Bergamini, l’avvocato Anselmo: «al processo in corso, sono emersi depistaggi»

In un lungo post sulla sua pagina Facebook, il legale della famiglia del calciatore scomparso ripercorre alcuni passaggi della vicenda: "l’assassinio di Denis Bergamini è una bufala? È Tutta una mia invenzione?"

ROMA – “Al processo in corso, voluto dalla Cassazione che ha dato il via libera alla riapertura delle indagini sulla morte di Denis Bergamini, stanno emergendo molti depistaggi e falsi in atti di indagine che non corrispondono al vero, a partire dall’ispezione cadaverica mai avvenuta, perché il corpo di Denis non e’ stato nemmeno toccato, e infatti non firmata dal medico”. Così l’avvocato Fabio Anselmo, legale di parte civile dei familiari di Bergamini che sulla sua pagina Facebook, scrive: “L’assassinio di Denis Bergamini è una bufala? È tutta una mia invenzione?”.

- Pubblicità Clikio single-

“Il 18 novembre 1989 il dott. De Marco andò a constatare il decesso sul posto. Certificò un inesistente sfondamento toracico ed altre lesioni. Si è poi giustificato, anche all’udienza del 26 maggio scorso, sostenendo che allora era giovane ed inesperto nonché emotivamente impressionato dal cadavere di quel ragazzo. Ha poi aggiunto di non averlo nemmeno spostato“.

Il 19 novembre, prosegue Anselmo, “all’indomani, venne eseguita una ‘accurata ispezione cadaverica‘ alla presenza del Procuratore della Repubblica di Castrovillari, dottor Abbate. Furono in tre ad eseguirla. Il procuratore, il maresciallo Carbone, il dott. Raimondi nominato all’uopo quale consulente dal Magistrato. Il verbale descrive ispezioni, ipostasi, lesioni alle parti molle ed ossee in tutto il corpo di Denis. Attività di digitopressione”.

“Il dott. Raimondi, alla stessa udienza del 26 maggio scorso, ha disconosciuto la paternità di tutto quanto descritto nel verbale affermando che quelle non erano parole sue. E difatti lui non lo firmò”. L’avvocato Anselmo mette in luce i “depistaggi” emersi nel dibattimento del processo di primo grado in corso a Cosenza a carico di Isabella Internò, accusata di aver ucciso il calciatore che voleva chiudere la loro relazione.

“Il maresciallo Carbone, lo stesso giorno, ha riconosciuto come propria la scrittura del verbale dicendo – scrive Anselmo – che lo aveva redatto sotto dettatura del Procuratore. Ha confermato, comunque, che il dott. Raimondi aveva fatto quelle valutazioni mediche. Il Procuratore Abbate, chiamato a deporre, subito dopo, ha affermato di aver effettuato personalmente quell’attività descritta nel verbale senza sapersi spiegare la mancata firma da parte del dott. Raimondi. Sia Carbone che Raimondi – prosegue il post di Anselmo – hanno chiaramente detto che quella ispezione in realtà non fu mai fatta così come descritta nel verbale perché rimasero tutti a distanza ‘di un paio di metri’ dal cadavere senza quindi nemmeno toccarlo“.

Il penalista nel post sottolinea ancora che “all’udienza del 8 novembre 2022 è stato il turno del dott. Coscarelli che, nel 1989, venne nominato dal Procuratore di Castrovillari per ricostruire la dinamica dell’incidente in cui aveva perso la vita Denis Bergamini. Depositò in tempi record una relazione che ricostruì ‘l’incidente’. Nemmeno un mese fa, tra le lacrime trattenute per la commozione, ha riconosciuto di essersela inventata perché non gli vennero allora forniti dati sufficienti per effettuare una ricostruzione seria della dinamica degli eventi”. “In 40 anni di onorata professione non gli era mai capitato di dover svolgere il suo ufficio in quelle condizioni. solo una volta – ha detto – per la procura di Paola, ma ho rifiutato l’incarico”.

