Cosenza: sospetti maltrattamenti e aggressione ad un'educatrice. Parla la direttrice dell'asilo - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

Cosenza: sospetti maltrattamenti e aggressione ad un’educatrice. Parla la direttrice dell’asilo

Avatar

Pubblicato

il

Dopo la missiva trasmessa alla redazione di Quicosenza delle mamme e genitori dei bambini che frequentano l’asilo oggetto della vicenda da noi pubblicata lo scorso sabato, interviene anche la direttrice della struttura

 

COSENZA – “Sono Angela Falbo, la direttrice della scuola Piccole stelle ed è la prima volta che compaio su mezzi di informazione e di televisione. Ne avrei fatto volentieri a meno ma ho dovuto…. Ho dovuto farlo per difendere la mia persona, il mio operato e quello di tutto il mio staff che da 10 anni educa, fa sorridere, rassicura, rincuora e si prende cura di moltissimi bambini dai 3 mesi di vita ai 6 anni. In questi giorni ho assistito in doveroso e composto silenzio a tutto il fango che ci è piovuto addosso. Purtroppo il dolore è stato tale e tanto da farmi scoppiare quasi il cuore ,quel cuore che in questo posto ho messo da quando, 10 anni fa, ho accolto i primi bambini.

“Le accuse infamanti che vengono mosse alla mia scuola e alle maestre che con me lavorano non meritano di essere commentate, lascio che siano tutti i genitori di tutti i bambini iscritti a parlare per noi. Questo che ho in mano è un atto di diffida a firma di tutti i genitori degli scritti della scuola Piccole Stelle, con il quale chiedono, a tutela dei propri figli, che i genitori che hanno compiuto l’infame gesto di aggredire una nostra educatrice all’interno della scuola, non possano più avvicinarsi al nostro Istituto”.

“Chiederemo danni materiali e morali”

La nostra scuola non è un luogo qualsiasi: è la casa dei bambini nostri iscritti e violare questo luogo è stato un atto vile che non merita commento. Perseguirò con tutti i mezzi che la legge mi mette a disposizione chiunque continua a diffamare la nostra scuola e le sue maestre. Per coloro che già lo hanno fatto i nostri legali sono già al lavoro. Chiederemo i danni morali e materiali a tutti coloro che hanno accusato ed infangato il nostro operato…. ed ogni singolo centesimo di risarcimento lo divideremo con tutte le nostre maestre ed educatrici”.

“Come già detto – prosegue la direttrice dell’asilo – non dirò nulla a mia difesa e non replicherò a nessuna accusa (se non nei luoghi preposti) perché la mia miglior difesa sono tutti i nostri iscritti che credono in noi, nell’operato delle maestre e in tutto ciò che Piccole Stelle rappresenta. Le lacrime che abbiamo versato in questi giorni non sono le lacrime di un bambino che si distacca per la prima volta dalla mamma, non sono le lacrime di un bambino al quale non viene concesso tutto ciò che chiede. Sono lacrime che non si asciugano facilmente e che macchiano cuore e anima”.

“La nostra scuola non ha pareti, non ha segreti, lavoriamo con trasparenza e serenità. Ogni genitore è libero di venire a scuola e assistere con i propri occhi alla nostra quotidianità, a  come il proprio bambino trascorre il tempo insieme a noi ,a vedere quello che fa e come lo fa. Tutto questo a garanzia e a tutela dei nostri iscritti. Nel giro di qualche giorno procederemo all’installazione di telecamere in tutta la scuola, che registreranno le immagini a circuito chiuso per essere sempre a disposizione degli organi inquirenti ,nel caso in cui si sospetti il verificarsi di un reato. Questo a tutela della direzione, delle maestre e delle educatrici… perchè i bambini da noi, sono sempre stati tutelati!”.

