Rende, Manna: "nessun blocco ma serve mantenere alto il senso di responsabilità" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Rende

Rende, Manna: “nessun blocco ma serve mantenere alto il senso di responsabilità”

Avatar

Pubblicato

il

“Proprio ora che i contagi iniziano ad aumentare dobbiamo limitare al massimo spostamenti e contatti, utilizzare anche all’aperto i dispositivi personali di sicurezza affinché non si disperdano tutti i sacrifici fatti sino adesso e si possa scongiurare un altro lockdown. E necessario da parte di tutti adeguarsi a quanto disposto a livello nazionale dal DPCM e, a livello regionale dal decreto Spirlì”

 

RENDE (CS) – Il sindaco Marcello Manna sceglie la strada dell’appello al buonsenso dei propri cittadini e sottolinea come: “non sia pensabile oggi il blocco totale delle attività economiche che porterebbe ad un inevitabile default dal quale non riusciremmo più a risollevarci”. “Mi rivolgo soprattutto ai giovani: serve mantenere alto il senso di responsabilità verso sé stessi, i nostri cari e la nostra comunità. Serve sacrificare adesso un po’ dei momenti di socialità per evitare di doverci rinunciare totalmente”.

Il sindaco di Rende rileva “quanto sia importante oggi che gli operatori del commercio lavorino anche in vista del prossimo periodo natalizio. Far sì che vengano rispettate da parte della propria clientiela le norme di distanziamento sociale e comportamenti consoni significa costruire le basi per risollevare un settore già duramente fiaccato nei mesi di chiusura forzata” e sottolinea ancora come “sia necessario da parte di tutti adeguarsi a quanto disposto a livello nazionale dal DPCM e, a livello regionale dal decreto Spirlì. Comportarsi ed agire seguendo queste regole: dipende tutto dai nostri comportamenti. Solo noi possiamo abbassare l’onda dei contagi”.

Iniziata la campagna vaccinale

Intanto da lunedì scorso è iniziata la campagna di vaccinazione antinfluenzale e il comune di Rende ha messo a disposizione dei medici di famiglia alcuni locali della sede COM di piazza Matteotti: “Una scelta di ordine prudenziale per prevenire eventuali contagi. Ci aspettano tempi difficili, ma, rispetto a quanto passato, abbiamo dalla nostra l’esperienza e la maturità necessarie ad affrontare in maniera capillare l’emergenza sanitaria in atto. Vaccinarsi è atto di responsabilità e tutela verso sé stessi e verso chi ci è vicino”, ha proseguito il primo cittadino. Infine, il sindaco, dopo aver evidenziato come: “prosegua senza sosta il lavoro sinergico tra il nostro comando di polizia municipale, la prefettura e le altre forze dell’ordine presenti sul nostro territorio che stanno eseguendo in questi giorni controlli capillari, ha dichiarato: “in questa fase delicata è necessario l’impegno di ognuno di noi. Quello vissuto ci ha reso consapevoli della serietà dell’attuale situazione sanitaria e di quanto siano importanti, ancor prima delle norme, i comportamenti responsabili da parte di ciascuno di noi”.

 

Rende

Rende: pubblicato l’avviso per realizzare un centro contro le discriminazioni

La giunta Manna ha pubblicato sull’albo pretorio l’avviso pubblico relativo alla selezione di progetti per la costituzione di un centro contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – “Vista la legge 13 ottobre 2020, n. 126 che prevede la realizzazione in tutto il territorio nazionale di centri contro le discriminazioni, la nostra amministrazione, da sempre attenta al tema, ha espresso la volontà di partecipare all’avviso pubblico, facendo propri gli obiettivi già enunciati dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri”, ha spiegato il sindaco Marcello Manna che ha aggiunto: “Rende è città delle pari opportunità e lo dimostrano le buone pratiche messe in atto durante questi anni, coinvolgiamo gli studenti dei licei in percorsi volti a favorire processi di autodeterminazione, della promozione della cultura della non-violenza e della partecipazione paritetica insieme all’Università della Calabria e a chi quotidianamente si occupa di queste tematiche. Il comune di Rende è partner da diversi anni della Rete Nazionale READY e tale progetto si inserisce pertanto all’interno di un percorso già da tempo intrapreso”.

