Arpacal: assunzioni sospette e laboratori fantasma a Castrolibero - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Castrolibero - Montalto

Arpacal: assunzioni sospette e laboratori fantasma a Castrolibero

Avatar

Pubblicato

il

arpacal-cosenza

Rinviati a giudizio i vertici dell’ente e il consigliere regionale del PD Antonio Scalzo.

 

CATANZARO – Ieri pomeriggio si è tenuto l’interrogatorio per chiarire la vicenda dell’acquisto di uno stabile a Castrolibero per installare dei laboratori in realtà mai entrati in funzione. L’Arpacal acquistò l’edificio dalla famiglia Dodaro pur essendo consapevole che al suo interno non sarebbe mai stato possibile adibire i locali a laboratori. Per non perdere i finanziamenti europei furono anticipati ai Dodaro due milioni di euro (dei 2 milioni e 199mila dovuti) però l’atto notarile fu firmato in ritardo, oltre tre mesi dopo la scadenza della rendicontazione. I finanziamenti andarono in fumo e i due milioni vennero spostati semplicemente da una voce di bilancio ad un’altra con buona pace dell’intero apparato amministrativo targato Arpacal. Ad essere ascoltati ieri come persone informate dei fatti sono stati Domenico Pallaria e Giuseppe Graziano. Entrambi sono stati oggi rinviati a giudizio in un altro troncone d’indagini per l’ipotesi di abuso d’ufficio in concorso il consigliere regionale del Pd Antonio Scalzo. Il processo nei confronti dell’ex presidente del Consiglio regionale iniziera’ il prossimo 4 marzo. L’inchiesta della Procura di Catanzaro riguarda alcune stabilizzazioni di personale effettuate dall’Arpacal tra il 2008 e il 2010 quando Scalzo rivestiva l’incarico di direttore scientifico. Secondo l’accusa, quelle stabilizzazioni effettuate facendo transitare i precari dal Ministero dell’Ambiente all’Aparcal per poi essere assegnati all’assessorato alle Politiche ambientali della Regione Calabria erano irregolari. Per la stessa indagine sono gia’ stati rinviati a giudizio Vincenzo Mollace, ex direttore generale dell’Arpacal; Giuseppe Graziano, ex dirigente generale del dipartimento Politiche dell’ambiente della Regione Calabria e attuale consigliere regionale di minoranza; Francesco Caparello, all’epoca dei fatti dirigente del settore Personale dell’Agenzia regionale; Luigi Luciano Rossi, ex direttore amministrativo della stessa Arpacal; Antonio Scalzo, ex direttore scientifico dell’Agenzia, attuale presidente del Consiglio regionale della Regione Calabria; Sabrina Santagati, ex direttore generale dell’Arpacal e Rosanna Squillacioti, all’epoca dei fatti dirigente di settore del dipartimento Politiche ambientali della Regione Calabria.

Area Urbana

“Apri tutti i giochi”. L’appello del piccolo Giorgio al sindaco perché rimuova le restrizioni al parco.

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Montalto Uffugo – Giochi vietati. Ed il piccolo Giorgio… non ci sta. Tanto da chiedere in un video al primo cittadino Pietro Caracciolo la rimozione delle restrizioni anticovid all’interno della villetta comunale di Taverna, frazione valliva del popolato centro a nord dell’area urbana, dove ad oggi sono più di 160 i casi attivi accertati di Covid-19 . Nei giorni scorsi, tecnici del comune, su diposizione dell’Amministrazione cittadina hanno avvolto tutti i giochi presenti nell’area verde con del nastro segnaletico, per evitare assembramenti di bambini e genitori. Così, deluso per non poter giocare liberamente, Giorgio, 4 anni appena, in un amabile  video postato insieme al padre, si è rivolto al sindaco perché riapra i giochi. Il risultato intenerisce e fa riflettere.

Continua a leggere

Castrolibero - Montalto

Tamponi nelle scuole con l’ambulatorio mobile della Misericordia. Primi test all’ISS di Castrolibero

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Sono stati effettuati questa mattina i primi test antigenici gratuiti al personale docente dell’Istituto d’Istruzione Superiore Statale “Valentini – Majorana” di Castrolibero, grazie al gigantesco laboratorio mobile concesso gratuitamente dalla Misericordia e che sarà utilizzato in tutta la provincia (altro…)

Continua a leggere

Castrolibero - Montalto

Cosenza: presidio dei lavoratori Siarc, senza stipendio da tre mesi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

I dipendenti si sono ritrovati davanti la sede dell’azienda a Castrolibero per chiedere le retribuzioni di ottobre, novembre, dicembre e tredicesima 2020 (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza