Debiti di Occhiuto: "non è esclusa l'ipotesi di danno erariale" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

Debiti di Occhiuto: “non è esclusa l’ipotesi di danno erariale”

Avatar

Pubblicato

il

mario occhiuto

Equitalia e Occhiuto, per i consiglieri comunali di Cosenza c’è il rischio che il Comune possa essere costretto dal giudice dell’esecuzione ad effettuare nuovamente il pagamento nei confronti di Equitalia

 

COSENZA «Anche la Corte d’Appello di Catanzaro si è pronunciata nei giorni scorsi in senso favorevole all’accertamento dell’esistenza del credito del debitore Mario Occhiuto nei confronti del Comune di Cosenza per ogni anno in cui il debitore esecutato ha rivestito la carica di sindaco a decorrere dalla data di notifica del pignoramento. Ora cosa accadrà? Il Comune ha accantonato o meno queste somme? Se sì, in che misura?».

A chiederselo sono i consiglieri comunali di Cosenza, Carlo Guccione, Damiano Covelli, Enrico Morcavallo, Bianca Rende, Alessandra Mauro, Francesca Cassano, Anna Fabiano, che hanno inviato una lettera al presidente del Consiglio comunale di Cosenza, Pierluigi Caputo e al segretario generale del Comune, Alfonso Rende.

«Il Comune prenda atto di quanto sentenziato ora anche dalla Corte d’Appello. Il rischio è che il Comune – scrivono i consiglieri – possa essere costretto dal giudice dell’esecuzione ad effettuare nuovamente il pagamento nei confronti di Equitalia con la necessità di dare copertura alla spesa previo riconoscimento del debito fuori bilancio (derivante da ordinanza di assegnazione). In questa eventuale ipotesi non è esclusa la configurabilità di una ipotesi di danno erariale in capo al soggetto che ha violato il divieto di atti di disposizione. Altresì occorre sottolineare che il Comune, dal giorno in cui gli è stato notificato il pignoramento, è soggetto agli obblighi che la legge impone al custode e non può disporre delle cose o somme da lui dovute se non per ordine del giudice. A tale obbligo si correla l’articolo 388 bis del codice penale il quale punisce con la reclusione fino a sei mesi “chiunque avendo in custodia una cosa sottoposta a pignoramento … per colpa ne cagiona la dispersione ovvero ne agevola la sottrazione”».

«È stata confermata sostanzialmente la sentenza emessa dal Tribunale di Cosenza lo scorso gennaio 2018.  Ma vi è di più. Se è vero, come è vero, che il giudizio di accertamento dell’obbligo del terzo – specificano i  consiglieri nella lettera – è finalizzato esclusivamente alla verifica della sussistenza e dell’entità del credito pignorato e che tutte le questioni che attengono alla pignorabilità dei beni vanno proposte dal debitore esecutato con il giudizio di opposizione all’esecuzione, ex articolo 615 c.p.c., è anche vero che la mancata proposizione dell’appello da parte di Occhiuto ha fatto sì che la sentenza di primo grado passasse in giudicato sulla parte che stabilisce la pignorabilità senza limite dell’indennità di sindaco. Pertanto, una nuova opposizione, ex articolo 615, sull’aspetto indicato comporterebbe la violazione del principio del ne bis in idem (nessun giudice si può pronunciare un’altra volta su quel diritto sul quale c’è stata una pronuncia che abbia esaurito la serie dei possibili riesami)».

Ecco cosa è accaduto nel dettaglio:

«Il Comune di Cosenza – così come è scritto nella sentenza di primo grado – ha richiamato una dichiarazione depositata in altra procedura, sostenendo che il pignoramento presso terzi ricevuto non sia applicabile al caso di specie atteso che l’indennità di carica non può essere soggetta a pignoramento.

Su richiesta di Equitalia, il Tribunale di Cosenza ha sospeso la procedura esecutiva e ha fissato il termine per l’inizio del giudizio di accertamento dell’obbligo del terzo, vale a dire accertare l’esistenza e l’entità del credito di Mario Occhiuto nei confronti del Comune (terzo pignorato). Equitalia chiedeva altresì di accertare e dichiarare la piena pignorabilità dell’indennità di carica spettante al debitore in qualità di sindaco del Comune di Cosenza. Ma Comune e sindaco non si sono costituiti in giudizio e pertanto il Tribunale ne dichiarava la contumacia.

Avverso la pronuncia del giudice del Tribunale, il Comune ha proposto appello alla Corte di Appello di Catanzaro, eccependo l’erroneità della sentenza nella parte in cui ha ritenuto pignorabile senza limiti l’indennità di sindaco e l’erroneità della somma annua dovuta al sindaco. Mario Occhiuto non solo non ha proposto appello ma neanche si è costituito in giudizio. Equitalia invece ha rassegnato le proprie difese sostenendo la correttezza della sentenza di primo grado.

Si legge nella sentenza – spiegano i consiglieri Guccione, Covelli, Morcavallo, Rende, Mauro, Fabiano e Cassano –  che il Comune di Cosenza non è legittimato a far valere l’impignorabilità dei beni, essendo tale questione relativa al rapporto tra Equitalia e Occhiuto al quale spettano i rimedi di opposizione previsti dalla legge. Continua la Corte nel dichiarare così il vizio di legittimazione passiva del Comune, la contumacia del sindaco e il passaggio in giudicato della sentenza in primo grado sulla parte che stabilisce la pignorabilità dell’indennità del sindaco senza limiti. Qualora Occhiuto decidesse di proporre una nuova opposizione, ex articolo 615 c.p.c., nella parte riguardante la pignorabilità o meno della sua indennità, potrebbe comportare la violazione del principio del ne bis in idem.

Perché Occhiuto non si è costituito e l’ha fatto solo il Comune? Non costituendosi è passata in giudicato la parte riguardante la pignorabilità dell’indennità del sindaco. E ora non può più opporsi».

 

LEGGI ANCHE

 

Debiti di Occhiuto, Guccione: “informi i cittadini, devono sapere la verità”

 

L’ufficio legale “il Comune di Cosenza non pagherà i debiti del sindaco e mai lo farà”

Area Urbana

Montalto, sigilli alla condotta di un supermercato per smaltimento illecito di reflui

Il legale rappresentante dell’impresa di generi alimentari è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Una condotta in pvc, realizzata nel retro di un noto supermercato di Taverna di Montalto Uffugo, smaltiva i reflui del settore caseario e di una macelleria interna. La condotta che scaricava direttamente sul suolo attraverso un pozzetto adibito alla raccolta delle acque piovane, in cui galleggiavano schiume bianche maleodoranti e liquidi opalescenti non è passata inosservata ai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Montalto coadiuvati durante un piano di monitoraggio delle aziende del luogo dai colleghi di Cerzeto.

I militari hanno provveduto al sequestro penale degli scarichi e di una condotta sotterranea realizzata per consentire continui sversamenti non a norma di reflui caseari e di acque di lavaggio dei laboratori della macelleria. Alla luce degli accertamenti eseguiti il legale rappresentante dell’impresa di generi alimentari è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cosenza, per i reati connessi allo scarico illecito di reflui industriali e per getto pericoloso di cose atte ad imbrattare cose altrui in luogo di transito al pubblico.

Continua a leggere

Calabria

Sanità: continuità assistenziale, pubblicato il decreto incarichi

Riguarda l’assegnazione di incarichi vacanti di Continuità assistenziale, individuati dalle Aziende sanitarie provinciali di Catanzaro e Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – “Il dipartimento Tutela della salute e Servizi sociali e Sociosanitari della Regione, settore Medicina convenzionata e Continuità assistenziale, ha pubblicato oggi il decreto dirigenziale n. 7705 che riguarda l’assegnazione di incarichi vacanti di Continuità assistenziale per gli anni 2017, 2018, 2019 e 2020, individuati dalle Aziende sanitarie provinciali di Catanzaro e Cosenza“. Lo riferisce un comunicato dell’ufficio stampa della Giunta regionale.

Nel decreto si afferma che “possono concorrere al conferimento degli incarichi i medici che si trovano in una delle ipotesi di trasferimento, che sono inclusi nella graduatoria regionale, che abbiano acquisito il diploma di formazione specifica in medicina generale. I medici aspiranti dovranno presentare domanda di partecipazione, utilizzando i modelli specificati, entro 20 giorni dalla pubblicazione del presente atto sul Burc, inviandoli direttamente alle Aziende sanitarie provinciali di riferimento, per uno o più incarichi vacanti, agli indirizzi e secondo le modalità che saranno loro indicati dalle Asp competenti”.

Continua a leggere

Area Urbana

Maltrattamenti in famiglia ed estorsione, allontanato 25enne cosentino

Il giovane picchiava i genitori, li derubava dei gioielli e anche degli elettrodomestici per comprare la droga

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Nel tardo pomeriggio di sabato, la Squadra Mobile ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale a carico di un 25 enne di Cosenza, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia ed estorsione continuata ai danni dei genitori. Il giovane è stato allontanato dalla casa familiare, con specifica prescrizione di non avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle vittime ed in particolare alla medesima abitazione. Nel corso dell’esecuzione della misura, l’uomo è stato anche denunciato per il reato di ricettazione in quanto trovato in possesso di una carta d’identità risultata rubata e sulla quale sono in corso ulteriori verifiche.

Le indagini, partite a seguito della denuncia dei genitori, hanno permesso di dimostrare che il ragazzo, con seri problemi di dipendenza da droga, al fine di procurarsi il danaro necessario, non esitava a minacciarli di morte, spintonare e picchiare il padre, facendolo cadere a terra nel corso delle liti ormai divenute all’ordine del giorno, prendendolo a pugni e brandendogli contro un coltello, dinanzi a qualunque genere di rifiuto o opposizione alla richiesta di soldi. Inoltre, dinanzi ai dinieghi distruggeva i mobili della casa e l’automobile di famiglia, sfogando la sua ira con ripetuti calci e pugni sulla carrozzeria, danneggiandola seriamente. Gli anziani genitori più volte hanno riscontrato la mancanza di monili in oro quali collane, bracciali e tutto ciò potesse essere venduto dal figlio che arrivava persino a smontare gli elettrodomestici presenti in casa pur di acquistare della droga.

Continua a leggere

Di tendenza