiranno agli studenti una formazione d’ampio respiro:

DAMS e Storia dell’Arte. Organizzazione e teoria delle arti, della musica e del teatro

Intelligence per la legalità e la tutela dei beni culturali e archeologici

Sociologia, cooperazione e sviluppo

I nuovi corsi si aggiungono all’offerta esistente (qui è possibile consultare la proposta 2020/2021), per un totale di 34 lauree triennali, 39 magistrali, 7 magistrali a ciclo unico.

Area Urbana

Rende, celebrata la prima unione civile

L’amore di due ragazzi suggellato da istituto giuridico

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Celebrata la prima unione civile a Rende: due ragazzi hanno suggellato il loro amore davanti ad amici e parenti. Arrivati puntuali ed emozionati, vestiti uguali e con le scarpe da tennis, liberi finalmente di tagliare il traguardo più importante: quello del matrimonio. In un momento storico così complesso, dove le forme d’amore non convenzionali sono giudicate ancora come innaturali dai ‘ben pensanti’, da Rende arriva un segnale chiaro contro ogni forma di discriminazione e aggressione omofoba.

“Per la prima volta – ha detto l’assessore Lisa Sorrentino – nella nostra città si è celebrata una cerimonia civile. Oggi è una data storica per Rende, ancor di più perché celebrata nel mese del Pride”. In Comune, a celebrare il ‘matrimonio’, è stata l’assessore alle Pari opportunità Lisa Sorrentino insieme all’assessore Annamaria Artese. “Non abbiamo fatto nulla di speciale, abbiamo solo applicato la legge – ha concluso la Sorrentino – e siamo stati orgogliosi di farlo. Speriamo che questa sia un matrimonio felice e auguriamo agli sposi ogni bene. L’attuazione della legge sulle unioni civili è stata sempre a cursore di questa amministrazione: ne è chiaro segno tutto ciò che in questi anni abbiamo fatto per sensibilizzare la nostra comunità su pregiudizi e stereotipi. Rende è città pluralista, solidale e rainbow come i colori che illuminano da giorni la nostra casa municipale”.

 

Continua a leggere

Rende

Rende: pubblicato l’avviso per realizzare un centro contro le discriminazioni

La giunta Manna ha pubblicato sull’albo pretorio l’avviso pubblico relativo alla selezione di progetti per la costituzione di un centro contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – “Vista la legge 13 ottobre 2020, n. 126 che prevede la realizzazione in tutto il territorio nazionale di centri contro le discriminazioni, la nostra amministrazione, da sempre attenta al tema, ha espresso la volontà di partecipare all’avviso pubblico, facendo propri gli obiettivi già enunciati dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri”, ha spiegato il sindaco Marcello Manna che ha aggiunto: “Rende è città delle pari opportunità e lo dimostrano le buone pratiche messe in atto durante questi anni, coinvolgiamo gli studenti dei licei in percorsi volti a favorire processi di autodeterminazione, della promozione della cultura della non-violenza e della partecipazione paritetica insieme all’Università della Calabria e a chi quotidianamente si occupa di queste tematiche. Il comune di Rende è partner da diversi anni della Rete Nazionale READY e tale progetto si inserisce pertanto all’interno di un percorso già da tempo intrapreso”.

Garantire alle vittime di violenza adeguata assistenza legale, sanitaria, psicologica, riteniamo sia compito doveroso da parte delle istituzioni. La nostra amministrazione intende per questo presentare al Dipartimento PO apposita proposta progettuale per istituire un Centro contro le discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere dedicato a soggetti vittime di discriminazione o violenza o che si trovino in condizioni di vulnerabilità legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Un centro che sia in grado di fornire una tutela concreta alle persone LGBT vittime di violenza fondata sull’orientamento sessuale e alle vittime di violenza familiare o comunque in stato di vulnerabilità, con il preciso obiettivo di realizzare specifici progetti per il loro inserimento socio/lavorativo.

Il centro si avvarrà della rete dei competenti servizi pubblici con un approccio integrato atto a garantire il riconoscimento delle diverse dimensioni della violenza o della discriminazione subita sotto il profilo relazionale, fisico, psicologico, sessuale, sociale, culturale ed economico”, ha dichiarato l’assessora alle pari opportunità Lisa Sorrentino. L’importo complessivo destinato alla realizzazione del progetto sarà di 111.000.00 euro e ogni progetto – si legge nell’avviso disponibile online  – dovrà prevedere assistenza legale, sanitaria, psicologica, forme di in/formazione, consulenza e orientamento per l’inserimento socio-lavorativo, con accompagnamento e sostegno a percorsi di formazione specialistici, finalizzati ad avviare percorsi di vita autonoma.

Continua a leggere

Rende

Vax Day, La Regina: “bilancio positivo”. Non ci saranno problemi per i caregiver

Il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza Vincenzo La Regina ha visitato ieri il Parco Acquatico di Rende 

Marco Belmonte

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Negli oltre 20 punti vaccinali prosegue anche oggi e domani l’iniziativa del Vax Days. Ieri il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, ha visitato la struttura di Rende e commentato positivamente la campagna vaccinazioni in corso: “Celebriamo un buon risultato, a partire dal Parco Acquatico. Nell’Asp di Cosenza i numeri sono buoni e abbiamo raggiunto il target che il commissario Figliuolo ha previsto per questa regione”.

Rispetto alle notevoli difficoltà di prenotarsi sulla piattaforma regionale per i caregiveri La Regina ha rassicurato: “non ci saranno più problemi e i caregiver saranno prenotati e vaccinati”. L’obiettivo ora – ha spiegato La Regina – è di “terminare le vaccinazioni per gli over 80 e i fragili e poi andare avanti con gli over 60 e spediti per tutte le altre categorie. Visti i risultati tra il fine settimana scorso e questo, nel corso dei quali abbiamo raggiunto un ottimo numero di vaccinazioni, credo che la struttura regionale metterà in programmazione altre iniziative del genere”.

Continua a leggere

Di tendenza