Omicidio Augieri, giustizia per Francesco: l’appello della famiglia

«È passato poco più di un mese dall’avvenimento che lo scorso 22 Agosto ha scosso le coscienze di tantissime persone, con risonanza a livello nazionale, per l’efferatezza del gesto che ha interessato un giovane di soli 23 anni di Cosenza, Francesco Augieri, intervenuto per difendere un amico barbaramente attaccato per futili motivi da una baby gang, armata di coltelli e predisposta a mettere in atto azioni di inaudita ferocia»

- Pubblicità Clikio single-

 

COSENZA – A scrivere è lo zio di Francesco che grida al muro di omertà che avvolge la morte del nipote. «Tra le cose che mi hanno più impressionato nel corso di questo primo mese, a parte naturalmente il fatto di cronaca nera in sè, è stato il muro di omertà che si è sollevato all’indomani dell’assassinio del 22 Agosto.
Come è facilmente immaginabile, tutto ciò si traduce in un vantaggio a favore di quanti si sono macchiati del crudele omicidio ed ostacola il passo a quanti sono, invece, impegnati nell’opera di fare luce nei fatti avvenuti in quella tragica notte di sangue, dando un volto agli autori materiali della spietata esecuzione, nel tentativo di dare giustizia alla giovane vittima, immolatasi per difendere un amico.

Credo che, sia i villeggianti presenti sul posto (in gran parte di origine campana) e sia soprattutto la popolazione di Diamante, debbano dare oggi un significato più concreto all’attestazione di solidarietà e vicinanza manifestata alla famiglia della vittima con la fiaccolata del 25 Agosto scorso (la fiaccola è appunto simbolo di luce e di verità), rompendo così il muro del silenzio e di omertà mediante la collaborazione con i Carabinieri e la Procura di Paola.
Al contrario, continuare a tenere nascosta la verità e non dare il proprio contributo alla sua ricerca (inviando al sottoscritto anche in forma anonima, video, foto o indicazioni utili per risalire agli assassini) significa diventare complici di quella parte della società che disprezza e calpesta il diritto alla vita di ogni persona, che può essere nostro figlio, fratello o amico.
In effetti è veramente inquietante (e ciò deve far molto riflettere) il dover ammettere che chiunque poteva trovarsi in quella tragica notte di sangue al posto di Francesco, accerchiato da un branco di feroci assassini e senza possibilità di uscirne vivo.

Sono nella condizione di poter collaborare nella ricerca della verità tutti coloro che si sono trovati ad assistere allo svolgimento di quella tragica esecuzione.
Per fare ciò non si dovrà attendere altro tempo, visto che gli organi di informazione ieri hanno diffuso la notizia della richiesta di scarcerazione fatta al Tribunale della Libertà di Catanzaro dai due legali di Francesco Schiattarelli, il diciannovenne napoletano, individuato dalla Procura di Paola come uno degli autori del feroce assassinio di Francesco Augieri.

In aggiunta a quanto sopra argomentato, ritengo che ci sia un’ulteriore importante motivazione per contribuire alla ricerca della verità (ripeto, anche in forma anonima al sottoscritto , attraverso FB, Messenger, e-mail) che è quella di onorare un giovane deceduto prematuramente a soli 23 anni, che ha offerto generosamente la propria vita per difendere un suo amico violentemente attaccato da un branco di feroci malviventi. È superfluo sottolineare che ciò servirà ad evitare che il silenzio e l’omertà della società civile uccidano Francesco per la seconda volta.
Da zio affranto dal dolore chiedo, infine, a tutti coloro che vogliono GIUSTIZIA PER FRANCESCO di condividere in rete questo appello.

- Pubblicità sky-

Correlati

Montalto Uffugo, ristrutturato un edificio destinato alle associazioni di volontariato

MONTALTO UFFUGO - A Santa Maria La Castagna di Montalto Uffugo, un vecchio edificio scolastico in disuso è stato riefficientato dall’amministrazione comunale guidata dal...

Palio di Bisignano, eletto il nuovo capitano del Rione Santa Croce

BISIGNANO (CS) - Si sono svolte ieri nei locali della parrocchia di Santa Croce le elezioni del nuovo capitano del Rione, dopo che Andrea...

Code e disagi a Camigliatello Silano, Tavernise «gestione turistica da serie D»

COSENZA - Dopo le segnalazioni degli utenti e i disagi vissuti ieri da chi ha deciso di recarsi a Camigliatello, interviene "È assurdo pensare...

Calopezzati: sorpreso a rubare rame da un impianto fotovoltaico, arrestato

CALOPEZZATI (CS) - Era intento a sezionare diversi cavi rubati in un impianto fotovoltaico alla periferia del comune di Calopezzati ma è stato sorpreso...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Il procuratore Spagnuolo lancia l’allarme: «è emergenza droga a Cosenza»

COSENZA - "La droga e la sua diffusione tra i giovani, e non solo, è la prima emergenza che c'è a Cosenza". Lo ha...

Volo d’urgenza dalla Calabria per salvare un 44enne in pericolo di vita

ROMA -  Si è concluso nel primo pomeriggio il volo salva-vita effettuato da un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, decollato dall’aeroporto...

Cosenza, in arrivo 4 finanziamenti di oltre 2milioni per le politiche sociali

COSENZA - "Abbiamo ottenuto 4 nuovi importanti finanziamenti, per un importo complessivo pari a circa 2milioni e 700mila euro, dal PNRR per progetti a...

In Calabria medici del 118 esclusi dai ‘ristori covid’: cresce la rabbia

COSENZA - Per Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu l'esclusione dai ristori covid dei sanitari del 118, nella Regione Calabria, è inaccettabile dal punto di...

Montalto Uffugo, ristrutturato un edificio destinato alle associazioni di volontariato

MONTALTO UFFUGO - A Santa Maria La Castagna di Montalto Uffugo, un vecchio edificio scolastico in disuso è stato riefficientato dall’amministrazione comunale guidata dal...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Cosenza: vandalizzato monumento nella Villa nuova, ragazzini appiccano un rogo

COSENZA - A segnalarlo alla nostra redazione una lettrice che ha anche informato la Polizia di Stato di quanto accaduto. Ieri pomeriggio, intorno alle...

Rende, siringhe al parco Robinson «a pochi metri dai giochi per...

RENDE - "Il parco Robinson è pieno di siringhe". E' l'allarme lanciato da un cittadino che ha inviato alla nostra redazione, le foto della...

Cosenza: persone con disabilità, famiglie e associazioni «siamo stanchi di belle...

Una lettera aperta trasmessa alla nostra redazione e a firma delle "persone con disabilità, familiari, associazioni operanti sul territorio dell’ambito di Cosenza"

Rovito, gruppo Futura: «bando non pubblicizzato, concorso vinto dalla nipote del...

A segnalare la vicenda è il gruppo consiliare di minoranza Futura del Comune di Rovito: "Un concorso pubblico svolto nel più assoluto silenzio e vinto dall'unica partecipante, la nipote del sindaco"

Cosenza: pazienti soli al Pronto soccorso e nelle cliniche, in un...

Quanto è cambiata la situazione rispetto allo scorso anno, sulla possibilità di far visita ai pazienti nelle strutture sanitarie? A scriverci è un lettore di Quicosenza

Gli autisti Simet licenziati a Occhiuto: «Quest’anno per noi non sarà...

Un gruppo di lavoratori scrive al presidente della regione per chiedere che li aiuti nella loro vertenza: «Mettiamo le nostre vite nelle sue mani»