Il ministro Franceschini a Cosenza Vecchia ignora i crolli, cittadini in protesta

Da quando sono nato, vivo a Cosenza, più precisamente nel centro storico, a Vico Santa Lucia. Posso affermare che qui non vengono molti turisti, anzi di solito la gente cerca di evitare questo posto, forse a causa delle innumerevoli famiglie maro’, o perché considerato “pericoloso”, senza nulla d’importante o bello da vedere, un luogo destinato a crollare con lo scorrere del tempo. Sono sedici anni che vivo qui e posso dire che questo posto non è più pericoloso di un altro e se si conoscesse un po’ di più questo luogo, sicuramente molte più persone verrebbero a visitarlo.
   
La verità è che la gente non sa cosa ci sia qui, non conosce i numerosi monumenti che si trovano qui e che, soprattutto, ogni singola casa è un “monumento” sopravvissuto per anni e anni anche senza le varie ristrutturazioni compiute nel corso del tempo, spessi muri di pietra che se visti da fuori possono sembrare pericolosi ma da dentro danno una sicurezza, come poche case riescono a dare. Altissimi palazzi che offrono una vista mozzafiato, per non parlare poi delle varie chiese. Siamo giudicati in vari modi, c’è chi ci considera tutti mafiosi o persone sicuramente poco di buono; la verità è che le persone giudicano ciò che non conoscono e l’ignoranza che ci ha complicato la vita fin dalle origini continua ancora una volta ad arginarci la via e a offuscarci il futuro.
 
Questa mia testimonianza ha proprio lo scopo di offrire alla gente la versione di una persona che ci è nata e vissuta per 16 anni. A poco a poco le varie amministrazioni comunali di Cosenza (e non il passare del tempo) stanno sgretolando il centro storico, dichiarando monumenti e abitazioni inagibili e pericolanti, invece di spendere i denari per ripararle. I bambini qui nascono in condizioni pessime, nascono tra spazzatura e ferri arrugginiti, non è proprio il luogo perfetto dove giocare, eppure loro si adattano, come facciamo tutti, basta davvero poco per renderli felice. Molti genitori qui hanno paura di mandare i loro figli fuori a giocare perché qui un bambino che corre, che salta, rischia di farsi male davvero.
 
Non ci sono parchi dove giocare, un luogo che agli occhi dei bambini possa sembrare “un mondo per adulti”, bar, pizzerie, ristoranti e per chi non ha la possibilità di comprare giocattoli o anche solo di dar loro un occhiata mentre giocano, diventa una sofferenza profonda, non solo per i bambini che non riescono a svagarsi e a sentirsi come tutti gli altri, ma anche per i genitori che si sentono impotenti. Guardare negli occhi un bambino che vive qui non è facilissimo, basta farli arrabbiare un secondo che ti rinfacciano tutto, facendo dei confronti che nessuno dovrebbe mai fare; un bambino che vive qui non dovrebbe sentirsi più sfortunato di uno che vive da un’altra parte eppure, fin da piccoli, si impara a non aver paura di ciò di cui normalmente le madri insegnano ad aver paura.
 

La nota positiva è che ci sono molti bambini qui e che almeno la compagnia non manca per poter giocare con altri bambini; e nel momento in cui gli altri bambini non vogliono giocare ci sono sempre i cari amici a quattro zampe che non ti abbandonano mai. Io e tutti quelli che abitano qui desideriamo che questo posto diventi un luogo migliore; ci piacerebbe vedere un luogo dove bambini e adulti possano stare bene, un luogo in cui i turisti possano venire da altre zone del Paese solo per visitare il Centro storico. Mi piacerebbe vedere un piccolo parco, o comunque un terreno dove i bambini possano giocare tranquillamente, senza spazzature o arnesi con cui possano farsi male; vorrei vedere le case tutte distrutte diventare come erano un tempo, vorrei che lo Stato spendesse una minima parte dei soldi che ha per riparare le abitazioni e i monumenti che ci sono qui, invece di mettere una semplice striscia gialla e indicare l’abitazione come inagibile.
 
Vorrei che i postini portassero le lettere nel quartiere, invece di chiamarci e dirci di uscire da quel posto, manco fosse il covo del diavolo. Vorrei che questo posto ricevesse un po’ d’amore, non solo dalle persone che ci abitano, ma anche dalle altre persone che decidano di venire qui, anche solo per mangiare un panino, perché questo posto è davvero stupendo e noi che ci abitiamo e lo guardiamo con gli occhi chiusi lo capiamo. Le persone non dovrebbero pensare di abitare in questo posto solo perché si vive un momento di grave crisi economica, ma dovrebbero pensare di venire qua, con la propria famiglia, perché innamorate del territorio e magari pensare di poter tranquillamente pranzare e cenare in un ristorante all’aria aperta, con i cani che passano e scodinzolano e i bambini che corrono e guardando lanciano sorrisi”.

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Corigliano Rossano, allarme Schlein (Pd) su tagli ai comuni che hanno fondi Pnrr

CORIGLIANO ROSSANO - La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, nel corso del suo tour elettorale in Calabria, ha fatto tappa a Corigliano Rossano,...
accoltellato morelli 2

Accoltellato e abbandonato davanti all’ospedale, muore 30enne: l’ipotesi di una rapina andata male

REGGIO CALABRIA - È di Catania l'uomo deceduto ieri davanti all'ospedale "Morelli" di Reggio Calabria. L'identità è stata accertata dalla squadra mobile e dai...
Ospedale di Paola

Ospedale di Paola, il reparto di chirurgia verso la chiusura. Presentato ricorso al Tar

PAOLA (CS) - Il Comitato per la difesa del diritto alla salute ha depositato un ricorso al Tar Calabria contro il piano di riordino...

Cosenza, siglato il protocollo “Codice rosso” fra Uepe e Csm

COSENZA - Siglato protocollo d’intesa fra il Dipartimento Giustizia minorile e di comunità – Ministero della Giustizia, Ufficio locale di esecuzione penale esterna di...
protesta-unical-per-Palestina

Unical, il Senato Accademico prende posizione: «cessate il fuoco in Palestina»

RENDE (CS) - Dopo le forti tensioni che hanno coinvolto diverse università italiane - tra cui anche l'Unical - il Senato Accademico della Calabria...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, per la strage di Via Popilia in appello confermati due...

La Corte d’Assise d’Appello ha parzialmente riformato la sentenza della Corte di Assise ai presunti autori del duplice omicidio Tucci-Chiodo

Cosenza, all’Annunziata l’obesità “si cura” con i robot

Il commissario Filippelli: "Da PNRR forte aggiornamento tecnologico per l'Azienda sanitaria"

Baby rapinatori, minorenne affidato a comunità

Assicurato alla giustizia l'ultimo componente del gruppo di minorenni, accusati di rapina, violenza e lesioni

Deteneva 15 cani in pessime condizioni, denunciata

Cani tenuti in pessime condizioni e alcuni anche malati. I carabinieri hanno denunciato una donna e sequestrato gli animali

“Povero Parco Robinson, come sei ridotto. Le ultime paperelle agonizzanti in...

La Federazione Riformista di Rende all'attacco sulla situazione di degrado in cui versa soprattutto il laghetto del Parco Robinson

Città unica Cosenza-Rende-Montalto: Strazzulli (FdI) “va realizzata al più presto”

"I passaggi importanti sono: un referendum consultivo, delibere dei consigli comunali e una legge che prepari a questa procedura"