Cosenza, padre violento con i figli: scatta il divieto di avvicinamento

Lo scorso novembre la denuncia del figlio maggiorenne, impaurito anche dalla presenza di un’arma in casa

COSENZA –  Nel pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza dispositiva di misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa nei confronti di un uomo di 64 anni, resosi responsabile del reato di maltrattamenti nei confronti dei propri figli, di cui uno minore.

L’attività di indagine, coordinata dalla locale Procura della Repubblica avviata dalla Squadra Mobile, trae origine dalla denuncia/querela sporta dal figlio maggiorenne lo scorso mese di novembre. In particolare, qualche giorno prima della denuncia, il padre lo aveva schiaffeggiato e maltrattato al punto tale da rifugiarsi in stanza per paura di peggiori conseguenze, anche nella consapevolezza della presenza di un’arma in casa e, per tale motivo, il ragazzo aveva allertato le forze dell’ordine. L’intervento dei poliziotti si era concluso con il sequestro dell’arma e la denuncia dell’uomo attesa la detenzione illegale dell’arma.I due fratelli dopo quest’ultimo episodio si sono allontanati dal genitore ricevendo ospitalità da altri parenti.

Nel corso delle indagini, dalle dichiarazioni assunte,  emergeva una situazione familiare fatta di continue vessazioni, violenze ed umiliazioni subite ad opera del padre. Diversi gli episodi raccontati dai due ragazzi che lo descrivono come una persona assente e distaccata, dai comportamenti minacciosi che degeneravano in vere e proprie aggressioni fisiche. L’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza, diretta dal procuratore capo Mario Spagnuolo, ha trovato il suo epilogo nel pomeriggio di ieri con l’esecuzione della misura cautelare in argomento che conferma l’impegno della Polizia di Stato e, quindi, degli uomini della Questura, diretta dal questore della provincia di Cosenza, Giuseppe Cannizzaro, e dell’autorità giudiziaria, a tutela delle cosiddette fasce deboli.

L’uomo, a cui è stato notificato il provvedimento, non potrà avvicinarsi alle parti offese precludendo ogni forma di comunicazione con gli stessi oltre alla consequenziale  applicazione del braccialetto elettronico.
Il tutto si comunica nel rispetto dei diritti dell’indagato (da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) al fine di garantire il diritto di cronaca.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

vigili-del-fuoco-notte

Incendio in un cantiere allestito nel cortile di una scuola media

ROCCELLA JONICA (RC) - Un incendio, sulle cui cause sono in corso mirati accertamenti, è divampato ieri sera intorno alle 21.00 nel cortile interno...

Corigliano Rossano: contro l’abbandono degli animali, la prevenzione parte dai più piccoli

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Una guida speciale è Silvia, un Bovaro del Bernese, un gigante tutto pelo e dolcezza che si è conquistato le...
Pitbull2

Bimbo di 15 mesi ucciso da due pitbull. Codacons “subito patentino per chi ha...

COSENZA - Dopo la tragedia di Eboli, dove  questa mattina un bimbo di 15 mesi è stato sbranato da due pitbull che hanno anche...
ultimo re attilio sabato libro

Cosenza: il senso e la dimensione del potere, Attilio Sabato presenta “L’Ultimo Re”

COSENZA - Un’attesa e auspicata continuità con le vicende umane e politiche del sindaco don Pepè, figura cardine del precedente romanzo Iubris, ma che...
gabriele garofalo cosenza scrittore

Cosenza, 4 premi per il giovane scrittore Gabriele Garofalo: poesie ed un racconto su...

COSENZA - Dalla presentazione del suo libro, "Filigrana del cuore - T'ama chi viver ama", edito da Altromondo, che si è tenuta giovedì scorso al...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Gli artificieri hanno rinvenuto una granata della seconda guerra mondiale

MAIDA (CZ) - I carabinieri di Maida, su segnalazione di privati cittadini, in località “Fialà” hanno rinvenuto tra la vegetazione una granata d’artiglieria calibro...

Statale 106, il grave pericolo viene anche dal manto stradale in...

COSENZA - L’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” comunica di aver inoltrato più di una segnalazione, con il supporto tecnico-giuridico di...

I lavoratori degli impianti irrigui Silani senza stipendio da mesi: la...

COSENZA - «È avvilente dirlo, ma il nostro allarme lanciato ripetutamente fino allo scorso mese di febbraio, oltre a cadere nel vuoto, si è...

San Giovanni in Fiore, siglato un accordo con Anpana per la...

SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) - «L’accordo con le guardie ecozoofile dell’Anpana ci permette di salvaguardare ancora meglio il territorio comunale, che ha quasi 280...

“L’Annunziata di Cosenza è il peggior ospedale d’Italia”

COSENZA - «L’ospedale dell’Annunziata, nonostante le ottime professionalità mediche presenti e le recenti assunzioni da parte dell’università, viene definito dall’agenzia nazionale Agenas “il peggiore ospedale d’Italia”. E purtroppo, come...

Sequestrata una discarica abusiva di rifiuti pericolosi: denunciato il responsabile

CATANZARO - Gestione illecita di rifiuti ed inquinamento delle acque superficiali e del suolo: questa l’ipotesi di reato perseguito con un intervento della Polizia...