Fino a 1 anno per una visita diabetologica all’Annunziata, liste di attesa infinite. E il privato avanza

Mentre ci sono 517 giorni di attesa per una visita reumatologica: la denuncia dei pazienti e le analisi (sconfortanti) dei dati Gimbe

COSENZA – L’ultimo caso è quello di una coppia di anziani che aveva provato a prenotare una visita diabetologica all’ospedale Annunziata di Cosenza: prima data utile gennaio 2024. Vuoi accorciare i tempi di qualche mese? Qualche poliambulatorio della provincia lo permette ma, per due anziani, percorrere decine di chilometri in auto, tra le tortuose strade montane cosentine, non è facile.

Non è il solo caso: tra gli otto e i dieci mesi, per esempio, per eseguire una colonscopia in ospedale con impegnativa; tra i sette e gli otto mesi per una risonanza magnetica. 517 giorni di attesa per una visita reumatologica, mentre «nel privato bastano in 10 giorni»: è la denuncia fatta al programma Presa Diretta da parte della cosentina Giacomina Durante che soffre di lupus, una patologia reumatologica invalidante. Anche la cosentina Fabiola racconta la sua diagnosi da lupus arrivata troppo tardi: «Questo ritardo lo sto pagando tutto. Due anni fa correvo, oggi non riesco a camminare. Pensare di fare un’ecografia tra un anno è indecente, mentre per la Risonanza magnetica dovrò andare fuori».

Peggiorano i tempi di attesa (infiniti) anche per visite chirurgiche, per esami diagnostici nel reparto di Urologia o per eseguire una Tac.  Lo scenario cambia se esami diagnostici o visite specialistiche vengono eseguite in intramoenia, cioè a pagamento. Se paghi i tempi di attesa si riducono – si può ottenere una visita anche nel giro di pochi giorni come nel giro di qualche mese per le visite chirurgiche – e il privato avanza e ringrazia.

Sanità pubblica in codice rosso: l’analisi Gimbe

La sanità pubblica è in codice rosso: liste di attesa infinite, rinunce alle cure, innovazioni inaccessibili, diseguaglianze senza precedenti e viaggi della speranza. E mentre la sanità pubblica arretra, il privato avanza. È l’analisi della Fondazione Gimbe, secondo cui “serve un radicale cambio di rotta” ed un piano di rilancio del Ssn.

“La crisi di sostenibilità del Ssn – dichiara Nino Cartabellotta, presidente Gimbe – sta raggiungendo il punto di non ritorno tra l’indifferenza di tutti i Governi che negli ultimi 15 anni, oltre a tagliare o non investire in sanità, sono stati incapaci di attuare riforme coraggiose per garantire il diritto alla tutela della salute”. Un Ssn gravemente malato, afferma, che “costringe i pazienti ad attese infinite, migrazione sanitaria, spese ingenti, sino alla rinuncia alle cure“.

Secondo una recente audizione dell’Istat, sottolinea Gimbe, la quota di persone che hanno dovuto rinunciare a prestazioni sanitarie è passata dal 6,3% nel 2019 al 9,6% nel 2020, sino all’l’11,1% nel 2021. E se nel 2022 le stime attesterebbero un recupero con una riduzione al 7%, l’ostacolo principale rimangono le lunghe liste di attesa (4,2%) rispetto alle rinunce per motivi economici (3,2%). Nel 2021, inoltre, la spesa sanitaria in Italia ha raggiunto i 168 miliardi di euro, di cui 127 di spesa pubblica (75,6%), 36,5 (21,8%) a carico delle famiglie e 4,5 (2,7%) sostenuti da fondi sanitari e assicurazioni. La chiave di lettura, commenta Cartabellotta, “è chiarissima: la politica si è sbarazzata di una consistente quota di spesa pubblica per la sanità, scaricando oneri iniqui sui bilanci delle famiglie”.

Disegueglianze sanitarie: “Il gap Nord- Sud è ormai incolmabile”

Quanto alle diseguaglianze territoriali, il gap Nord-Sud è “ormai incolmabile, e rende la ‘questione meridionale’ in sanità una priorità sociale ed economica”. Infatti, guardando ai punteggi Lea (Livelli essenziali di assistenza) nel decennio 2010-2019, tra le prime 10 Regioni solo due sono del centro (Umbria e Marche) e nessuna del sud, e nel 2020 solo 11 Regioni risultano adempienti ai Lea, di cui solo la Puglia al Sud.

Altra criticità segnalata da Gimbe è il mancato accesso alle innovazioni. L’ultimo aggiornamento dei Lea risale al gennaio 2017, ma per mancanza di risorse non è mai stato approvato il decreto Tariffe relativo a specialistica ambulatoriale e protesica. Di conseguenza, puntualizza Cartabellotta, “innovazioni quali la procreazione medicalmente assistita, lo screening neonatale esteso, ausili e dispositivi all’avanguardia (apparecchi acustici digitali, protesi di ultima generazione, carrozzine basculanti) oggi possono essere erogate solo dalle Regioni non in Piano di rientro con risorse proprie, generando ulteriori diseguaglianze e tenendo in ostaggio i diritti dei pazienti”. Ed intanto, conclude, “il continuo aggiornamento dei Lea al fine di mantenerli allineati all’evoluzione scientifica rimane solo un vuoto slogan“.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

una foto di scena dello spettacolo centro salute mentale montalto

A Cosenza lo spettacolo dei pazienti del Centro diurno di salute mentale di Montalto

COSENZA - Il teatro e la danza dispiegano la loro forza terapeutica. Un piccolo miracolo accaduto grazie al progetto, le cui origini risalgono a...
Consorzio-Olio-Igp-Calabria

Il ruolo dell’olio nella lotta ai tumori. Il Consorzio Olio di Calabria Igp discute...

VERONA - L'appuntamento è a Verona, nel corso di uno dei Vinitaly più atteso di sempre. Domenica, 14 aprile, alle 15, nel padiglione della...

Sport sociale, diritti e pace: a Saracena i primi 40 anni di Vivicittà

SARACENA (CS) - Vivicittà compie 40 anni (era il primo aprile 1984), la manifestazione podistica organizzata dall'Uisp che ha attraversato la storia del Paese...
viali cosenza palermo sala stampa 01

Viali «risultato ottimo per come é arrivato. Dopo il pari abbiamo provato a vincere»

COSENZA - Una vittoria che sembra ormai una chimera e che manca dalla fine di gennaio per il Cosenza, reduce dall'ennesimo pareggio contro il...
Gennaro Tutino Cosenza Palermo

Ci pensa il solito Tutino, ma la vittoria non arriva. Cosenza-Palermo finisce 1 a...

COSENZA - Serviva un successo al Cosenza per rispondere alla pesante vittoria della Ternana a Cremona e cercare di allontanarsi dalla zona rossa di...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Il ruolo dell’olio nella lotta ai tumori. Il Consorzio Olio di...

VERONA - L'appuntamento è a Verona, nel corso di uno dei Vinitaly più atteso di sempre. Domenica, 14 aprile, alle 15, nel padiglione della...

Petizione online per salvare l’Albergo delle fate in Sila: ospitò vip...

CATANZARO  - Oltre mille firme in pochi giorni per la petizione online lanciata su Change.org da Riccardo Elia, presidente dell'associazione "Calabriando", per la salvaguardia...

Cristiano De André in concerto a Corigliano: il tour dedicato al...

CORIGLIANO ROSSANO (CS) - Cristiano De André si esibirà in concerto l'11 agosto al "Quadrato Compagna" di Corigliano Rossano. Unico vero erede del patrimonio...

Espropri Ponte, il neo sportello nel caos: «operatori non in grado...

REGGIO CALABRIA - Gli operatori dello sportello istituito dalla società "Ponte sullo Stretto" nel Comune di Villa San Giovanni "non sono in grado di...

Epilessia, il progetto di ricerca della ‘Magna Grecia’ scelto tra 300...

CATANZARO - "Un progetto di ricerca dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, finalizzato all'identificazione di nuovi biomarcatori del microbiota intestinale che possono essere d'ausilio nella...

Rende, ‘Eco avventura’: l’evento gratuito rivolto a bimbi e famiglie al...

RENDE (CS) - L’agenzia di animazione ”Le Sorelle Mastrosimone “ dopo il successo della scorsa stagione annuncia la seconda edizione di “Eco avventura” ....