Salme senza sepoltura, "negazione della civiltà" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Rende

Salme senza sepoltura, “negazione della civiltà”

Avatar

Pubblicato

il

Cinquanta salme parcheggiate in attesa di un loculo, contrassegnate da post-it gialli per l’identificazione.  Il dramma dei congiunti continua da mesi

 

RENDE – «Sono circa cinquanta le salme di cittadini rendesi che oramai da tempo stazionano in quel vergognoso “purgatorio” venutosi a creare nel cimitero. Bare ammassate e stipate, alla meno peggio, nelle camere mortuarie ubicate nel cimitero e in un capannone antistante lo stesso. Bare contrassegnate da ignobili post-it gialli, che, a stento, identificano le salme. È la negazione della civiltà. Si calpestano i diritti delle persone, anche dopo morti». A scrivere è Francesco Tenuta segretario del Psi di Rende che aggiunge: «Lo dovrebbe comprendere bene l’attuale amministrazione che, in tutta questa vicenda – che oramai si trascina da mesi –, è rimasta, come al suo solito, silente, anche con riguardo alle numerose lamentele pervenute al Comune, da parte dei congiunti  delle persone defunte. Non una parola è stata pronunciata sulla realizzazione delle edicole funerarie; non una parola è stata pronunciata sui possibili tempi di consegna delle stesse. La tumulazione avverrà, insomma,  “in data da destinarsi”.

È una situazione indicibile e vergognosa, agli antipodi della civilizzazione, che dimostra l’ennesima mesta incapacità di questo “governo” di far fronte anche ad una così importante e “sentita” problematica – tuona il segretario del Psi- . L’ampliamento dell’impianto cimiteriale avrebbe dovuto costituire una priorità, assieme alla creazione di nuovi loculi nella aree interne non occupate; assieme alla riparazione dei loculi esistenti, alla sistemazione del verde e alla pavimentazione. Purtroppo non è stato così. Sappiamo tutti che oramai l’amministrazione si è affrancata dal trovare soluzioni ai numerosi problemi che vive quotidianamente questa città. Ma non può e non deve certamente affrancarsi dalle regole di civiltà e di progresso, quando si tratta di restituire dignità e decoro ad un luogo sacro, con il doveroso rispetto dei morti. A Rende si continua ad offendere e calpestare  il sacrosanto diritto dei cittadini di poter onorare i propri defunti». Il Comune di Rende, dal suo canto, risponde che è in fase di espletamento la gara per la costruzione di 80 loculi.

Leggi anche

Rende, vergogna al cimitero: ci sono i loculi ma non vengono assegnati. Bare in attesa da mesi

Area Urbana

“Povero Parco Robinson, come sei ridotto. Le ultime paperelle agonizzanti in acque putride”

La Federazione Riformista di Rende all’attacco sulla situazione di degrado in cui versa soprattutto il laghetto del Parco Robinson

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE (CS) – Si torna a parlare del Parco Robinson, lo spazio vedere più importante della città di Rende, e della condizione in cui versano soprattutto gli ultimi animali rimasti (le paperelle) costrette a vivere in acque melmose e ricettacolo di topi e zanzare all’interno del laghetto. La Federazione Riformista di Rende, che più volte ha evidenziato le criticità del Parco Robinson e il mancato intervento della “semplice manutenzione ordinaria”, attacca la Giunta Manna e parla di una condizione di degrado che che peggiora di anno in anno.

Povero Parco Robinson, in quale stato di degrado è ridotto il nostro parco più importante, una volta delizia per i bambini, gli innamorati e le famiglie. Dopo dieci anni di totale abbandono  – scrivono in una nota i Riformisti  – anche l’ultima specie di animali rimasta nel Parco, le paperelle, è in via di estinzione, lasciate agonizzare in acque putride e melmose, ormai ricettacolo di topi, zanzare e le più varie specie di insetti. Dopo mesi e mesi il laghetto viene ripulito ed assistiamo agli auto-osanna dell’amministratore della Rende Servizi, che, invece, dovrebbe vergognarsi per la mancata manutenzione ordinaria protrattasi per così lungo tempo“.

“In questi anni – spiegano -, il Parco ha avuto molti nemici, che lo hanno vandalizzato. In primis il commissario Valiante, che influenzato da pseudo animalisti, ha sfrattato gli animali tanto amati ed accuditi dagli addetti comunali alla cura del parco. In secondo luogo, l’ex dirigente Infantino che, per liberarsi dei pavoni e dei fagiani, ha regalato, insieme ai volatili, anche le voliere. In terzo luogo, il Sindaco in persona, che è il primo responsabile del degrado del parco e della deturpazione dell’anfiteatro in pietra pitturato con un volgare color azzurrino, scelto dal super assessore ai servizi sociali. A quanto è dato sapere si annuncia l’avvento di un quarto nemico del parco: il progettista di un intervento da eseguire sul Robinson, che intenderebbe occupare spazi con un chiosco da adibire a bar per fare concorrenza sleale agli altri due validi bar ubicati in prossimità dei due ingressi al parco e con un laboratorio, non si sa in quale campo o materia. Nulla, invece, nel progetto è stato previsto per la ristrutturazione dei ricoveri degli animali, per immaginare il ritorno degli stessi nel parco, come da tutti auspicato. Inoltre, tornando alla manutenzione dei laghi, che come noto sono due, nulla è stato previsto per dotare gli stessi di un impianto di depurazione e ricircolo delle acque, cosa che renderebbe di facile esecuzione, pulizia e manutenzione. La verità – concludono i riformisti – e che siamo alla frutta, nel constatare come sono utilizzati i fondi straordinari e strutturali dell’Agenda Urbana”.

