Autostrada, svincolo di Settimo tra Rende e Montalto. Spediti verso la realizzazione - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Rende

Autostrada, svincolo di Settimo tra Rende e Montalto. Spediti verso la realizzazione

Avatar

Pubblicato

il

Il comune di Rende ha approvato gli accordi di programma quadro per le opere accessorie. In particolare il ponte di collegamento tra la nuova stazione ferroviaria a Santa Maria di Settimo e l’Università della Calabria e l’importantissimo by-pass nel tratto dell’ex statale 19 utilizzando la sede autostradale dismessa.

.

RENDE – Si avvicina a grandi passi la realizzazione dello svincolo autostradale dell’Autostrada A2 a Settimo tra Rende e Montalto Uffugo, frutto della stretta sinergia tra Comune di Rende, Comune di Montalto Uffugo e la Regione Calabria, che ha visto lo stanziamento da parte di quest’ultima di 6,5 milioni di euro per la realizzazione delle nuove arterie stradali di collegamento all’Università e alla futura stazione ferroviaria di località Santa Maria di Settimo.

Il nuovo svincolo per decongestionare il traffico

Per ora le attenzioni di tutti sono rivolte sull’opera divenuta oramai irrinunciabile per decongestionare il traffico diventato insostenibile a Quattromiglia, ovvero la realizzazione dello svincolo autostradale della A2 in località Settimo previsto al Km 250 dell’Autostrada A2 del Mediterraneo, con cappio sul lato della carreggiata sud e opere connesse per un costo previsto di 33 milioni di euro. Con esso è prevista la ridefinizione della viabilità nelle zone prossime al futuro svincolo autostradale che permetterà di raggiungere più velocemente la zona Industriale di Contrada Lecco (l’area industriale di Rende che accoglie oltre 100 imprese) ma sopratutto l’Università (per ora accessibile da Via Savinio e da Via Bucci). Il tutto senza andare a congestionare il traffico a Quattromiglia dove ad oggi invece si riversano le auto, i bus e i mezzi pesanti che arrivano dalla Statale 107 e appunto dalla A2 (svincolo di Cosenza Nord). Il posizionamento dello svincolo di Settimo, tra Rende e Montalto, è stato condizionato dal contesto infrastrutturale esistente, in particolare dalla presenza dei viadotti ferroviari delle linee Sibari-Paola e Cosenza-Paola. Nella progettazione dello svincolo sono state sfruttate le opere già realizzate in fase di ammodernamento dell’A2, per cui non sono previste nuove opere di attraversamento, come sottopassi o viadotti. Ciò, consentirà anche il rispetto del vincolo sulla fruizione dell’autostrada durante l’esecuzione dei lavori.

Il collegamento con l’Università prevede anche la realizzazione di una rotatoria di 42 metri di diametro. Da questa partirà una strada di tipo F1 (extraurbana), con piattaforma di 9 metri, corsia di 3,5 metri, banchina di 1 metro e lunga 900 metri che terminerà vicino all’Università della Calabria. La rilevanza dell’opera è naturalmente legata anche alla presenza dell’Unical, che è il maggiore polo attrattore di traffico della Calabria, con 27.000 iscritti, di cui 15.000 regolarmente frequentanti, 2000 membri dello staff ed il cui campus, con le sue molte strutture, è quello residenziale maggiore d’Italia.

Approvate le opere accessorie allo svincolo

Dopo una lunga seduta il consiglio comunale di Rende ha approvato gli accordi di programma quadro per le opere accessorie. In particolare la nuova bretella viaria che collegherà il Viale Parco Tratto B (in prossimità della rotatoria di località Rocchi) all’Università per un importo di 2.300.000 euro. A questa bretella si innesterà una seconda arteria viaria, finanziata per un importo di euro 2.250.000, con un ponte  che garantirà il collegamento alla nuova stazione ferroviaria prevista a S. Maria di Settimo nel Comune di Montalto Uffugo (posta in prossimità della confluenza delle linee Cosenza-Paola e Cosenza-Sibari) e l’università della Calabria. Ok dal consiglio Comunale anche alla realizzazione dell’importante by pass stradale che, utilizzando parzialmente l’originaria sede dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria oggi dismessa, andrà a collegare Via Cristoforo Colombo con l’incrocio di Via Trieste-Collina Salerni nel Comune di Montalto Uffugo. L’importo finanziato per quest’ultima arteria sarà di euro 1.150.000. Infine, per il Comune di Montalto Uffugo, è prevista anche la nuova viabilità al servizio della nuova stazione ferroviaria di S. Maria a Settimo con un costo complessivo dell’intervento di 800 mila euro.

 

Area Urbana

Rende, celebrata la prima unione civile

L’amore di due ragazzi suggellato da istituto giuridico

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Celebrata la prima unione civile a Rende: due ragazzi hanno suggellato il loro amore davanti ad amici e parenti. Arrivati puntuali ed emozionati, vestiti uguali e con le scarpe da tennis, liberi finalmente di tagliare il traguardo più importante: quello del matrimonio. In un momento storico così complesso, dove le forme d’amore non convenzionali sono giudicate ancora come innaturali dai ‘ben pensanti’, da Rende arriva un segnale chiaro contro ogni forma di discriminazione e aggressione omofoba.

“Per la prima volta – ha detto l’assessore Lisa Sorrentino – nella nostra città si è celebrata una cerimonia civile. Oggi è una data storica per Rende, ancor di più perché celebrata nel mese del Pride”. In Comune, a celebrare il ‘matrimonio’, è stata l’assessore alle Pari opportunità Lisa Sorrentino insieme all’assessore Annamaria Artese. “Non abbiamo fatto nulla di speciale, abbiamo solo applicato la legge – ha concluso la Sorrentino – e siamo stati orgogliosi di farlo. Speriamo che questa sia un matrimonio felice e auguriamo agli sposi ogni bene. L’attuazione della legge sulle unioni civili è stata sempre a cursore di questa amministrazione: ne è chiaro segno tutto ciò che in questi anni abbiamo fatto per sensibilizzare la nostra comunità su pregiudizi e stereotipi. Rende è città pluralista, solidale e rainbow come i colori che illuminano da giorni la nostra casa municipale”.

 

Continua a leggere

Rende

Rende: pubblicato l’avviso per realizzare un centro contro le discriminazioni

La giunta Manna ha pubblicato sull’albo pretorio l’avviso pubblico relativo alla selezione di progetti per la costituzione di un centro contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – “Vista la legge 13 ottobre 2020, n. 126 che prevede la realizzazione in tutto il territorio nazionale di centri contro le discriminazioni, la nostra amministrazione, da sempre attenta al tema, ha espresso la volontà di partecipare all’avviso pubblico, facendo propri gli obiettivi già enunciati dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri”, ha spiegato il sindaco Marcello Manna che ha aggiunto: “Rende è città delle pari opportunità e lo dimostrano le buone pratiche messe in atto durante questi anni, coinvolgiamo gli studenti dei licei in percorsi volti a favorire processi di autodeterminazione, della promozione della cultura della non-violenza e della partecipazione paritetica insieme all’Università della Calabria e a chi quotidianamente si occupa di queste tematiche. Il comune di Rende è partner da diversi anni della Rete Nazionale READY e tale progetto si inserisce pertanto all’interno di un percorso già da tempo intrapreso”.

Garantire alle vittime di violenza adeguata assistenza legale, sanitaria, psicologica, riteniamo sia compito doveroso da parte delle istituzioni. La nostra amministrazione intende per questo presentare al Dipartimento PO apposita proposta progettuale per istituire un Centro contro le discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere dedicato a soggetti vittime di discriminazione o violenza o che si trovino in condizioni di vulnerabilità legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Un centro che sia in grado di fornire una tutela concreta alle persone LGBT vittime di violenza fondata sull’orientamento sessuale e alle vittime di violenza familiare o comunque in stato di vulnerabilità, con il preciso obiettivo di realizzare specifici progetti per il loro inserimento socio/lavorativo.

Il centro si avvarrà della rete dei competenti servizi pubblici con un approccio integrato atto a garantire il riconoscimento delle diverse dimensioni della violenza o della discriminazione subita sotto il profilo relazionale, fisico, psicologico, sessuale, sociale, culturale ed economico”, ha dichiarato l’assessora alle pari opportunità Lisa Sorrentino. L’importo complessivo destinato alla realizzazione del progetto sarà di 111.000.00 euro e ogni progetto – si legge nell’avviso disponibile online  – dovrà prevedere assistenza legale, sanitaria, psicologica, forme di in/formazione, consulenza e orientamento per l’inserimento socio-lavorativo, con accompagnamento e sostegno a percorsi di formazione specialistici, finalizzati ad avviare percorsi di vita autonoma.

Continua a leggere

Rende

Vax Day, La Regina: “bilancio positivo”. Non ci saranno problemi per i caregiver

Il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza Vincenzo La Regina ha visitato ieri il Parco Acquatico di Rende 

Marco Belmonte

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Negli oltre 20 punti vaccinali prosegue anche oggi e domani l’iniziativa del Vax Days. Ieri il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, ha visitato la struttura di Rende e commentato positivamente la campagna vaccinazioni in corso: “Celebriamo un buon risultato, a partire dal Parco Acquatico. Nell’Asp di Cosenza i numeri sono buoni e abbiamo raggiunto il target che il commissario Figliuolo ha previsto per questa regione”.

Rispetto alle notevoli difficoltà di prenotarsi sulla piattaforma regionale per i caregiveri La Regina ha rassicurato: “non ci saranno più problemi e i caregiver saranno prenotati e vaccinati”. L’obiettivo ora – ha spiegato La Regina – è di “terminare le vaccinazioni per gli over 80 e i fragili e poi andare avanti con gli over 60 e spediti per tutte le altre categorie. Visti i risultati tra il fine settimana scorso e questo, nel corso dei quali abbiamo raggiunto un ottimo numero di vaccinazioni, credo che la struttura regionale metterà in programmazione altre iniziative del genere”.

Continua a leggere

Di tendenza