Comunali 2006, assoluzione per i politici del centrodestra - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Comunali 2006, assoluzione per i politici del centrodestra

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Quel voto negato. Dopo oltre tre anni di dibattimento processuale, quella bagarre legale sull’esclusione dlele liste di Forza Italia e Allenanza Nazionale, escluse dalle elezioni dle 2006 per le elezioni comunali, s’è conclusa con un verdetto di assoluzione dei politici coinvolti,

emesso dal giudice monocratico Claudia Pingitore. Il verdetto di assoluzione, richiesto a gran voce, dall’agguerrito colleggio difensivo degli indagati, composto dagli avvocati Sergio Calabrese, Angelo Nicotera, Fabrizio Falvo, Mariaora Pugliari, Sergio Campanella, Innocenzo palazzo, Giovanni Tenuta e Francesco Visciglia, tutti del foro di Cosenza, è stato sollecitato anche dal sostituto procuratore della Repubblica, Antonio Cestone, titolare dell’inchiesta. Il pm, nel corso della sua requisitoria, infatti, aveva chiesto l’assoluzione per tutti, eccetto per due giornalisti, componenti dell’ufficio stampa, di Franco Perri e Sergio Bartoletti. Quell’esclusione dei due maggiori partiti del centrodestra, accese polemiche al vetriolo tra i candidati e le segreterie dei partiti. Di quell’eslusione ne beneficiò il centrosinistra che, tramite il suo candidato simbolo Salvatore Perugini, si aggiudicò il governo della città. Entrambe le liste escluse, impugnarono quell’out di partecipazione alla competizione elettorale, rivolgendosi ai giudici del Tar della Calabria. I magistrati del Tribunale amministrativo regionale, ritenendo fondata l’impugnativa di Alleanza Nazionale, permisero alla lista di “rientrare” in competizione. La riammissione dei candidati avvenne ad appena quindici giorni distanza dal voto. L’unico eletto della lista fu l’avvicato Fabrizio Falvo. L’esclusione dle centrodestra e del partito di Berlusconi, scatenà, oltrealle veementi polemiche anche una coda giudiziaria, per calunnia e diffamazione, in seguito alla denunciadel segretario generale del Comune che, ritenne infondate le accuse mosse a suo carico. In seguito alla presentazione di quella denuncia, finirono sul banco degli imputati il candidato a sindaco del partito azzurro Sergio Bartoletti, nonchè Angela D’Elia, Casimira Siciliano, Antonio Piromalli, Massimo Lo Gullo, Massimo Apa, Franco Perri, Mimmo Barile, Gianfranco Ponzio, Mario Russo ed Elio Filice. Non solo per Bartoletti ll’assoluzione è stata duplice, infatti, l’esponente politico di Forza Italia, era stato accusato anche di calunnia e diffamazione, accuse per le quali il sostituto procuratore Antonio Cestone, aveva sollecitato una condanna a un anno e quattro mesi. Il giudice monocratico Claudia POingitore, invece, è stata di diverso avviso e ha proceduto all’assoluzione.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza