Ex Legnochimica di Rende: condannato per omessa bonifica il liquidatore Pasquale Bilotta

Condannato (con pena sospesa) a 9 mesi di reclusione Pasquale Bilotta, ex liquidatore della Legnochimica di Rende per omessa bonifica e al pagamento di una multa di 14.000 euro e al risarcimento del danno delle parti civili

COSENZA – Ex Legnochimica di Rende, arriva il verdetto. Il tribunale di Cosenza, in composizione monocratica (Francesca Familari), ha condannato (con pena sospesa) a 9 mesi di reclusione Pasquale Bilotta, ex liquidatore dell’ex Legnochimica di Rende. Bilotta era imputato per disastro ambientale e omessa bonifica. Caduto il primo capo di imputazione l’ex liquidatore è stato condannato solo per l’accusa di omessa bonifica e al pagamento di una multa di 14.000 euro oltre alle spese processuali. Bilotta condannato anche al risarcimento del danno alle parti civili costituite: Gf Car, Gf Motor rappresentati dall’avvocato Salvatore Tropea, Legambiente Calabria rappresentata dal legale Rodolfo Ambrosio e alcuni privati cittadini difesi dall’avvocato Pasquale Filippelli. Il giudice ha disposto anche il dissequestro dell’area.

Il sequestro dell’ex Legnochimica

Nel 2025 il Nipaf (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Corpo Forestale dello Stato) di Cosenza sequestrò l’area dell’ex stabilimento della Legnochimica S.r.l. di Contrada Lecco a Rende. Il decreto di sequestro venne emesso dalla Procura della Repubblica di Cosenza a seguito di una complessa attività’ di indagine. Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato eseguirono il sequestro della vasta area, estesa per circa 90.000 metri quadri e di 15 pozzi situati nella zona della falda, alcuni dei quali usati a scopo irriguo e altri utilizzati nell’allevamento di bestiame per l’abbeveraggio degli animali.

Due di essi erano utilizzati anche a scopo industriale ed uno da una industria alimentare. Dalle indagini emerse che le falde acquifere dell’aerea risultavano fortemente inquinate da metalli pesanti quali ferro, alluminio, manganese, arsenico, cromo, nichel, cobalto e piombo. L’area, che non era mai stata interessata da operazioni di bonifica o messa in sicurezza di emergenza, era stata invece periodicamente interessata da fenomeni di incendio, dovuti alla combustione dei rifiuti in essa presente che hanno sprigionato nell’aria sostanze tossiche.

“C’era da morire per la puzza: l’aria era irrespirabile”

Nel corso del processo avevano testimoniato alcuni imprenditori e titolari di alcuni capannoni che si trovano a pochi passi dal terreno dove, la Legnochimica, fino a i primi anni 2000 produceva tannino. Il primo a testimoniare fu Giuseppe Falbo, titolare della Gf motor e Gf car, costituito parte civile, che raccontò il suo dramma quotidiano e quello dei dipendenti dopo che, nel 2010, aveva acquistato alcuni capannoni sperando in una bonifica. “L’aria era pessima, irrespirabile e, quando si verificavano  gli incendi, la situazione peggiorava”.

Ma, l’imprenditore raccontò anche che proprio a causa della situazione in cui versava la Legnochimica, subì ingenti danni economici non solo per la pessima qualità dell’aria, che spingeva molti operai a non recarsi sul posto di lavoro, ma anche per le ordinanze emesse dall’allora sindaco Manna il quale invitava anche i residenti a non uscire, costringendo di fatto l’attività a chiudere per alcuni giorni. Per non parlare degli incendi che – racconta l’imprenditore – duravano anche alcune settimane”.

