Madonna del Pilerio, la vergine che salvò Cosenza da peste e terremoto - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Madonna del Pilerio, la vergine che salvò Cosenza da peste e terremoto

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA –  Cosenza commemora l’anniversario del tragico sisma che distrusse la Calabria nel 1854.

Non tutti sanno che la festa patronale di Cosenza non viene celebrata l’8 settembre, data alla quale viene riconosciuta la Natività della Madonna del Pilerio, ma il 12 febbraio, proprio per ricordare il rovinoso terremoto che colpì la città dei bruzi. La patrona protettrice di Cosenza, raffigurata in una icona risalente al 1100 conservata dal 1607 nella cappella appositamente costruita all’interno del duomo, prende il nome dalla parola greca pilos, che vuol dire colonna.

 

Il culto della sua adorazione risale all’anno 1576, quando una devastante epidemia di peste si abbattè sulla città di Cosenza mietendo numerose vittime. La popolazione ormai decimata visti gli infruttuosi tentativi di fermare l’epidemia, si rifugiò disperata nella religione. Si racconta che un devoto intento a pregare nel Duomo dinanzi all’antica icona della vergine Maria, si accorse che sul viso della Madonna si era formato un bubbone di peste. La notizia si sparse immediatamente. Una grande folla si recò ad ammirare con i propri occhi lo strano evento che venne interpretato come volontà della Vergine di accollarsi la malattia per liberare la popolazione. Da quel momento, inspiegabilmente, i casi di peste a Cosenza iniziarono a diminuire. Ciò venne interpretato come un vero e proprio miracolo. A seguito dell’evento, la Madonna del Pilerio venne eletta a Patrona Protettrice di Cosenza. Dai paesi vicini iniziò quindi il pellegrinaggio dei fedeli che costrinse l’arcivescovo dell’epoca a costruire una cappella interamente dedicata alla venerazione della Vergine.

 

Poi il terremoto. Nel 1783 un violento sisma si abbatté su Cosenza. In quella occasione si constatò un altro segno sul viso dell’immagine della Madonna. Furono da tutti notate delle screpolature che poi scomparvero ma non del tutto, una volta passato il pericolo. Infine a seguito del terribile terremoto del 12 febbraio 1854 i cosentini chiesero e ottennero dall’autorità ecclesiastica l’istituzione di una seconda festa, detta del patrocinio, in onore della Vergine da celebrarsi ogni anno il 12 febbraio. A fare visita alla Madonna del Pilerio fu il 6 ottobre 1984, anche Papa Giovanni Paolo II. Pochi anni dopo, nel 1988, Mons. Dino Trabalzini, in chiusura dei festeggiamenti per l’anno Mariano, proclamò la Madonna del Pilerio Patrona Principale della Diocesi di Cosenza-Bisignano e ne confermò il titolo di “Patrona della Città di Cosenza”.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza