Caruso accelera sul bando per le ludoteche ma spiega "per ora solo 100mila euro" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

Caruso accelera sul bando per le ludoteche ma spiega “per ora solo 100mila euro”

Franz Caruso “abbiamo preso in carico questa problematica, vogliamo avviare immediatamente le procedure di gara per attivare il servizio”

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Il sindaco di Cosenza, Franz Caruso, ha sollecitato questa mattina il dirigente Matilde Fittante e gli uffici comunali a predisporre gli atti del bando per l’affidamento della gestione del servizio di ludoteca comunale. Il tema è di particolare importanza attesa la valenza sociale del servizio che ha visto impegnati oltre al primo cittadino, la vicesindaca, Maria Pia Funaro, la consigliera con delega alle politiche dell’infanzia, Caterina Savastano e gli assessori Pasquale Sconosciuto e Francesco De Cicco.

“E’ opportuno prioritariamente ricordare – afferma il sindaco, Franz Caruso – che il costo del servizio delle ludoteche, non considerato servizio essenziale bensì integrativo, è totalmente a carico del Comune. Sin dallo scorso mese di maggio, pertanto, ho chiesto al settore bilancio di verificare la possibilità di spesa in capo al Comune per coprire il servizio fino al 31 dicembre 2022. Ad oggi, attese le procedure di dissesto che siamo obbligati a rispettare, abbiamo solo 100 mila euro di risorse da destinare a questo servizio. Occorre ora attendere le valutazioni degli uffici che, con apposita determinazione dirigenziale attesa ad horas, indicheranno tempi e parametri del servizio a seguito del quale si potrà procedere, nei prossimi giorni, ad esperire gli atti dell’evidenza pubblica”.
“La realtà è dura– continua Franz Caruso – perché ardua, quasi impossibile, è la gestione di un bilancio privo di disponibilità di cui ci siamo assunti ogni responsabilità, avendo, peraltro, anche le spalle larghe per sopportare critiche e polemiche che, attesa la situazione, risulterebbero solo fine a se stesse. Ciononostante stiamo facendo quanto è nelle nostre possibilità per assicurare servizi adeguati ai nostri concittadini, soprattutto nel sociale, che rappresenta un settore in grande affanno ma che noi riteniamo di straordinaria importanza, soprattutto in questo momento storico in cui le restrizioni economiche sono sempre più stringenti per intere famiglie”.
“In virtù di quanto detto – ha concluso il primo cittadino Caruso –  abbiamo preso in carico questa problematica, le cui criticità vogliamo risolvere avviando immediatamente le procedure di gara per attivare il servizio da mettere a disposizione di una platea che sia la più ampia possibile, con le risorse che abbiamo reso disponibili, auspicando di poterle integrare con altri fondi come quelli in capo al Ministero per la Famiglia, che proprio nei giorni scorsi ha confermato all’interno del decreto semplificazioni l’istituzione di un fondo ad hoc di 58milioni di euro“.

 

Cosenza

Rampini (Corsera) :” Il gap infrastrutturale in Calabria si può recuperare con digitalizzazione”

Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Tra i relatori del seminario svoltosi presso la Camera di Commercio di Cosenza, promosso insieme a Promos Italia,  incentrato alla individuazione degli  strumenti di sostegno all’internazionalizzazione e una maggior spinta alla digitalizzazione per continuare a presidiare i mercati tradizionalmente legati al nostro export e per intercettare nuove opportunità in economie a maggior potenziale di sviluppo, nella consapevolezza che i prodotti legati al territorio e alla cultura nostrana fanno del Made in Italy un marchio unico e apprezzato nel mondo, c’è stato  Federico Rampini, Editorialista del Corriere della Sera e saggista che ha affrontato i temi geoeconomici che stanno influenzando il mondo come la guerra in Ucraina. Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Continua a leggere

Cosenza

Cosenza, con l’assemblea insediativa inizia il nuovo corso del Partito Democratico

L’assemblea cosentina del Pd ha eletto presidente Maria Locanto. Scelti anche i primi organismi come tesoreria commissione di garanzia

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Con la celebrazione dell’assemblea insediativa provinciale, è iniziato il nuovo corso del Partito Democratico nella provincia di Cosenza. Nel corso della riunione a cui hanno partecipato la parlamentare Enza Bruno Bossio, il consigliere regionale Franco Iacucci, dirigenti provinciali, nazionali ed amministratori locali, è stata ratificata l’elezione a segretario provinciale di Vittorio Pecoraro, Maria Locanto è stata eletta alla presidenza provinciale e sono stati eletti anche i primi organismi, con Daniele Intrieri alla tesoreria, mentre nella commissione di garanzia spicca la figura di Salvatore Perugini, primo sindaco del Pd nella città dei Bruzi.

“Abbiamo celebrato l’assemblea insediativa del Partito Democratico ed eletto Maria Locanto come presidente del partito – afferma Vittorio Pecoraro segretario provinciale del PD – ed è un segnale importante. Abbiamo anche eletto i primi organismo, come la tesoreria e la commissione di garanzia. Il lavoro da fare è tantissimo. Quello che ho detto – ha spiegato Pecorare – è che la nostra è una precisa scelta di campo. Questo significa mai più connivenze con il centrodestra, mai più alleanze o rapporti mascherati da un finto civismo. Noi siamo alternativi e faremo durissima opposizione in provincia e alla Regione. La nostra posizione è in primis quella di appoggiare il Governo Draghi. Abbiamo collaborato bene, almeno per Cosenza, con il Movimento 5 Stelle e siamo sempre disponibili a parlare con tutti. Vediamo adesso cosa succederà dopo la scelta di Di Maio”.

Continua a leggere

Cosenza

Al via la VI edizione del torneo di retorica forense “Scacco d’Atto”

Il torneo prenderà il via, giovedì alle 17:30 con la cerimonia di inaugurazione nella Biblioteca del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Si svolgerà dal 23 al 25 giugno prossimi, la sesta edizione del torneo di retorica forense “Scacco d’Atto”, riservato agli allievi delle scuole forensi che si preparano all’esercizio della professione di Avvocato. Il Torneo è organizzato dal coordinamento della Scuola Superiore dell’Avvocatura e del Consiglio Nazionale Forense e vedrà la partecipazione delle migliori scuole forensi italiane che si confronteranno sulle tematiche della retorica classica. La competizione si terrà, presso la Biblioteca del Consiglio dell’ordine degli Avvocati di Cosenza. In questa tre giorni gli allievi di nove scuole forensi provenienti da tutta Italia, si sfideranno a “colpi di retorica” affrontando la discussione di un caso giurisprudenziale, in materia civile o penale, assumendo la difesa di una delle parti processuali.

Il torneo prenderà il via, giovedì alle 17:30 con la cerimonia di inaugurazione nella Biblioteca del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, al secondo piano del Palazzo di Giustizia, dove avverrà tra l’altro anche l’estrazione delle tracce da assegnare a ciascun partecipante e si procederà alla formazione dei gironi in cui si articolerà il torneo. La giornata finale di questo torneo che vedrà coinvolti gli allievi delle migliori scuole forense italiane, si terrà sabato 25 giugno, presso il Complesso Museale di “Palazzo Arnone”, sede storica del Tribunale di Cosenza, con la duplice finalità di permettere agli ospiti di visitare uno dei più importanti monumenti cittadini e di ripercorrere la grande tradizione dell’Avvocatura Cosentina attraverso la riscoperta dei luoghi che ne hanno segnato la storia.

Continua a leggere

Di tendenza