Continua a leggere

Rende

Ginnastica artistica: a Rende la 2^ tappa del campionato regionale Csain

Oltre 300 giovanissimi ginnasti calabresi, ed una rappresentativa della Basilicata, si sono ritrovati a Rende, per la seconda tappa del campionato regionale Csain di ginnastica artistica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE Si è svolta a Rende la seconda tappa del campionato regionale Csain di ginnastica artistica che ha visto la partecipazione di oltre 300 giovani ginnasti provenienti da ogni parte della Calabria e della Basilicata. Un appuntamento che si è potuto svolgere grazie all’impegno profuso da tutto lo staff Csain della ginnastica artistica e del comitato della Basilicata che ha portato nella palestra rendese circa 40 ginnasti.

“Un evento che si è tenuto dopo due lunghi anni di attesa a causa della pandemia” ha fatto notare, il presidente regionale, Amedeo Di Tillo.  Questa seconda tappa del campionato regionale Csain di ginnastica artistica è stata valevole per le finali nazionali Centri Sportivi Aziendali e Industriali. Gli oltre 300 giovani atleti presenti, rappresentano senza dubbio una grande soddisfazione non solo per il movimento della ginnastica artistica calabrese ma anche per lo stesso Csain.

Continua a leggere

Rende

Unical nella classifica QS, tra le migliori per Fisica e Astronomia. Caruso “grande prestigio”

L’Università della Calabria inserita, per Fisica ed Astronomia, nel QS World University ranking una delle classifiche più prestigiose e consultate al mondo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – L’Università della Calabria entra per la prima volta nel ranking di QS, Quacquarelli Symonds, che fornisce un’analisi comparativa delle prestazioni di 1543 università in 88 Paesi del mondo. L’Unical  è tra le 4 new entry italiane per Fisica e astronomia. In particolare per quanto attiene al subject “Physics & Astronomy” figura tra le 28 università italiane oggi presenti in classifica nell’area”. “Sono orgoglioso – ha commentato il rettore Nicola Leone – di questo ulteriore riconoscimento internazionale attribuito alla nostra università che viene inclusa, per la prima volta, nel ‘QS World University ranking’, una delle classifiche più prestigiose e consultate al mondo. Peraltro, oltre a valutare l’impatto e la consistenza delle ricerche delle università, la classifica QS considera anche il giudizio espresso da esperti terzi altamente qualificati, per cui questo risultato attesta la crescente reputazione che l’Unical sta conquistando in quest’area a livello nazionale e internazionale. Dopo la conferma ai vertici della classifica Censis – ha aggiunto il rettore – e, soprattutto, l’eccellente risultato ottenuto dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur) che ci ha collocato tra i migliori atenei del Paese, il fatto che l’Unical entri anche nella classifica QS è un’ulteriore conferma dell’alta qualità del nostro ateneo ed attesta il percorso virtuoso che abbiamo intrapreso, che porterà la nostra università verso traguardi sempre più prestigiosi, con beneficio degli studenti e del territorio”.

Il Sindaco di Cosenza si congratula con il rettore

“Un riconoscimento internazionale di grande prestigio, che ci riempie di soddisfazione e per il quale mi congratulo con il Magnifico Rettore, Nicola Leone, e con l’intero corpo accademico”. E’ quanto afferma il Sindaco Franz Caruso, appresa la notizia dell’inclusione dell’Unical nel ranking di Quacquarelli Symonds.

“Dopo l’ultima classifica Censis sui grandi Atenei – prosegue il primo cittadino – che pone l’Unical al quarto posto ed a seguito dell’ottimo risultato ottenuto dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, il prestigio della nostra Università si consolida sempre più, rappresentando una grande eccellenza nella creazione e diffusione del sapere e dell’alta formazione di elevata specializzazione. Sono certo che si proseguirà in questo solco per raggiungere sempre nuovi e più ambiziosi traguardi, anche a beneficio dell’intero territorio provinciale e regionale. Il mio augurio, infatti – conclude il sindaco Franz Caruso – è che cresca e si ampli sempre più il rapporto tra l’Unical, l’intero territorio cosentino ed il suo tessuto socio-economico per attivare quel processo di interscambio che può e deve contribuire alla crescita complessiva del contesto in cui l’Ateneo opera. Un obiettivo che sono certo di condividere con il rettore Leone e per il quale insieme ci spenderemo nel rispetto dei rispettivi ruoli e competenze, per determinare una valorizzazione economica, sociale e culturale del territorio”.

 

Continua a leggere

Di tendenza