Carenze e disagi all'Asp di Cosenza, protestano i lavoratori. Mercoledì assemblea - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

Carenze e disagi all’Asp di Cosenza, protestano i lavoratori. Mercoledì assemblea

Avatar

Pubblicato

il

È stata indetta per il prossimo 3 aprile dalle ore 08:00 alle 14:00, l’Assemblea di tutti i lavoratori del Comparto Sanità, dipendenti dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza

 

COSENZA – L’assemblea si terrà dinanzi la sede dell’Ente in via Alimena a Cosenza e ad annunciarlo sono stati i sindacati, dopo un lungo confronto con i lavoratori, dal quale ne è scaturito un documento indirizzato all’Ente Sanitario, al Prefetto e al Questore di Cosenza. Il documento a firma di Susanna De Marco – Uil Fpl Cosenza, Teodora Gagliardi – FP Cgil Cosenza, Vincenzo Casciaro – FP Cgil Castrovillari, Pierpaolo Lanciano – FP Cisl, Antonio Caccuri – Fials, Onofrio Sommario – Nursing Up, riporta i motivi che hanno indotto i lavoratori ad intraprendere tale forma di protesta.

I motivi

“Tra i motivi sicuramente c’è quello della carenza di personale medico, infermieristico, OSS, ausiliario, tecnico e amministrativo, che inevitabilmente lascia intuire quali gravi disservizi possano presentarsi, come ad esempio, l’espletamento di un servizio scadente nei confronti di chi richiede assistenza, a causa di un carico eccessivamente elevato per gli operatori sanitari che si ritrovano ad operare in situazioni in cui sarebbe meglio possedere il dono dell’ubiquità. Successivamente – riporta la nota dei sindacati – la mancata attivazione delle Progressioni (Fasce economiche) già concordate lo scorso 19/12/2018. Poi la parziale applicazione della Riforma Madia in merito alle riqualificazioni di tutto il Personale avente diritto (OSS, Infermieri, Amministrativi, Tecnici). In fine la mancata stabilizzazione del Personale a tempo determinato e mancata trasformazione dei rapporti di lavoro da part time a full time”.

“Si evince pertanto che l’Asp di Cosenza, da un po’ di tempo, sia artefice di numerose mancanze, dimostrandosi sorda alle richieste provenienti dai sindacati: l’Azienda Sanitaria, infatti, poco o nulla ha fatto per quanto riguarda l’applicazione dei provvedimenti atti a valorizzare la professionalità dei dipendenti. Più volte abbiamo  attivato gli uffici legali – spiegano le sigle sindacali – denunciando il mancato rispetto degli accordi sottoscritti, ma neanche di fronte a queste prese di posizione rigorose abbiamo registrato un minimo di attenzione che facesse intravedere un cambio di rotta”.

“Il sindacato non può rimanere inerte di fronte ad una situazione così desolante, dove l’arroganza supera ogni limite di tollerabilità, occorre un sindacato forte che faccia rispettare le norme contrattuali e che faccia riconquistare centralità al ruolo del Dipendenti. E a tal proposito, non servono i documenti di qualche “sigla sindacale fai da te”, finalizzati a discreditare chi da anni si batte contro gli sprechi. Così come non serve tirarsi indietro nella lotta a difesa dei lavoratori, altrimenti si dimostra di voler difendere e mantenere quelle piccole rendite di posizione che hanno contribuito a portare la Sanità della nostra Provincia al degrado attuale.
Per i motivi sopraesposti riteniamo giusta e puntuale questa prima azione di protesta che aprirà una stagione d’iniziative sempre più incisive, fino ad arrivare allo Sciopero Generale dei lavoratori della Sanità Pubblica della Provincia di Cosenza”.

“L’Asp si dia una regolata; – conclude la nota – i lavoratori non possono più essere mortificati, né condannati al precariato a vita. E se ne faccia una ragione anche il sindacato fai da te, invece di decidere di rinunciare ad unirsi a questa battaglia di civiltà e di difesa dei dipendenti della Sanità”.

Cosenza

Rampini (Corsera) :” Il gap infrastrutturale in Calabria si può recuperare con digitalizzazione”

Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Tra i relatori del seminario svoltosi presso la Camera di Commercio di Cosenza, promosso insieme a Promos Italia,  incentrato alla individuazione degli  strumenti di sostegno all’internazionalizzazione e una maggior spinta alla digitalizzazione per continuare a presidiare i mercati tradizionalmente legati al nostro export e per intercettare nuove opportunità in economie a maggior potenziale di sviluppo, nella consapevolezza che i prodotti legati al territorio e alla cultura nostrana fanno del Made in Italy un marchio unico e apprezzato nel mondo, c’è stato  Federico Rampini, Editorialista del Corriere della Sera e saggista che ha affrontato i temi geoeconomici che stanno influenzando il mondo come la guerra in Ucraina. Rampini,  per quanto riguarda la Calabria, ha spiegato per esempio che  il gap infrastrutturale,  potrebbe esser recuperato  accelerando nella digitalizzazione

Continua a leggere

Cosenza

Cosenza, con l’assemblea insediativa inizia il nuovo corso del Partito Democratico

L’assemblea cosentina del Pd ha eletto presidente Maria Locanto. Scelti anche i primi organismi come tesoreria commissione di garanzia

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Con la celebrazione dell’assemblea insediativa provinciale, è iniziato il nuovo corso del Partito Democratico nella provincia di Cosenza. Nel corso della riunione a cui hanno partecipato la parlamentare Enza Bruno Bossio, il consigliere regionale Franco Iacucci, dirigenti provinciali, nazionali ed amministratori locali, è stata ratificata l’elezione a segretario provinciale di Vittorio Pecoraro, Maria Locanto è stata eletta alla presidenza provinciale e sono stati eletti anche i primi organismi, con Daniele Intrieri alla tesoreria, mentre nella commissione di garanzia spicca la figura di Salvatore Perugini, primo sindaco del Pd nella città dei Bruzi.

“Abbiamo celebrato l’assemblea insediativa del Partito Democratico ed eletto Maria Locanto come presidente del partito – afferma Vittorio Pecoraro segretario provinciale del PD – ed è un segnale importante. Abbiamo anche eletto i primi organismo, come la tesoreria e la commissione di garanzia. Il lavoro da fare è tantissimo. Quello che ho detto – ha spiegato Pecorare – è che la nostra è una precisa scelta di campo. Questo significa mai più connivenze con il centrodestra, mai più alleanze o rapporti mascherati da un finto civismo. Noi siamo alternativi e faremo durissima opposizione in provincia e alla Regione. La nostra posizione è in primis quella di appoggiare il Governo Draghi. Abbiamo collaborato bene, almeno per Cosenza, con il Movimento 5 Stelle e siamo sempre disponibili a parlare con tutti. Vediamo adesso cosa succederà dopo la scelta di Di Maio”.

Continua a leggere

Cosenza

Al via la VI edizione del torneo di retorica forense “Scacco d’Atto”

Il torneo prenderà il via, giovedì alle 17:30 con la cerimonia di inaugurazione nella Biblioteca del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Si svolgerà dal 23 al 25 giugno prossimi, la sesta edizione del torneo di retorica forense “Scacco d’Atto”, riservato agli allievi delle scuole forensi che si preparano all’esercizio della professione di Avvocato. Il Torneo è organizzato dal coordinamento della Scuola Superiore dell’Avvocatura e del Consiglio Nazionale Forense e vedrà la partecipazione delle migliori scuole forensi italiane che si confronteranno sulle tematiche della retorica classica. La competizione si terrà, presso la Biblioteca del Consiglio dell’ordine degli Avvocati di Cosenza. In questa tre giorni gli allievi di nove scuole forensi provenienti da tutta Italia, si sfideranno a “colpi di retorica” affrontando la discussione di un caso giurisprudenziale, in materia civile o penale, assumendo la difesa di una delle parti processuali.

Il torneo prenderà il via, giovedì alle 17:30 con la cerimonia di inaugurazione nella Biblioteca del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, al secondo piano del Palazzo di Giustizia, dove avverrà tra l’altro anche l’estrazione delle tracce da assegnare a ciascun partecipante e si procederà alla formazione dei gironi in cui si articolerà il torneo. La giornata finale di questo torneo che vedrà coinvolti gli allievi delle migliori scuole forense italiane, si terrà sabato 25 giugno, presso il Complesso Museale di “Palazzo Arnone”, sede storica del Tribunale di Cosenza, con la duplice finalità di permettere agli ospiti di visitare uno dei più importanti monumenti cittadini e di ripercorrere la grande tradizione dell’Avvocatura Cosentina attraverso la riscoperta dei luoghi che ne hanno segnato la storia.

Continua a leggere

Di tendenza