Ospedale Rende, Uil ai riformisti: "ritorsione politica per chi assume senza raccomandazione" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Rende

Ospedale Rende, Uil ai riformisti: “ritorsione politica per chi assume senza raccomandazione”

Avatar

Pubblicato

il

La Segretaria della Uil Fpl, Susanna de Marco, risponde ai gruppi di minoranza al Comune di Rende, Federazione Rifomista di Rende e AttivaRende, che con una nota hanno espresso perplessità sul progetto di realizzazione del nuovo ospedale a Sant’Agostino

 

RENDE – La Uil replica ai due gruppi consiliari Federazione Rifomista di Rende e AttivaRende e parla di “ritorsione politica contro chi assume senza raccomandazione” ribadendo che l’obiettivo “deve essere una sanità di qualità”. “Dalle RSA aziendali della sanità privata – scrive Susanna De Marco, segretaria della UIL FPL di Cosenza – ci giunge una segnalazione importante, alla quale intendiamo prestare molta attenzione. Il comparto è seriamente preoccupato che l’ultima sortita del “baronato” della politica conterranea possa provocare, in coincidenza con la imminente riapertura di urne importanti, la mancata implementazione di posti di lavoro. Che sono la cosa a cui teniamo di più”.

Il riferimento della segretaria sindacale è al documento diffuso da due gruppi minoranza al Comune di Rende e che ha a che fare con segnalazioni di presunte anomalie a proposito dell’insediamento sanitario che il gruppo iGreco vorrebbe costruire a Rende.

“Non esiste sanità privata contro la pubblica, esiste la sanità”

“Il documento in questione e la relativa sortita sulla stampa –continua la Uil – è denso di argomentazioni che ci appaiono annose e pretestuose, a voler pensare bene e soprattutto, contrarie agli interessi dei cittadini e contrarie ai posti di lavoro che si andrebbero a creare. Non esiste sanità privata in contrapposizione a quella pubblica. Esiste la sanità, e quella privata convenzionata con il servizio pubblico gioca un ruolo fondamentale. Ed esiste il lavoro, da proteggere e da conquistare.

“Quanto alle argomentazioni tecniche a supporto del documento –continua ancora la segretaria della Uil Fpl – sono da intendersi prive di interesse collettivo. A noi interessano i posti di lavoro. Se il progetto del gruppo iGreco ha i requisiti per essere concretizzato ben venga e al più presto. Purché si sia agito nel pieno rispetto della legge”.

“Altre argomentazioni pretestuose sono linfa per giochi di prestigio e di potere. A tal proposito è improbabile non concedersi anche una chiave di lettura più maliziosa all’intera vicenda. Non vorremmo che la sortita pretestuosa sia stata congegnata, non solo perché si è nell’imminenza di una drammatica campagna elettorale regionale, ma anche, proprio per questo, perché il gruppo iGreco qualche giorno fa ha dichiarato alla stampa di voler procedere con nuove assunzioni raccomandando di non far pervenire curriculum sponsorizzati dalla politica”.

“Un nuovo insediamento fa gola a tutti –conclude la nota sindacale – anche, se non soprattutto, a chi vuole ricavarne consenso elettorale. Non poterci mettere il cappello diventa un problema. È sempre andata così, del resto. Noi siamo per la legge, per la tutela della salute e per i diritti dei lavoratori. E per i posti di lavoro e intendiamo tranquillizzare le RSA aziendali, vigileremo. E siamo, naturalmente contro gli intrighi, le raccomandazioni e le prepotenze dei potenti”.

Rende

Rende: pubblicato l’avviso per realizzare un centro contro le discriminazioni

La giunta Manna ha pubblicato sull’albo pretorio l’avviso pubblico relativo alla selezione di progetti per la costituzione di un centro contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – “Vista la legge 13 ottobre 2020, n. 126 che prevede la realizzazione in tutto il territorio nazionale di centri contro le discriminazioni, la nostra amministrazione, da sempre attenta al tema, ha espresso la volontà di partecipare all’avviso pubblico, facendo propri gli obiettivi già enunciati dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri”, ha spiegato il sindaco Marcello Manna che ha aggiunto: “Rende è città delle pari opportunità e lo dimostrano le buone pratiche messe in atto durante questi anni, coinvolgiamo gli studenti dei licei in percorsi volti a favorire processi di autodeterminazione, della promozione della cultura della non-violenza e della partecipazione paritetica insieme all’Università della Calabria e a chi quotidianamente si occupa di queste tematiche. Il comune di Rende è partner da diversi anni della Rete Nazionale READY e tale progetto si inserisce pertanto all’interno di un percorso già da tempo intrapreso”.