Garantire alle vittime di violenza adeguata assistenza legale, sanitaria, psicologica, riteniamo sia compito doveroso da parte delle istituzioni. La nostra amministrazione intende per questo presentare al Dipartimento PO apposita proposta progettuale per istituire un Centro contro le discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere dedicato a soggetti vittime di discriminazione o violenza o che si trovino in condizioni di vulnerabilità legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Un centro che sia in grado di fornire una tutela concreta alle persone LGBT vittime di violenza fondata sull’orientamento sessuale e alle vittime di violenza familiare o comunque in stato di vulnerabilità, con il preciso obiettivo di realizzare specifici progetti per il loro inserimento socio/lavorativo.

Il centro si avvarrà della rete dei competenti servizi pubblici con un approccio integrato atto a garantire il riconoscimento delle diverse dimensioni della violenza o della discriminazione subita sotto il profilo relazionale, fisico, psicologico, sessuale, sociale, culturale ed economico”, ha dichiarato l’assessora alle pari opportunità Lisa Sorrentino. L’importo complessivo destinato alla realizzazione del progetto sarà di 111.000.00 euro e ogni progetto – si legge nell’avviso disponibile online  – dovrà prevedere assistenza legale, sanitaria, psicologica, forme di in/formazione, consulenza e orientamento per l’inserimento socio-lavorativo, con accompagnamento e sostegno a percorsi di formazione specialistici, finalizzati ad avviare percorsi di vita autonoma.

Continua a leggere

Rende

Vax Day, La Regina: “bilancio positivo”. Non ci saranno problemi per i caregiver

Il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza Vincenzo La Regina ha visitato ieri il Parco Acquatico di Rende 

Marco Belmonte

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Negli oltre 20 punti vaccinali prosegue anche oggi e domani l’iniziativa del Vax Days. Ieri il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, ha visitato la struttura di Rende e commentato positivamente la campagna vaccinazioni in corso: “Celebriamo un buon risultato, a partire dal Parco Acquatico. Nell’Asp di Cosenza i numeri sono buoni e abbiamo raggiunto il target che il commissario Figliuolo ha previsto per questa regione”.

Rispetto alle notevoli difficoltà di prenotarsi sulla piattaforma regionale per i caregiveri La Regina ha rassicurato: “non ci saranno più problemi e i caregiver saranno prenotati e vaccinati”. L’obiettivo ora – ha spiegato La Regina – è di “terminare le vaccinazioni per gli over 80 e i fragili e poi andare avanti con gli over 60 e spediti per tutte le altre categorie. Visti i risultati tra il fine settimana scorso e questo, nel corso dei quali abbiamo raggiunto un ottimo numero di vaccinazioni, credo che la struttura regionale metterà in programmazione altre iniziative del genere”.

Continua a leggere

Rende

Vaccini, Rausa: “a Rende procediamo spediti” ma se restano dosi tornano indietro

Procede spedita la campagna di vaccinazione al Parco Acquatico di Rende ma, se dovessero rimanere dosi di vaccino, saranno rimandate indietro

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – La campagna vaccinale al Parco acquatico procede in maniera spedita. Il dottor Mario Rausa, medico e vaccinatore spiega che “la gente ha capito l’importanza a prescindere dal vaccino, la cui tipologia è prevista in base ad ogni categoria di soggetti. Sono tutti importanti e dobbiamo farli tutti”. “E anche in questa giornata di somministrazioni, racconta Rausa, l’affluenza è stata notevole e il Parco Acquatico si presta anche per l’accoglienza e l’ampiezza degli spazi”.

Tutto pronto dunque, anche per il prossimo Vax Day di ben 4 giornate ma in tal senso il dott. Rausa precisa: “rispetto al precedente Vax Day che ha visto una massiccia operazione di vaccinazione, occorre sempre la prenotazione tramite piattaforma. Non è una giornata ‘libera’ e tutto va programmato. Prenotatevi sulla piattaforma e recatevi a fare il vaccino”. 

Secondo quanto si apprende infine, dopo i casi di ‘vaccinazioni’ selvagge in alcuni centri del cosentino e la vicenda legata ai diciottenni di Cariati che si sono vaccinati nei giorni scorsi, e sulla quale indaga l’Asp di Cosenza, le disposizioni per le dosi di vaccino ora sono chiare: se restano dosi del siero a fine giornata, non saranno somministrate a chi non è prenotato o non ha diritto in quanto non rientrante nella categoria prevista dalla piattaforma. E così se dovessero rimanere dosi di vaccino torneranno indietro.

 

Continua a leggere

Di tendenza