Indagine sulla qualità della vita nella città di Cosenza, i dati dal 1960 ad oggi

COSENZA – Come eravamo, come siamo diventati, come ci avviamo ad essere.

Un tuffo nel passato, un amarcord in piena regola che non ti aspetteresti certo da un ufficio statistica, abituato alla fredda elaborazione di numeri. Una regola che ha, invece, la sua eccezione, quella dell’Ufficio Statistica del Comune che ha presentato un’indagine sulla qualità della vita nella città di Cosenza negli ultimi cinquant’anni, dal 1960 al 2010, con riferimento agli aspetti socio-economici. Una fotografia puntuale e fedele, frutto del lavoro di tre funzionari: Egidio Bruni, Vincenzo Aiello e Dante Scorza. I dati raccolti e commentati ieri al chiostro di San Domenico nel libro riguardano i censimenti della popolazione, il tasso di occupazione, la scolarizzazione, i dati demografici, i matrimoni celebrati, le nascite e i divorzi.

 

Decisivo il contributo dato dall’Ufficio Statistica in qualche caso particolare, come i tre censimenti dei rom presenti sulle sponde del Crati, soprattutto ai fini dell’avviamento dei bambini rom all’istruzione obbligatoria, come alle campagne di vaccinazione e all’assistenza sanitaria. Curioso e carico anche di richiami nostalgici il riferimento agli anni sessanta, quelli del boom economico, quando un caffè consumato al Bar Gatto o al Taormina costava solo 50 lire e quando l’aumento del salario reale e del potere dì acquisto consentiva alle famiglie cosentine una condizione di benessere generale e permetteva al 13% dei nuclei familiari di possedere un apparecchio televisivo. E se per le donne che cominciavano a camminare speditamente verso l’emancipazione, gli status symbol si coniugavano con il possesso degli elettrodomestici figli del boom economico (tv, lavatrice o frigorifero), per gli uomini era il possesso dell’automobile – la Fiat 600 si poteva acquistare anche in comode rate – a fare la differenza.

 

La ricerca di Bruni, Aiello e Scorza va anche oltre, fotografando il fenomeno delle vacanze di massa, quello migratorio dei cosentini verso il Nord, con la conseguente fine della famiglia patriarcale, l’arrivo dei primi stranieri in città che conferma la vocazione di Cosenza città dell’accoglienza. Già negli anni ’60 l’allora Sindaco Mario Stancati si era premurato di iscrivere all’anagrafe i cittadini rom presenti sul territorio comunale. Un’indagine sui processi di cambiamento verificatisi nell’ultimo cinquantennio a Cosenza non era stata fatta prima. “L’indagine – ha spiegato Aiello – disegna anche la parabola evolutiva che ha dato la possibilità a ciascuno di poter migliorare la qualità della vita. Con il passaggio della lira all’euro non c’è, come si è portati a pensare, un impoverimento economico dipendente dall’introduzione della nuova moneta”.

 

Al termine degli interventi, spazio ad un video descrittivo dell’indagine e poi ad una performance teatrale, a cura del Parco “Tommaso Campanella”, con gli attori William Gatto e Francesco Fiorino ad interpretare rispettivamente un ventiquattrenne del ’67, Giovanni, ed un pari età dei giorni nostri, Francesco, in una sorta di “Ritorno al futuro” che ha brillantemente disegnato un confronto tra generazioni, tra passato e presente, tra modernariato e nuova tecnologia, mentre a Cosenza, sullo sfondo, si inaugurava lo stadio San Vito con la partita Italia-Cipro, finita cinque a zero, con reti di Mazzola e Riva e che, il primo novembre del 1967, spianava agli azzurri la strada del Campionato europeo poi vinto nel ’68 nella finale di Roma, ripetuta due volte, contro la Jugoslavia.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

studenti scuola superiore

Diplomifici, Valditara annuncia un piano di vigilanza straordinaria nelle scuole

ROMA - "Per contrastare il fenomeno dei diplomifici, il Ministero ha avviato un piano straordinario di vigilanza, mentre sul fronte legislativo stiamo lavorando a...
cara-sant-anna-isola-capo-rizzuto

Cara S.Anna, Orrico: «con il Decreto Cutro 2 aumentano i rischi per minori stranieri»

CROTONE - "Il Centro di accoglienza S. Anna di Isola Capo Rizzuto ha rappresentato un discutibile unicum giuridico poiché ha svolto ruolo e funzioni...
ospedale-cariati

Cariati, mancano farmaci e presidi sanitari nel punto di Primo intervento

CARIATI (CS) - Situazione di disagio per il Punto di Primo intervento di Cariati (prossimo alla riapertura come Pronto Soccorso in Ospedale di Zona...
mostra-presepi-caserma-cosenza

Cosenza, in caserma inaugurata la mostra di Presepi aperta al pubblico

COSENZA - Oggi, a Cosenza, presso la Sala di Rappresentanza della Caserma “Paolo Grippo”, sede della Stazione Carabinieri di Cosenza, si è tenuta la...
Alta-velocita-Praia-Paola-Elisa-Scutella

AV, Rfi cancella il tratto Praia-Tarsia. Scutellà: «inacettabile, si esclude area jonica»

CATANZARO - "La decisione di sostituire il lotto Praia-Tarsia in favore di Praia-Paola significa infierire ancora una volta sui cittadini dell'area jonica". Lo afferma...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, per la strage di Via Popilia in appello confermati due...

La Corte d’Assise d’Appello ha parzialmente riformato la sentenza della Corte di Assise ai presunti autori del duplice omicidio Tucci-Chiodo

Cosenza, all’Annunziata l’obesità “si cura” con i robot

Il commissario Filippelli: "Da PNRR forte aggiornamento tecnologico per l'Azienda sanitaria"

Baby rapinatori, minorenne affidato a comunità

Assicurato alla giustizia l'ultimo componente del gruppo di minorenni, accusati di rapina, violenza e lesioni

Deteneva 15 cani in pessime condizioni, denunciata

Cani tenuti in pessime condizioni e alcuni anche malati. I carabinieri hanno denunciato una donna e sequestrato gli animali

“Povero Parco Robinson, come sei ridotto. Le ultime paperelle agonizzanti in...

La Federazione Riformista di Rende all'attacco sulla situazione di degrado in cui versa soprattutto il laghetto del Parco Robinson

Città unica Cosenza-Rende-Montalto: Strazzulli (FdI) “va realizzata al più presto”

"I passaggi importanti sono: un referendum consultivo, delibere dei consigli comunali e una legge che prepari a questa procedura"