L’imprenditore Raffaele Strusi: “C’era da morire, per la puzza e per l’aria irrespirabile. Ovviamente per l’azienda i danni sono stati molteplici. Abbiamo in tutto 35 operai, molti si sono rifiutati di continuare l’attività lavorativa e alcuni hanno accusato difficoltà respiratorie. Inoltre sono saltate alcune consegne e la casa madre ha più volte sollecitato i nostri uffici per capire quali fossero i motivi legati alle mancate immatricolazioni. Falbo raccontò anche degli incendi “almeno un paio all’anno e nel 2015 un rogo ha resistito oltre 40 giorni agli interventi costanti dei vigili del fuoco. I roghi e l’odore nauseabondo avevano spinto molti clienti a non recarsi in azienda con conseguenti perdite economiche”.

Venne ascoltato tra le testimonianze anche il titolare di un terreno agricolo adiacente all’ex Legnochimica che raccontò come i terreni, concessi gratuitamente a un familiare che aveva realizzato un’azienda poi chiusa, “sarebbero stati letteralmente “svenduti” dopo la chiusura dell’azienda agricola. Nessuno voleva comprarli, dal valore di 60 euro al metro quadro li abbiamo venduti 3 volte in meno”.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

ponte sullo stretto salvini (1)

«L’ok dell’Europa al Ponte sullo Stretto è una fake news, Salvini si rilegga l’emendamento»

REGGIO CALABRIA - "Un ballon d’essai, una notizia indefinita e prematura, destinata al fallimento, quella che dopo il voto di oggi sul Regolamento sulle...
Regione-Calabria

Ex stagisti e borsisti precari dopo 15 anni firmano l’indeterminato in Regione

CATANZARO - E' finito il precariato per il bacino ex stagisti/borsisti. In Cittadella la firma del contratto a tempo indeterminato dopo un'attesa durata 15...

Negozi, auto e case incendiate a Sibari: «Inutili negli anni i comitati per l’ordine...

CASSANO ALLO JONIO (CS) - Quella che sta avvenendo nella Sibaritide è un'escalation criminale che si protrae ormai da diverso tempo e che la...
concerto-di-primavera-cosenza

Concerto di primavera a Cosenza: grande successo dell’Orchestra Giovanile Polimnia

COSENZA - Nella magnifica cornice dell’Auditorium Guarasci del Liceo Classico Telesio di Cosenza, grande successo per il concerto di primavera dei giovani musicisti dell’Orchestra...
sindaco-Cosenza_Lunetta-Savino

Rendano, il sindaco di Cosenza consegna all’attrice Lunetta Savino il premio ‘Enzo Noce’

COSENZA - Il Sindaco Franz Caruso ha consegnato al teatro 'Rendano' all'attrice pugliese Lunetta Savino, molto apprezzata dal grande pubblico, il premio "Enzo Noce",...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Chi si rivede! Dal 25 aprile torna l’Anticiclone africano. Ultime 24...

COSENZA - Anticiclone africano: imminente il suo ritorno sulla Calabria. Mentre in pianura si susseguono rovesci e acquazzoni, sulle vette più alte di Sila...

Medicina, Veterinaria e Odontoiatria: finisce l’era del numero chiuso. Iscrizione al...

ROMA - "Esrpimo molta soddisfazione per l’adozione, da parte del comitato ristretto, del testo base che verrà ora esaminato in commissione Istruzione al Senato". Così...

Cosenza, segnalati tentativi di truffa con l’SMS: “mamma ho rotto il...

COSENZA - "Ciao mamma! Il mio telefono è rotto. Questo è il mio nuovo numero di cellulare, mandami un messaggio su Whatsapp! Grazie mille‘....

Redditi 2023: Portofino è il comune più ricco d’Italia. In Calabria,...

COSENZA - Portofino, in provincia di Genova, è il comune italiano più ricco del territorio. Lo si apprende dai dati sui redditi italiani, dichiarati...

Piero Fassino denunciato per il tentato furto di un profumo da...

ROMA - Piero Fassino è stato denunciato per il tentato furto di un profumo da 100 euro all'interno dell'area duty free dell'aeroporto di Fiumicino...

Processo “Overture”: estorsioni, intimidazioni e spaccio a Cosenza: 22 condanne e...

COSENZA - Sentenza di primo grado del processo Overture. Il tribunale di Cosenza, in composizione collegiale, ha emesso la sentenza di primo grado sul...