LEGGI ANCHE

Cosenza: sospetti maltrattamenti in un asilo, genitori aggrediscono l’educatrice

 

Aggredita educatrice per sospetti maltrattamenti. Le mamme: “ci dissociamo dal polverone”

Cosenza

L’Archivio di Stato di Cosenza celebra le Giornate europee del Patrimonio

Oggi e domani le Giornate europee del Patrimonio. Lo slogan è «patrimonio culturale: tutti inclusi e inconsapevolmente ricchi»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Per le Giornate europee del patrimonio 2021 l’Archivio di Stato di Cosenza celebra la ricchezza dei fondi documentari con un percorso espositivo che include una pluralità di interessi culturali: dalle presenze ebraiche, spagnole e francesi agli uomini illustri come il filosofo Bernardino Telesio; dalla storia dell’arte alla storia della medicina; dalle congregazioni alle devozioni religiose.

Tematiche incluse in un itinerario storico politico che partendo da un assedio popolare del 1707 attraversa i contributi risorgimentali dei fratelli veneziani Attilio ed Emilio Bandiera e dell’albanese Domenico Mauro, fino ad arrivare alle cartoline dal fronte della prima e della seconda guerra mondiale. Ne emerge una sintesi della storia della provincia di Cosenza, i cui vari argomenti sono rappresentati da documenti esemplificativi, per un invito alla conoscenza e all’approfondimento.

Una celebrazione, il cui obiettivo è una partecipazione ampia che riesca a cogliere l’equa opportunità della condivisione di quella ricchezza vera, patrimonio di tutti, da tutelare e conservare. Non occorre prenotazione ma vige il rispetto delle regole anti COVID-19​.

Continua a leggere

Cosenza

Il Soccorso Alpino e Speleologico Calabria riceverà 10 defibrillatori

La cerimonia di consegna si terrà giovedì prossimo, 23 settembre, alle 11 presso la Villa Vecchia in piazza XV Marzo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – La Fondazione Carical dona al Soccorso Alpino e Speleologico Calabria 10 defibrillatori. Ogni automezzo del SASC sarà dotato di questo presidio salvavita, utilizzabile da personale medico e sanitario, tecnici ed operatori del Soccorso Alpino, opportunamente formati ed abilitati.

Il defibrillatore è essenziale per trattare l’arresto cardiaco improvviso, è in grado di riconoscere le irregolarità nel battito cardiaco e di agire in maniera provvidenziale sugli infortunati. Uno strumento estremamente efficace nell’iter di pronto intervento in caso di arresto cardiaco.

La Fondazione Carical, che ha tra i suoi obiettivi la promozione di iniziative di grande utilità sociale, ha voluto dare, in tal senso, il suo contributo come concreto segnale di solidarietà e supporto al Soccorso Alpino e Speleologico Calabria.

Continua a leggere

Cosenza

Volantino elettorale dal numero del centro vaccinale, La Regina “fare chiarezza”

Intende fare chiarezza e non fa passare inosservata la vicenda il commissario dell’azienda sanitaria provinciale di Cosenza, Vincenzo La Regina

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA –  Va avanti la polemica legata all’utilizzo del numero telefonico del centro vaccinale di Lattarico per fare propaganda elettorale sollevata nei giorni scorsi e ripresa dal senatore Morra, sulla quale stamattina si è espressa anche la sindaca del Comune che ospita il centro vaccinale. A parlare è il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina: “è di primario interesse dell’Asp di Cosenza andare in fondo alla vicenda”. “Abbiamo già aperto una commissione d’inchiesta – ha spiegato il commissario – volta ad individuare i responsabili presieduta dal direttore amministrativo Marchitelli”.

“Un episodio, che non dovrà più ripetersi. Strumentalizzazioni politiche e personali verranno severamente perseguite e punite. L’Asp si mette a disposizione della giustizia per stanare i responsabili. La stessa Asp di Cosenza – incalza La Regina – si sente parte lesa in nome dei cittadini innanzitutto e di tutte quelle persone per bene che giornalmente operano all’interno dell’azienda sanitaria”.

Continua a leggere

Di tendenza