Garantire alle vittime di violenza adeguata assistenza legale, sanitaria, psicologica, riteniamo sia compito doveroso da parte delle istituzioni. La nostra amministrazione intende per questo presentare al Dipartimento PO apposita proposta progettuale per istituire un Centro contro le discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere dedicato a soggetti vittime di discriminazione o violenza o che si trovino in condizioni di vulnerabilità legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Un centro che sia in grado di fornire una tutela concreta alle persone LGBT vittime di violenza fondata sull’orientamento sessuale e alle vittime di violenza familiare o comunque in stato di vulnerabilità, con il preciso obiettivo di realizzare specifici progetti per il loro inserimento socio/lavorativo.

Il centro si avvarrà della rete dei competenti servizi pubblici con un approccio integrato atto a garantire il riconoscimento delle diverse dimensioni della violenza o della discriminazione subita sotto il profilo relazionale, fisico, psicologico, sessuale, sociale, culturale ed economico”, ha dichiarato l’assessora alle pari opportunità Lisa Sorrentino. L’importo complessivo destinato alla realizzazione del progetto sarà di 111.000.00 euro e ogni progetto – si legge nell’avviso disponibile online  – dovrà prevedere assistenza legale, sanitaria, psicologica, forme di in/formazione, consulenza e orientamento per l’inserimento socio-lavorativo, con accompagnamento e sostegno a percorsi di formazione specialistici, finalizzati ad avviare percorsi di vita autonoma.

Continua a leggere

Rende

Vax Day, La Regina: “bilancio positivo”. Non ci saranno problemi per i caregiver

Il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza Vincenzo La Regina ha visitato ieri il Parco Acquatico di Rende 

Marco Belmonte

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Negli oltre 20 punti vaccinali prosegue anche oggi e domani l’iniziativa del Vax Days. Ieri il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, ha visitato la struttura di Rende e commentato positivamente la campagna vaccinazioni in corso: “Celebriamo un buon risultato, a partire dal Parco Acquatico. Nell’Asp di Cosenza i numeri sono buoni e abbiamo raggiunto il target che il commissario Figliuolo ha previsto per questa regione”.

Rispetto alle notevoli difficoltà di prenotarsi sulla piattaforma regionale per i caregiveri La Regina ha rassicurato: “non ci saranno più problemi e i caregiver saranno prenotati e vaccinati”. L’obiettivo ora – ha spiegato La Regina – è di “terminare le vaccinazioni per gli over 80 e i fragili e poi andare avanti con gli over 60 e spediti per tutte le altre categorie. Visti i risultati tra il fine settimana scorso e questo, nel corso dei quali abbiamo raggiunto un ottimo numero di vaccinazioni, credo che la struttura regionale metterà in programmazione altre iniziative del genere”.

Continua a leggere

Rende

Vaccini, Rausa: “a Rende procediamo spediti” ma se restano dosi tornano indietro

Procede spedita la campagna di vaccinazione al Parco Acquatico di Rende ma, se dovessero rimanere dosi di vaccino, saranno rimandate indietro

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – La campagna vaccinale al Parco acquatico procede in maniera spedita. Il dottor Mario Rausa, medico e vaccinatore spiega che “la gente ha capito l’importanza a prescindere dal vaccino, la cui tipologia è prevista in base ad ogni categoria di soggetti. Sono tutti importanti e dobbiamo farli tutti”. “E anche in questa giornata di somministrazioni, racconta Rausa, l’affluenza è stata notevole e il Parco Acquatico si presta anche per l’accoglienza e l’ampiezza degli spazi”.

Tutto pronto dunque, anche per il prossimo Vax Day di ben 4 giornate ma in tal senso il dott. Rausa precisa: “rispetto al precedente Vax Day che ha visto una massiccia operazione di vaccinazione, occorre sempre la prenotazione tramite piattaforma. Non è una giornata ‘libera’ e tutto va programmato. Prenotatevi sulla piattaforma e recatevi a fare il vaccino”. 

Secondo quanto si apprende infine, dopo i casi di ‘vaccinazioni’ selvagge in alcuni centri del cosentino e la vicenda legata ai diciottenni di Cariati che si sono vaccinati nei giorni scorsi, e sulla quale indaga l’Asp di Cosenza, le disposizioni per le dosi di vaccino ora sono chiare: se restano dosi del siero a fine giornata, non saranno somministrate a chi non è prenotato o non ha diritto in quanto non rientrante nella categoria prevista dalla piattaforma. E così se dovessero rimanere dosi di vaccino torneranno indietro.

 

Continua a leggere

Di tendenza