Operazione “Sette Note”, interrogatori di garanzia

Una madre coraggio denuncia gli spacciatori che rifornivano il figlio ricoverato in una clinica privata, i quali minacciavano la donna per ottenere il pagamento dei debiti contratti dal giovane che sperperava tutta la pensione nell’acquisto dello stupefacente

 

COSENZA – Si sono tenuti questa mattina gli interrogatori di garanzia degli indagati nell’operazione “Sette Note” inerente allo spaccio di droga, cocaina e marijuana, che prende il nome dalla via di residenza di uno degli indagati. Lo scorso 20 ottobre sono finiti in carcere Dimitri Bruno di 30 anni, Maria De Rose, di 48 anni e Riccardo Gaglianese di 25 anni. Ai domiciliari Giuseppe Cristaldi di 37 anni e Marcello Bennardo di 53 anni, Manuel Esposito, ventiquattrenne. Obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria per C.Q. di 26 anni. Un ottavo indagato, M.C. attualmente risulta irreperibile (nel collegio difensivo gli avvocati Antonio Quintieri, Ugo Le Donne, Cristian Cristiani, Luigi Leonetti, Perri, Antonio Vanadia).

Molti degli indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere; altri come Maria De Rose, 48 anni difesa dall’avvocato Cristian Cristiano ha risposto alle domande del Gip contestando tutti gli addebiti. Il collegio difensivo ha già depositato istanza di riesame che verrà discussa nei prossimi giorni.

L’inchiesta prende spunto dall’ennesima madre coraggio che denunciò vessazioni, minacce e richieste estorsive da parte degli spacciatori che rifornivano il figlio. Agli otto indagati, vengono contestati numerosi episodi di cessione di sostanza stupefacente (trenta i casi contestati) in particolare cocaina e marijuana. E sono state le dichiarazioni rese dalla donna alla Polizia Giudiziaria che, tra notevoli difficoltà, in quanto terrorizzata dal timore di incorrere in ritorsioni da parte dei fornitori della droga al figlio, ha raccontato tutta la sua difficile storia e permesso agli inquirenti di ottenere un quadro più ampio e circostanziato della vicenda.

 

La donna infatti, per evitare al figlio ritorsioni da parte di coloro che gli cedevano la droga, si era fatta carico di debiti contratti dal figlio per importi considerevoli, 2.000 euro -; A partire dal mese di luglio dello scorso anno, in più tranche, la donna si era vista costretta a versare ai “creditori” del figlio la somma di denaro per i debiti contratti per l’acquisto della droga. Le dichiarazioni rese dalla donna, sono state inoltre corroborate da quelle dell’amministratore di sostegno del giovane tossicodipendente che, analogamente, aveva ricevuto minacce e richieste spropositate di denaro dallo stesso giovane, per potere acquistare la cocaina che aveva provveduto a denunciare e da cui era scaturito altro procedimento penale. Le indagini, svolte nell’arco di quasi un anno dalla prima denuncia, si sono sviluppate secondo i consueti canoni investigativi: intercettazioni telefoniche ed ambientali, pedinamenti e appostamenti che hanno permesso, in taluni casi, di riscontrare l’attività di spaccio posta in essere dagli indagati. Complessa è stata l’attività investigativa della Polizia Giudiziaria che ha dovuto svolgere parte delle indagini in contesti ambientali difficili come nel quartiere di San Vito, diventata piazza di “spaccio” .

 

 

LEGGI ANCHE 

“Sette note”, Cosenza capitale regionale della droga

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

vigili-del-fuoco-notte

Incendio in un cantiere allestito nel cortile di una scuola media

ROCCELLA JONICA (RC) - Un incendio, sulle cui cause sono in corso mirati accertamenti, è divampato ieri sera intorno alle 21.00 nel cortile interno...

Corigliano Rossano: contro l’abbandono degli animali, la prevenzione parte dai più piccoli

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Una guida speciale è Silvia, un Bovaro del Bernese, un gigante tutto pelo e dolcezza che si è conquistato le...
Pitbull2

Bimbo di 15 mesi ucciso da due pitbull. Codacons “subito patentino per chi ha...

COSENZA - Dopo la tragedia di Eboli, dove  questa mattina un bimbo di 15 mesi è stato sbranato da due pitbull che hanno anche...
ultimo re attilio sabato libro

Cosenza: il senso e la dimensione del potere, Attilio Sabato presenta “L’Ultimo Re”

COSENZA - Un’attesa e auspicata continuità con le vicende umane e politiche del sindaco don Pepè, figura cardine del precedente romanzo Iubris, ma che...
gabriele garofalo cosenza scrittore

Cosenza, 4 premi per il giovane scrittore Gabriele Garofalo: poesie ed un racconto su...

COSENZA - Dalla presentazione del suo libro, "Filigrana del cuore - T'ama chi viver ama", edito da Altromondo, che si è tenuta giovedì scorso al...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, spaccio a scuola e all’autostazione: pusher minorenni tornano liberi

Quattro minori finiscono in manette accusati di 62 episodi di cessione di droga tra i coetanei a scuola, nelle villette e per strada. Una...

Cosenza, cocaina e armi in via degli Stadi: 77enne ai domiciliari

Tre pistole e un chilo e mezzo di cocaina in una soffitta in piazza Thurium, in uso ad un 77enne. Il Gip convalida l'arresto...

Cosenza, rapina cruenta “per amore”: in appello pena ridotta per Papaianni

Condannato a tre anni dal Tribunale dei minori, la Corte di Appello di Catanzaro accoglie le motivazioni della difesa rideterminando la pena a due...

Amantea, auto in fiamme nel cortile del politico La Rupa

Due le auto completamente distrutte nella notte tra sabato e domenica all'interno del cortile dell'abitazione della famiglia del politico     AMANTEA (CS) - Incendio ai danni...

Fiumefreddo Bruzio, estate con i rifiuti in strada: il degrado avanza

I villeggianti e non solo non ce la fanno più e a segnalare con una mail lo stato di degrado che vivono giornalmente è...

Cosenza, investito il ciclista Pozzovivo. Sarà operato stasera, addio Vuelta

Investito mentre si allenava in bici è stato prontamente soccorso dai sanitari del 118, stabilizzato e trasferito presso il Pronto soccorso dell'Annunziata. Per il...