La ‘buona sanità’ all’Annunziata: «Urologia reparto d’eccezione, mia madre è stata salvata»

Il racconto di Stefania Cundari: «questo è un reparto vincente per professionalità e umanità cosa che non posso dire degli altri reparti»

COSENZA – Riceviamo e pubblichiamo l’esperienza di ‘buona sanità’ pervenutaci in redazione riguardo l’ospedale di Cosenza.

“Salve, scrivo questa lettera per raccontare la mia esperienza. Mi chiamo Stefania e scrivo da Cosenza. A Dicembre 2022 mia mamma, Francesca, è stata ricoverata presso il reparto di Urologia dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza a seguito di un blocco urinario. E’ stata sottoposta a stent, a seguito della sua situazione renale è stata nuovamente ricoverata per idronefrosi e sottoposta a nefrostomia. Successivamente, a seguito di varie infezioni per calcolosi mista infetta è stata ricoverata e sottoposta alla rimozione di questa calcolosi molle infetta. Le speranze di sopravvivenza vista l’età di mamma e i vari problemi di salute erano poche. Il primario il DOTT. DI DIO ha cercato di ridurre al minino il rischio. Alla fine con la sua bravura, la sua esperienza…mamma ce l’ ha fatta ed è grazie a lui se è ancora con noi.

Un ringraziamento speciale va a tutta l’equipe medica del reparto. Tutte persone umane e competenti. Volevo ringraziare in primis il primario del reparto il Dottore Di Dio a seguire ringrazio il Dott. Zaccone, la Dott.ssa Scarcella, il Dott. Battaglia, il Dott. Costanzo, il Dott. Sicoli, la Dott.ssa Madeo, la Dott.ssa Mazza; tutta l’equipe della sala operatoria; la caposala Giusy; gli infermieri: Matteo, Tonino, Raffaella, Domenico, Anna, Iolanda e tutti gli altri di cui non mi ricordo i nomi; le oss: Elena, Giovina, Giusy e tutti gli altri. Se questo reparto è vincente è perché c’è un lavoro di squadra, la squadra è assemblata e funziona grazie al suo allenatore che è riuscito a mettere in campo tutta la sua formazione e il corretto schema di gioco. Tutto il personale è molto professionale, competente e umano. Attenti alla pulizia del reparto, alla pulizia dei pazienti, attenti anche alla distribuzione del cibo che viene smistato in base alle problematiche di salute che un paziente ha, attenti alla preparazione pre/post operatoria, scrupolosi nel fare accertamenti più approfonditi durante la degenza, insomma non dimettono il paziente se non ha tutti i valori nella norma. Seguiti anche dopo le dimissioni. Cosa che non posso raccontare degli altri reparti in cui mamma ha soggiornato per dei periodi.

Un reparto che a mio avviso dovrebbe essere ampliato creando nuovi posti letto, nuovo personale medico e paramedico con acquisto di attrezzature mediche e materiale che ahimè risultano essere scarse in tutti i reparti. Spero che questo mio messaggio possa arrivare e essere letto anche dal Presidente della Regione e da tutta la classe politica calabrese. Questo reparto deve essere assolutamente valorizzato e premiato “dando a Cesare quel che è di Cesare”. Spero che questo mio messaggio, inoltre, possa essere letto anche da altro personale di altri reparti prendendo da esempio.

Mi rivolgo soprattutto ad altri primari che gestiscono i loro reparti..se c’è qualcosa che non va nei loro reparti, si devono mettere in discussione, convocare tutto lo staff e dargli delle regole, delle linee giuda. Per ultimo mi rivolgo a tutti gli infermieri/oss degli altri reparti compreso il pronto soccorso che si rivolgono ai pazienti/familiari con toni accesi, nervosi, con zero umanità ect. dove ogni volta tirano in ballo che sono pochi, che manca personale, che sono stanchi a fare doppi turni ect, tutto questo non giustifica il loro atteggiamento che hanno nei confronti di un paziente/familiare. Anche nel reparto di Urologia hanno mancanza di personale e sono soggetti a fare doppi turni, ma mai e nessuno in questo reparto ha mai mancato di rispetto a un paziente o ad un suo familiare. Penso che il vero motivo che si cela dietro il comportamento di alcuni che si comportano cosi sia un altro. Per fare questo lavoro ci vuole pazienza, umanità ect. Se non si hanno queste doti, non si è portati a fare questo lavoro.. dove nessuno vi ha obbligati a farlo.. In conclusione se questo lavoro non fa per voi, nessuno vi obbliga a farlo dal momento in cui in Italia viene data nei contratti”.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Ponte stretto messina

Espropri Ponte, il neo sportello nel caos: «operatori non in grado di dare informazioni»

REGGIO CALABRIA - Gli operatori dello sportello istituito dalla società "Ponte sullo Stretto" nel Comune di Villa San Giovanni "non sono in grado di...
Scuola estate

Scuole aperte anche in estate. Firmato il decreto con 400 milioni per le attività...

COSENZA - Scuole aperte anche in estate. Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha firmato il decreto che stanzia 400 milioni di...
universita_magna_grecia_catanzaro-

Epilessia, il progetto di ricerca della ‘Magna Grecia’ scelto tra 300 in tutta Italia

CATANZARO - "Un progetto di ricerca dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, finalizzato all'identificazione di nuovi biomarcatori del microbiota intestinale che possono essere d'ausilio nella...
parco-robinison_eco-avventura

Rende, ‘Eco avventura’: l’evento gratuito rivolto a bimbi e famiglie al Parco Robinson

RENDE (CS) - L’agenzia di animazione ”Le Sorelle Mastrosimone “ dopo il successo della scorsa stagione annuncia la seconda edizione di “Eco avventura” ....
Sorianello

Scomparso da Sorianello si rifà vivo: «non cercatemi più, rientro quando sarò pronto»

VIBO VALENTIA - É un allontanamento volontario quello di Marco Stramondinoli, il fabbro 39enne di Sorianello di cui non si avevano notizie da ieri...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Espropri Ponte, il neo sportello nel caos: «operatori non in grado...

REGGIO CALABRIA - Gli operatori dello sportello istituito dalla società "Ponte sullo Stretto" nel Comune di Villa San Giovanni "non sono in grado di...

Epilessia, il progetto di ricerca della ‘Magna Grecia’ scelto tra 300...

CATANZARO - "Un progetto di ricerca dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, finalizzato all'identificazione di nuovi biomarcatori del microbiota intestinale che possono essere d'ausilio nella...

Rende, ‘Eco avventura’: l’evento gratuito rivolto a bimbi e famiglie al...

RENDE (CS) - L’agenzia di animazione ”Le Sorelle Mastrosimone “ dopo il successo della scorsa stagione annuncia la seconda edizione di “Eco avventura” ....

Scomparso da Sorianello si rifà vivo: «non cercatemi più, rientro quando...

VIBO VALENTIA - É un allontanamento volontario quello di Marco Stramondinoli, il fabbro 39enne di Sorianello di cui non si avevano notizie da ieri...

Statale 106 nel Cosentino, strade dissestate e non illuminate: «grave pericolo»

CORIGLIANO ROSSANO (CS) - L'associazione 'Basta Vittime Sulla Strada Statale 106' "comunica di aver inoltrato più di una segnalazione, con il supporto tecnico-giuridico di...

Cosenza-Palermo: ecco i divieti di transito e sosta per la partita...

COSENZA - In previsione dell'incontro di calcio Cosenza-Palermo, valevole per la 33ma giornata del campionato di serie B e in programma allo Stadio San...