Cosenza, litiga con lo zio 85enne per soldi e gli spacca la testa con un’ascia

E’ accusato di lesioni personali aggravate F.S. 54 anni cosentino. Dopo avere ferito lo zio con un’ascia, ha continuato a colpirlo a pugni. 

 

COSENZA – La vittima gli avrebbe negato dei soldi e lui ha ferito alla testa l’anziano zio 85enne con un’ascia. F.S. 54 anni, falegname, di origini cosentine è finito in camera di sicurezza, in stato di fermo, nel pomeriggio del 2 gennaio scorso con l’accusa di lesioni personali aggravate. Ieri mattina si è presentato davanti al giudice monocratico De Vuono, difeso dall’avvocato Francesco Acciardi. Il giudice ha accolto la tesi della difesa rimettendo in libertà il 54enne e applicando la misura cautelare del divieto di avvicinamento allo zio, e obbligo di allontanamento dalla casa in cui avrebbe vissuto per ben 50 anni.

E’ stato proprio l’anziano zio, nonostante la ferita in testa a riuscire a fuggire dalla furia del nipote e a raggiungere la casa del vicino per chiedere aiuto. I carabinieri del radiomobile, della compagnia di Cosenza hanno raccolto la richiesta di soccorso e si sono diretti sul posto. Qui hanno trovato l’85enne con la testa completamente sporca di sangue che ha dichiarato di essere stato vittima dell’aggressione del nipote. Quest’ultimo era chiuso in casa.

La dinamica dei fatti

Sono circa le sei del pomeriggio, il 54enne è in casa. Apre ai carabinieri. Addosso ha del sangue, mentre sul pavimento i militari dell’Arma notano una grande macchia ematica, vicino al caminetto, insieme ad un’ascia in ferro con il manico in legno posta, successivamente, sotto sequestro. Lo zio, è stato ricoverato in ospedale con un trauma cranico e una ferita guaribile in sette giorni, ha raccontato che il nipote con cui coabitava da sempre, negli ultimi cinque anni era cambiato. Lo maltrattava e lo minacciava di spaccargli la testa con un’accetta se non gli avesse dato i soldi. Più volte, nel tempo, l’85enne era ricorso a cure mediche con l’intervento delle forze di polizia. Nel corso degli anni secondo l’anziano, il nipote gli avrebbe sottratto 75mila euro, mobilia di valore e vestiti.

Quel pomeriggio i due hanno avuto un litigio. Al diniego dei soldi il 54enne  – sempre secondo il racconto della vittima – avrebbe preso l’ascia colpendolo alla testa. L’anziano crollato a terra sarebbe continuato ad essere stato percosso con pugni, fino a quando non è stato in grado di fuggire e chiedere aiuto al vicino. I militari dell’Arma hanno poi proceduto ad effettuare una perquisizione rinvenendo in un sottotetto un fucile avancarica, privo di matricola e marca, appartenente, secondo le dichiarazioni del 54enne, al nonno materno ormai deceduto. In camera da letto sono state rinvenute 17 cartucce da fucile calibro 12 occultate in una credenza. Durante la perquisizione il 54enne ha collaborato con le forze dell’ordine. Il tutto è stato posto sotto sequestro.

 

 

 

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...
posto blocco guardia di finanza

Sequestrati oltre 11 mila prodotti non sicuri: articoli destinati anche a minori

SELLIA MARINA (CZ) - Oltre 11.000 articoli non sicuri e privi delle indicazioni di provenienza e delle caratteristiche informative minime relative alla loro composizione...

Derby, Associazione nazionale funzionari polizia: “deliberato attacco, colpito alla testa dirigente”

COSENZA - " Ieri sera, al termine della disputa calcistica Cosenza-Catanzaro si sono registrati disordini, ed in particolare i tifosi del Catanzaro si sono...
vincenzo chindamo sabrina garofalo

“Donne, violenza e ‘ndrangheta”, a Rende il fratello di Maria Chindamo «siamo qui per...

RENDE - Lea Garofalo, Simona Napoli, Maria Concetta Cacciola, Giuseppina Pesce, Denise Cosco, Barbara Corvi e Maria Chindamo. Donne che hanno provato ad alzare...
Ambulanza generico

I soccorsi arrivano in ritardo, muore 74enne in attesa dell’ambulanza

MESORACA (KR) - Un 74enne si sente improvvisamente male in mezzo alla strada, poco distante dalla postazione del 118 di Mesoraca, e muore. Il...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, spaccio a scuola e all’autostazione: pusher minorenni tornano liberi

Quattro minori finiscono in manette accusati di 62 episodi di cessione di droga tra i coetanei a scuola, nelle villette e per strada. Una...

Cosenza, cocaina e armi in via degli Stadi: 77enne ai domiciliari

Tre pistole e un chilo e mezzo di cocaina in una soffitta in piazza Thurium, in uso ad un 77enne. Il Gip convalida l'arresto...

Cosenza, rapina cruenta “per amore”: in appello pena ridotta per Papaianni

Condannato a tre anni dal Tribunale dei minori, la Corte di Appello di Catanzaro accoglie le motivazioni della difesa rideterminando la pena a due...

Amantea, auto in fiamme nel cortile del politico La Rupa

Due le auto completamente distrutte nella notte tra sabato e domenica all'interno del cortile dell'abitazione della famiglia del politico     AMANTEA (CS) - Incendio ai danni...

Fiumefreddo Bruzio, estate con i rifiuti in strada: il degrado avanza

I villeggianti e non solo non ce la fanno più e a segnalare con una mail lo stato di degrado che vivono giornalmente è...

Cosenza, investito il ciclista Pozzovivo. Sarà operato stasera, addio Vuelta

Investito mentre si allenava in bici è stato prontamente soccorso dai sanitari del 118, stabilizzato e trasferito presso il Pronto soccorso dell'Annunziata. Per il...