Caso Bergamini, depone e smentisce altri due testi: ‘Denis era poggiato all’auto’

In aula il titolare del bar nel quale la Internò si recò a telefonare dopo la tragedia e Franca Valerio che smentisce la testimonianza del cognato e della sorella

COSENZA – Trentaquattresima udienza del processo che mira a far luce sulla morte dell’ex calciatore del Cosenza calcio Denis Bergamini, avvenuta a Roseto Capo Spulico il 18 novembre 1989. Stamattina, in Corte d’Assise a Cosenza, era assente l’unica imputata per la morte del calciatore rossoblu Isabella Internò accusata di omicidio pluriaggravato e premeditato con l’aggravante dei futili motivi. Chiamati a testimoniare, Franca Giovanna Valerio e Mario Infantino ma prima delle loro dichiarazioni sono state acquisite le sommarie infomazioni di Salvatore De Paola e Luigi Putignano, i barellieri che prelevarono il corpo di Bergamini per portarlo in obitorio.

La Valerio, sorella di Antonietta e cognata di Rocco Napoli, smonta in aula la versione dei due coniugi. I tre si trovavano, a bordo del furgone guidato da Napoli, lungo la 106 a Roseto poco prima del ritrovamento del corpo, senza vita, di Denis. Secondo la teste Bergamini era poggiato, con le braccia conserte, alla Maserati. Mentre ‘una donna bionda’ (Isabella Internò n.d.r.) sedeva nella vettura, lato guida, con la mano sulla fronte. Per la Valerio, inoltre, non ci sarebbe stata nessuna “sterzata brusca”. Per lei Denis non era sul ciglio della strada. Una testimonianza che risulta totalmente diversa da quella raccontata da Napoli e dall’ex moglie alla corte qualche udienza fa. Dichiarazione contestata anche dal pm Luca Primicerio dove la donna descrive Bergamini fermo e poggiato sull’automobile e non in movimento sul ciglio della strada come dichiarato dalla teste alla procura di Castrovillari nel 2013. “Ne sono certa che il ragazzo fosse fermo. Ho saputo dell’incidente il giorno dopo – continua Valerio -.  E’ stata mia sorella a dirmi che quel ragazzo, visto il giorno prima a Roseto, era un calciatore del Cosenza. Ed era morto“.

Il secondo testimone è Mario Infantino, titolare del bar dove la Internò venne accompagnata da Panunzio per fare delle telefonate subito dopo la tragedia. “Quella ragazzina entrò nel mio locale in lacrime. Le diedi una diecina di gettoni per il telefono. Ma non so chi contattò”. L’avvocato Anselmo – legale della famiglia Bergamini – ha chiesto poi alla corte di audire il figlio del titolare, Ciro Infantino, all’epoca diciassettenne. La richiesta del legale nasce da una confidenza che due sottoufficiali di pg raccolgono, al giovane Infantino, quella sera. Ciro avrebbe sentito Isabella Internò dire: “è morto, ma la macchina l’ha lasciata a me”. I giudici però hanno rigettato la richiesta di Anselmo. Mario Infantino, profondamente segnato dalla vecchiaia, ha rilasciato una testimonianza confusa e poco comprensibile. Per questo la Corte ha deciso di acquisire i verbali resi dall’uomo negli anni precedenti.

Si torna in aula il 2 febbraio.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Silvio Baldini é il nuovo allenatore del Crotone: il tecnico ha firmato fino a...

CROTONE - Silvio Baldini è il nuovo allenatore del Crotone, che milita nel campionato di serie C. Baldini, che domani alle 10 incontrerà i...

I 110 anni del Cosenza Calcio, il Castello Svevo si illumina di rossoblu: “identità,...

COSENZA - "Venerdì celebriamo i 110 anni del Cosenza calcio, la squadra che ha scritto la storia dello sport e della città". A scriverlo...
Birreria Indipendente San Fili

“Accademia della Birra” premia la Birreria Indipendente di San Fili e le sue birre...

RIMINI - Vi avevamo parlato di Birreria Indipendente in un nostro articolo di questa estate. Il Pub dal cuore british ma dall'animo tutto calabrese...

Un anno dalla tragedia di Cutro, i superstiti tornano in Calabria

CROTONE - Circa cinquanta tra familiari delle vittime e superstiti del naufragio di Steccato di Cutro torneranno a Crotone per ricordare la tragedia del...

Ubriaco alla guida di un mezzo pesante sull’A2, denunciato

VIBO VALENTIA - La polizia stradale, nel corso dei servizi di vigilanza sull’autostrada A2 del Mediterraneo, hanno controllato nei pressi dell’area di servizio Pizzo...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, agente ferito per sedare una rissa: il Questore dispone la...

COSENZA - Il Questore di Cosenza, Giuseppe Cannizzaro, ha disposto la chiusura del noto locale, del centro di Cosenza, dove nella notte di lunedì...

Annunziata: “il reparto di Chirurgia d’Urgenza mi ha salvato. La buona...

COSENZA - "È passato un mese ma non dimentico". Inizia così la lettera di Alessandro, un nostro lettore, salvato dalla sanità cosentina. "Dopo due giorni...

Cosenza, tragedia sulla SS107. Simone perde la vita a 26 anni:...

COSENZA - Ha lasciato un dolore inspiegabile Simone Virdò il 26enne di Rovito che, stanotte sulla SS 107 ‘Silana-Crotonese’, in contrada Malavicina, ha perso...

Violento incidente nel Cosentino, mezzo pesante sbanda e si ribalta: un...

FIRMO (CS) - Violento incidente questa mattina sull'Autostrada A2 del Mediterraneo tra Frascineto e Firmo in direzione sud. Secondo i primi accertamenti un mezzo...

Cosenza, centro antiviolenza Roberta Lanzino: “in un anno abbiamo accolto 109...

COSENZA - Il centro antiviolenza Roberta Lanzino, un presidio di legalità e aiuto alle donne.  L’omicidio di Giulia Cecchettin ha scosso profondamente il Paese...

Rende, violento impatto all’incrocio dello stadio Lorenzon: sul posto due ambulanze

RENDE - Violento impatto, questo pomeriggio, a Rende. Il sinistro è avvenuto, nello specifico, tra una Smart bianca e una Ford Focus di colore...