(NOMI) Operazione “Katarion”: 44 indagati, uno scovato in mutande in un bunker

Sono 44 gli indagati finiti nell’operazione Katarion dei carabinieri, 33, invece, le misure cautelari. Uno degli arrestati è stato trovato in un bunker

 

- Pubblicità Clikio single-

COSENZA – L’operazione Katarion – nome ebraico con il quale veniva indicato il promontorio cetrarese – scaturisce dalla denuncia di una nonna preoccupata per il nipote tossicodipendente e anche pusher, che oggi è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Cosenza. I militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip. di Catanzaro, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 33 soggetti, indagati, a vario titolo, dei reati di “associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti; produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti; estorsione, tentata e consumata, aggravata dal ricorso al metodo mafioso; detenzione illegale di armi da fuoco”, nell’ambito delle investigazioni relative ad un’organizzazione criminale operante sotto l’egida della storica consorteria mafiosa ‘Muto’ di Cetraro. “L’indagine – ha spiegato il col. Piero Sutera comandante provinciale dei carabinieri di Cosenza – parte da una nonna disperata che ha tentato di salvare il nipote. A questa si aggiunge la denuncia di un  imprenditore che ha deciso di opporsi alle pretese degli emissari della cosca Muto e affidarsi alla tutela dello Stato”.


Stamattina nel corso dell’esecuzione delle misure cautelari è stato ritrovato anche un bunker ricavato nel soffitto di un bagno. Gli uomini dell’arma, supportati dallo Squadrone eliportato cacciatori di Calabria, non trovando il soggetto nell’abitazione, ma riscontrando la presenza di molti oggetti personali hanno intuito che non poteva trovarsi lontano. Nel bagno, infatti, sul soffitto hanno notato delle irregolarità e al controllo hanno scoperto l’ingresso del bunker, dove al suo interno si trovava uno degli arrestati in mutande.

Siamo qui ancora a parlare dei Muto – ha spiegato il procuratore capo della Dda Nicola Gratteri – un’organizzazione a delinquere, finalizzata al traffico di stupefacenti che serviva a finanziare l’organizzazione e mantenere i detenuti in carcere. Questo dimostra la difficoltà di sterilizzare il carcere rispetto ai mafiosi che sono all’esterno. Ogni volta che si fa un’operazione è ovvio che non si riesce a dimostrare la penale responsabilità di tutti gli associati. Anche oggi ne abbiamo arrestati tanti, ma dieci sono rimasti fuori che cercheranno di organizzarsi per occupare gli spazi lasciati liberi dagli arrestati di questa notte. Quindi, sta alla cosiddetta società civile rioccupare gli spazi che siamo riusciti a liberare”.

Foto e video di Francesco Greco

 

I NOMI

Custodia cautelare in carcere:

Giuseppe Antonuccio alias “Garibaldi” classe 1992 di Cetraro
Mario Cianni classe 1965  di Cetraro
Poldino Cianni classe 1984 di Cetraro
Flavio Graziosi classe 1997 di Cetraro
Fabrizio Iannelli classe 1977 di Cetraro
Giuseppe Mandaliti classe 1982 di Diamante
Pasquale Napoli classe 1964 di Scalea
Maurizio Tommaselli classe 1957 di Guardia Piemontese
Luigi Tundis classe 1975 di Cetraro
Antonio Gianluca Vitale classe 1978 di Siderno

Agli arresti domiciliari

Casella Ciriaco classe 1989 di Buonvicino
Giovanni Franco classe 1958 di Santa Maria del Cedro
Michele Iannelli classe 1975 di Cetraro
Alfonso Scaglione classe 1968 di Scalea
Franco Scorza classe 1968 di Cetraro
Anna Maria Sollazzo classe 1962 di Scalea
Alessio Carmine Tundis alisa “carrello” classe 1987 di Cetraro
Concettina Zicca alias “jonatha” classe 1976 di Cetraro

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Salvatore Addino alis “salvatorino” classe 1991 di Buonvicino
Giovanni Aita classe 1981 di Diamanate
Salvatore Amoroso  alias “sasà il deejay” classe 1990 do Buonvicino
Carmine Antonuccio alias “garibaldi” classe 1993 di Cetraro
Annaelisa Esposito classe 1993 di Buonvicino
Roberta Greco classe 1983 di Santa Maria del Cedro
Stefano Greco alias “tetano” classe 1979  di Buonvicino
Luca Impieri classe 1987 di Belvedere
Rossella Lombardi classe 1982 di Buonvicino
Salvatore Orto classe 1990 di Buonvicino
Stefania Ricca classe 1981 di Buonvicino
Loris Ricco classe 1991 di Cetraro
Marcello Ricco alias “u’ cinese” classe 1978 di Cetraro
Giuseppe Spanò alias “Pelè” classe 1990 di Cetraro
Andrea Valente classe 1978 di Buonvicino

 

- Pubblicità sky-

Correlati

Freddo e senza riscaldamento, chiuso il tribunale di Castrovillari: udienze sospese

CASTROVILLARI (CS) - Udienze sospese fino al prossimo 18 febbraio nel Tribunale di Castrovillari a causa del freddo. L'impianto di riscaldamento nel Palazzo di...

San Lucido smart town guida l’internazionalizzazione della Calabria

SAN LUCIDO (CS) - Mercoledì 8 febbraio, a partire dalle ore 10:00, si terrà a San Lucido il primo convegno europeo sul tema EU...

Castrovillari, tentativo di furto in un istituto scolastico

CASTROVILLARI (CS) - Tentativo di furto si è verificato nelle prime ore di domenica scorsa, 5 febbraio, ai danni dell'Istituto Professionale Alberghiero "Karol Wojtyla"...

Nelle farmacie di Cosenza e Provincia, la 23^ giornata di raccolta del farmaco

COSENZA - Serve più di 1 milione di farmaci per oltre 1.800 realtà socio-assistenziali. La Raccolta dura una settimana e aiuterà almeno 400.000 persone...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Muore il fratello dell’assessore De Cicco. Il cordoglio di Caruso: «immane tragedia»

COSENZA - “Una notizia che ci lascia sgomenti e senza parole e che rende attonite tutta l’Amministrazione comunale e la nostra squadra di governo...

Anci Calabria, la sfida alla presidenza: in corsa i sindaci Caruso e Limardo

CATANZARO - Si avvicina l'elezione del nuovo presidente dell'Anci Calabria, che si terrà venerdì prossimo a Feroleto Antico. In corsa per conquistare la carica...

‘Ndrangheta, assassinio dell’avvocato Pagliuso: chiesta la conferma degli ergastoli

LAMEZIA TERME (CZ) - - Il sostituto procuratore generale Marisa Manzini ha chiesto la conferma dell'ergastolo per i presunti boss Pino e Luciano Scalise,...

In arrivo venti forti e neve a bassa quota. Scatta l’allerta gialla in Calabria

COSENZA - Masse d'aria fredde provenienti dai Balcani investiranno l'Italia portando nevicate fino a quote basse su Meridione e regioni del medio adriatico. Contemporaneamente...

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Cospito, movimenti anarchici in piazza a Cosenza: «Fuori Alfredo dal 41...

COSENZA - Mentre Alfredo Cospito, da lunedì scorso detenuto nel carcere di Opera, continua il suo sciopero della fame, anche a Cosenza i movimenti...

Villapiana, muore travolto da un treno: traffico ferroviario in tilt

VILLAPIANA (CS) - Un uomo, per cause ancora da chiarire, è stato investito da un treno e ha perso la vita. È successo poco...

Cosenza, fanno sesso in pubblico e vengono ripresi

COSENZA - Fanno sesso in pieno giorno all’autostazione di Cosenza e vengono ripresi da un passante, senza che nessuno interviene. In poche ore il...

Paola, elisoccorso atterra nella nuova piazzola e soccorre 52enne in arresto...

AMANTEA (CS) - Un violento arresto cardiaco ha colpito un uomo di 52 anni ad Amantea. Il fatto è accaduto nel pomeriggio di oggi,...

Cosenza: esplode condotta d’acqua, disagi e danni al manto stradale

Disagi alla circolazione sul tratto interessata dalla copiosa fuoriuscita d'acqua. Sul posto si sono recati immediatamente i vigili del fuoco

Cosenza, rissa tra ragazzini in piazza Bilotti: due feriti

Sul posto si è reso necessario l'intervento di un'ambulanza per soccorrere uno dei feriti colpito da un tubo metallico