‘Fausto Gullo’ Cosenza: lettera dei genitori degli alunni sul costo del servizio mensa

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta inviata da un gruppo di genitori di bambini che frequentano la scuola dell'infanzia dell'Istituto 'Fausto Gullo'

COSENZA – “Con questa lettera desideriamo evidenziare una situazione che riteniamo necessiti di attenzione, in quanto coinvolge direttamente i nostri figli e un servizio essenziale come la mensa scolastica; servizio fornito da Vivenda Spa”.

“Ognuno di noi compie sacrifici significativi per poter dare ai propri figli la possibilità di vivere l’esperienza scolastica – scrive il gruppo di genitori della scuola dell’infanzia “Fausto Gullo” – che riteniamo di fondamentale importanza per la loro crescita, sia in termini di educazione che in termini di socializzazione, soprattutto dopo quanto vissuto negli ultimi anni a causa del Covid. In questi anni cruciali per lo sviluppo dei nostri figli, hanno dovuto rinunciare a una serie di esperienze con i loro coetanei che avrebbero sicuramente arricchito il loro bagaglio personale. Per questo motivo noi genitori moltiplichiamo con piacere gli sforzi per consentire ai nostri piccoli di poter assaporare ogni singolo momento che consenta di recuperare il tempo perduto”.

“Tra questi momenti, riteniamo che la possibilità di usufruire del servizio mensa sia un’occasione per far vivere ai nostri figli la gioia di condividere il pasto insieme, che è forse il momento di socializzazione per eccellenza e che i bambini vivono con grande entusiasmo. Soprassediamo sul fatto che sia quantomeno discutibile dover pagare il servizio di refezione scolastica nella scuola pubblica, ma non ce la sentiamo di tacere sulle tariffe in vigore che da quest’anno hanno subito un ulteriore incremento”.

“Le tariffe giornaliere (o tariffe di “contribuzione” secondo l’avviso di apertura delle iscrizioni) variano in base all’ISEE comunicato al momento dell’iscrizione e arrivano a un massimo di 5,50€ per ISEE superiori a 15.000 € o per non residenti (cifra, tra l’altro, aumentata di 0,50€ nell’ultimo anno). Pertanto, volendo usufruire del servizio mensa tutti i giorni, si arriva a pagare 110,00 € al mese”.

“Riteniamo – ribadiscono i genitori – che questa cifra sia eccessiva per un servizio legato, come già detto, alla scuola pubblica; a maggior ragione lo diventa considerando che alcuni di noi hanno più di un figlio iscritto alla scuola dell’infanzia e in tal caso i costi sono moltiplicati visto che non sono previste agevolazioni in tal senso. In ambito privato i costi non sono molto lontani da questi e perciò ci sembra chiaro che le alternative non siano molte”.

Rivedere le tariffe

“La prima, quella che ci auspichiamo, è che le tariffe vengano sensibilmente riviste e che sia consentito a tutti i bambini di poter accedere al servizio mensa e vivere questo momento insieme ai propri compagni, senza che questo gravi in modo importante sulle famiglie. La seconda, che potrebbe essere vista come provocazione, ma che poi in fondo non lo è più di tanto, è che sia consentito di portare il pranzo da casa, in accordo con la scuola. La terza, quella che invece vorremmo scongiurare, è che molti di noi rinuncino al servizio e privino i bambini di tale momento. Nostro malgrado pensiamo che, se non saranno presi provvedimenti in merito, la terza opzione sarà quella che alla lunga verrà scelta dalla maggior parte di noi, e questa situazione non sarà piacevole né per i bambini che saranno “costretti” a pranzare a casa propria né per quelli che potranno usufruire del servizio e si troveranno a mangiare da soli o comunque con pochissimi dei loro compagni. E questa opzione comporta un’ulteriore difficoltà, non di secondaria importanza, che riguarda tutti quei genitori che, per questioni lavorative, organizzative o familiari, non hanno alternative al servizio mensa e che quindi hanno necessità di poterne usufruire senza eccessivi oneri. Chiediamo, quindi, come genitori che chi di competenza (Giunta Comunale, Cooperativa, Scuola) si impegni a trovare una soluzione a questa questione in modo da poter garantire ai nostri figli di poter vivere a pieno questo periodo della loro vita insieme ai loro compagni di viaggio”.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...
posto blocco guardia di finanza

Sequestrati oltre 11 mila prodotti non sicuri: articoli destinati anche a minori

SELLIA MARINA (CZ) - Oltre 11.000 articoli non sicuri e privi delle indicazioni di provenienza e delle caratteristiche informative minime relative alla loro composizione...

Derby, Associazione nazionale funzionari polizia: “deliberato attacco, colpito alla testa dirigente”

COSENZA - " Ieri sera, al termine della disputa calcistica Cosenza-Catanzaro si sono registrati disordini, ed in particolare i tifosi del Catanzaro si sono...
vincenzo chindamo sabrina garofalo

“Donne, violenza e ‘ndrangheta”, a Rende il fratello di Maria Chindamo «siamo qui per...

RENDE - Lea Garofalo, Simona Napoli, Maria Concetta Cacciola, Giuseppina Pesce, Denise Cosco, Barbara Corvi e Maria Chindamo. Donne che hanno provato ad alzare...
Ambulanza generico

I soccorsi arrivano in ritardo, muore 74enne in attesa dell’ambulanza

MESORACA (KR) - Un 74enne si sente improvvisamente male in mezzo alla strada, poco distante dalla postazione del 118 di Mesoraca, e muore. Il...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza: la denuncia dalla Commissione d’Albo dei Tecnici di Radiologia sulla...

COSENZA - "Scrivo questa lettera in qualità di Consigliere della Commissione d’Albo dei Tecnici di Radiologia della provincia di Cosenza per denunciare apertamente quello...

Granata attacca Caracciolo «sulla depurazione di Montalto intervenga la Procura della...

MONTALTO UFFUGO (CS) - "La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza, il NIPAAF Carabinieri di Cosenza e il Comando Carabinieri per la...

Rende: lanciano oggetti e insultano passanti e ragazze, «attenti a quell’auto»

RENDE - Vanno in giro a bordo di un'auto, sembrerebbe una Golf di colore bianco, e  questa situazione va avanti da diverse settimane. A...

Batterio ‘killer’, avvocato Carratelli: «nessuna condanna definitiva per il dott. Bossio»

COSENZA - In riferimento all'articolo pubblicato da questa testata giornalistica dal titolo  "Azienda ospedaliera di Cosenza condannata, batterio ‘killer’ isolato 35 volte in un...

Cosenza, Associazione Studi Giuridici Immigrazione: «criticità all’Ufficio Immigrazione della Questura»

COSENZA - L'ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione) si è fatta promotrice di una lettera contenente le principali contestazioni mosse dagli operatori del...

Montalto: bimbo lasciato sporco a scuola, la lettera di docenti e...

MONTALTO UFFUGO (CS) - "Una cosa che lascia profondamente amareggiati tutti noi che lavoriamo, con totale dedizione, presso l'IC "Emilio Bianco" di Montalto Uffugo,...