Giornalismo e precariato. “Un esercito di sfruttati e malpagati” - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Giornalismo e precariato. “Un esercito di sfruttati e malpagati”

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – “Crolla la palazzina e muoiono quattro tessitrici pagate a 3,58 euro l’ora.

Il Paese si scandalizza, ma ignora che i giornalisti che raccontano questa storia guadagnano molto meno”. Esordisce così il presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti Enzo Iacopino oggi nella sede cosentina di Confidustria per il seminario su Giornalismo e Precariato organizzato dal Circolo della Stampa Maria Rosaria Sessa. “Il precariato e lo sfruttamento che esiste tra i giornalisti costituisce una seria minaccia per la democrazia, – ha affermato Enzo Iacopino – non si può avere un’informazione libera se si guadagnano 2,50 euro lordi ad articolo. Sono arrabbiato con me stesso, come ordine ci siamo voltati dall’altra parte quando vergogna si sommava a vergogna. In Calabria abbiamo giornalisti con ritardi nelle retribuzioni che arrivano oltre i 12 mesi. Parlano di casta, ma possono essere una casta 10mila persone che non arrivano a 5mila euro annui e 20mila che a stento raggiungono i 10mila euro? Quando Grillo parla dei giornalisti non sa di cosa parla. La massa è fatta di professionisti che sopravvivono a schiena dritta con 300/400 euro al mese!”. “C’è nebbia nel modo del giornalismo – ha affermato il presidente del Circolo della Stampa, Gregorio Corigliano – ci vorrebbe un piano Marshall per l’editoria”. La platea si surriscalda e tra i precari qualcuno insorge: “Loro ci costringono a lavorare gratis – afferma una pubblicista 33enne – e voi pretendete un praticantato con un reddito che è mera utopia. Difendete i nostri diritti. Qui non si lavora, non si può andare avanti così”. La ricetta di Soluri, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria è semplice: “cancelleremo dall’albo i giornalisti non retribuiti”. Il pubblico mugugna. “Il precariato nasce dalle difficoltà del settore dell’editoria – afferma Soluri – l’ispettorato del lavoro non funziona, i controlli sono quasi inesistenti. Si vive senza diritti né garanzie sotto l’insidia dello sfruttamento. Eppure anche il giornalista è un lavoratore, non lo è solo il manovale”. Un ‘manovale’ del taccuino pone poi in essere una questione ancora più allarmante, quella dell’incolumità personale. “Siamo passibili di querela, sempre – afferma il giornalista – in più obbligati ad usare il condizionale anche per i pluripregiudicati, anche perchè se poi per qualche vizio di forma vengono scagionati chi ci tutela?”. Il tutto per un decimo del salario di una colf. 

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza