Presunto caso di malasanità: "Come è morto mio padre? E perchè?" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

Presunto caso di malasanità: “Come è morto mio padre? E perchè?”

Avatar

Pubblicato

il

A.P. ci contatta per raccontare la storia di suo padre che lo scorso 17 marzo è venuto a mancare per “cause non ancora definite”. C’è molta tristezza mista alla rabbia nella lettera che ha inviato alla redazione di Quicosenza

 

COSENZA – La storia è quella del papà di A.P., residente a Rogliano che una notte di due mesi fa ha avuto un malore, e dal 17 marzo 2019 non c’è più. Il papà vive con la madre di 93 anni quella notte, decide di chiamare lui stesso il 118. Ritenendo di avere un “presunto infarto”, decide di farsi 4 rampe di scale e di aspettare l’ambulanza all’esterno dell’abitazione. Nel frattempo col suo telefonino avverte un familiare all’1,30 di notte, che riesce a raggiungere il posto, prima dei soccorsi. “Arrivata l’ambulanza, carica mio padre e dai primi riscontri emerge che a bordo non c’erano i mezzi da primo soccorso, in quanto il defibrillatore del mezzo sarebbe stato “guasto”. Mio padre è stato trasportato al pronto soccorso di Cosenza vivo. Ora del decesso… le 3.00 di notte”.

“Noi siamo 3 figlie residenti a Modena arrivate a Cosenza il giorno dopo. Ci rechiamo al Pronto soccorso per chiedere informazioni e per conoscere la causa di morte di nostro padre ma siamo state trattate con superbia da una donna in accettazione che ci ha invitato ad andarcene potendo oltretutto osservare il degrado intorno a noi di quel Pronto soccorso: nessun referto e nessun medico a darci una spiegazione. Prese dalla disperazione decidiamo di recarci in Questura. Il magistrato ha dato immediatamente disposizioni per bloccare la salma e dispone l’autopsia con il medico legale. Ad oggi ci sono 4 indagati, due medici dell’ambulanza e due medici del pronto soccorso. Quello che ci chiediamo è: “cosa è successo a nostro padre? Ma soprattutto cosa è accaduto tra le 1.30 di notte e le 3.00? Di cosa è morto papà? Dalle prime analisi è emerso che non è stata applicata nessuna terapia farmacologica, non ha avuto ictus, aneurisma, non è stato un infarto stroncante, allora cosa è successo a mio padre?”

“È stato lasciato morire su un lettino senza fare nulla? E se fosse stato un principio di infarto ed era vivo su quell’ambulanza si poteva salvare? Se è riuscito a chiamare lui stesso il 118, a fare 4 rampe di scala cosa aveva mio padre? Non l’hanno capito? Come si fa a non avere un defibrillatore funzionante a bordo di un ambulanza?”.

Tante domande per le quali “siamo in attesa dei risultati delle analisi da laboratorio dell’autopsia, che ad oggi dopo 60 giorni  dovrebbero arrivare a giorni. Siamo anche in attesa della registrazione telefonica del 118 sottoposta ancora al segreto istruttorio e tutte le indagini del caso. Ma non si può tacere di fronte a tutto questo; mio padre non è l’unico “presunto” caso, purtroppo, di malasanità a Cosenza. Aveva solo 63 anni e ancora tanto da vivere. Voglio rendere pubblico questa vergogna e soprattutto vogliamo giustizia”.

A.P. 

Cosenza

Al via le celebrazioni per il 210° anniversario della Camera di Commercio

Il Presidente Klaus Algieri riceve dalle mani del Prefetto il Decreto a firma Draghi e Mattarella che riconosce ufficialmente lo Stemma storico dell’Ente del 1812

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Nella Sala “Petraglia” della Camera di Commercio di Cosenza, si sono svolte le celebrazioni dei 210 anni dell’Ente camerale, nel corso del primo Consiglio del 2022. Un Consiglio tenutosi in forma aperta, dove oltre al Prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella, hanno partecipato numerosi rappresentati istituzionali comunali, provinciali e regionali. In rappresentanza del Cerimoniale di Stato e per le onorificenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Capo Ufficio Vicario, Enrico Passaro, e lo Storico Araldista, Rita Raffaella Russo. il Prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella, ha consegnato poi ufficialmente al Presidente Klaus Algieri lo Stemma e il Gonfalone raffiguranti l’emblema storico della Camera di Commercio di Cosenza, concessi con Decreto del Presidente della Repubblica del 22 aprile 2021. Con l’occasione è stata scoperta la targa dei Presidenti della Camera di Commercio ed è stato sottoscritto il protocollo tra il presidente dell’Ente camerale Klaus Algieri e il Presidente del Tribunale di Cosenza, Maria Luisa Mingrone, in materia di Risoluzione alternativa delle controversie.

Continua a leggere

Cosenza

Rimossi gli spartitraffico in Piazza Bilotti. Caruso: “Strada percorribile e senza ingorgo”

Caruso: “Ripristinare in questa zona il senso unico non significa, incrementare l’uso delle auto, bensì evitare quell’ ingorgo costante che si creava con la circolazione a doppio senso “

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Proseguono i provvedimenti dell’amministrazione comunale di Cosenza in materia di viabilità. Infatti dopo la dopo la regolamentazione della ZTL di via Piave e via Isonzo e dopo la riapertura di via Roma, con la rimozione degli spartitraffico in Piazza Bilotti, si ritorna al senso unico di circolazione. Con questa ulteriore decisione, il piano di viabilità previsto dall’amministrazione comunale del sindaco Caruso, comincia a prender ulteriormente forma. “Questo provvedimento ha dato risposte adeguate alle necessità dei cittadini”. Ha dichiarato il sindaco. “Siamo stati eletti per questo motivo ed è quello che faremo, dando concretezza agli impegni assunti, che per quanto mi riguarda non rimarranno mai inevasi. Il nostro obiettivo sulla viabilità è quello di ritornare alla normalità di strade percorribili e sicure, senza rinunciare alla sostenibilità. Ripristinare in questa zona il senso unico non significa, infatti, incrementare l’uso delle auto, bensì evitare quell’ ingorgo costante che si creava con la circolazione a doppio senso e che provocava inquinamento acustico ed ambientale. Questa è la circolazione che dobbiamo creare in tutta la città per cui bisogna ora procedere con gli altri interventi già in cantiere ed attuare un serio Piano urbano del traffico”.

Continua a leggere

Cosenza

Presentata l’edizione cosentina 2022 di “Fatti di Musica”. Quattro i concerti previsti

Si partirà il 2 agosto dal Teatro dei Ruderi di Cirella in Diamante, con il concerto-evento di Riccardo Cocciante con l’Orchestra diretta dal Maestro Leonardo De Amicis della Rai

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

La trentaseiesima edizione dell’importante evento musicale, “Fatti di Musica”, anche quest’anno vedrà la partecipazione di prestigiosi artisti. Sono 4 gli eventi che si svolgeranno nella provincia di Cosenza, come ha sottolineato il suo ideatore, Ruggero Pegna. Si partirà il 2 agosto dal Teatro dei Ruderi di Cirella in Diamante, con il concerto-evento di Riccardo Cocciante con l’Orchestra diretta dal Maestro Leonardo De Amicis della Rai. Cocciante si esibirà soltanto in otto prestigiose location italiane, fra le quali appunto quella ricca di storia e suggestioni naturali del sito di Diamante. L’8 agosto sarà invece la volta del live di Franco 126 che è fra i cantautori più amati della musica italiana. Il 12 agosto,  l’Anfiteatro romano di Acri  ospiterà, l’unica tappa in Calabria del Summer Tour 2022 di RKOMI. Il 20 agosto infine si ritorna ai Ruderi di Cirella con Irama, protagonista all’ultimo Festival di Sanremo. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Cosenza.

Continua a leggere

Di tendenza