“Ho inventato quelle cose perché mi hanno insistito – si è giustificato – ed al dott. Abbate non potevo dire di no”, prosegue l’avvocato Anselmo nel suo post. “Eppure c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di sostenere che il caso è inventato da me e cavalcato dal Procuratore Facciolla per fare carriera. Di sicuro l’ha fatta il Procuratore Abbate che poi diventò Presidente del Tribunale di Castrovillari”, conclude Anselmo.

- Pubblicità sky-

Correlati

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...
IKEA

IKEA, primi passi in Calabria. Apre a Rende un Plan&Order Point

RENDE - IKEA Italia annuncia di aver chiuso l’accordo per l’apertura in Calabria di un Plan&Order Point all’interno del Centro Commerciale Metropolis di Rende....

Cosenza, il nuovo Pronto Soccorso disegnato da De Salazar: «ci prendiamo responsabilità»

COSENZA - Il nuovo commissario dell'azienda ospedaliera di Cosenza, Vitaliano De Salazar, ha illustrato stamattina il nuovo programma di rilancio dell'Annunziata e in primis...

Pronto soccorso, ‘Cosenza Futura’ «gravità della situazione va affrontata subito»

COSENZA - «La gravità della situazione al Pronto Soccorso dell'ospedale di Cosenza va affrontata subito». E' quanto dichiara Fabrizio Falvo, già consigliere comunale di...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...

Fermato in auto con un fucile clandestino: arrestato

REGGIO CALABRIA - La Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, nel corso di controlli anti bracconaggio tra Palizzi e Bova, ha arresto un soggetto già...

Freddo e senza riscaldamento, chiuso il tribunale di Castrovillari: udienze sospese

CASTROVILLARI (CS) - Udienze sospese fino al prossimo 18 febbraio nel Tribunale di Castrovillari a causa del freddo. L'impianto di riscaldamento nel Palazzo di...

Incendiato furgone della ditta che lavora per il comune

MILETO (VV) - Intimidazione stamani a San Giovanni, frazione del comune di Mileto con l'incendio di un furgone di proprietà di una ditta che...

«Azienda calabrese vieta di parlare di politica e limita altre libertà ai dipendenti»

CATANZARO - Divieto di volantinare, di discorrere di politica o parlare in famiglia di ciò che avviene in azienda, e, per le donne, comunicare...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, il nuovo Pronto Soccorso disegnato da De Salazar: «ci prendiamo...

COSENZA - Il nuovo commissario dell'azienda ospedaliera di Cosenza, Vitaliano De Salazar, ha illustrato stamattina il nuovo programma di rilancio dell'Annunziata e in primis...

Tragico incidente sul lavoro in un cantiere della TAV, morto un...

VOLTAGGIO (AL) - Ha perso la vita a 33 anni, Salvatore Cucè, in un tragico incidente sul lavoro, causato pare da un’esplosione, in un...

Castrovillari, tentativo di furto in un istituto scolastico

CASTROVILLARI (CS) - Tentativo di furto si è verificato nelle prime ore di domenica scorsa, 5 febbraio, ai danni dell'Istituto Professionale Alberghiero "Karol Wojtyla"...

Pronto soccorso, ‘Cosenza Futura’ «gravità della situazione va affrontata subito»

COSENZA - «La gravità della situazione al Pronto Soccorso dell'ospedale di Cosenza va affrontata subito». E' quanto dichiara Fabrizio Falvo, già consigliere comunale di...

Gambarie: vanno via senza pagare il conto ma avevano lasciato nome,...

GAMBARIE (RC) - Le pagina di Quicosenza avevano già raccontato un episodio simile, accaduto a Rende, ai danni di un bar. Stavolta ci spostiamo...

Nelle farmacie di Cosenza e Provincia, la 23^ giornata di raccolta...

COSENZA - Serve più di 1 milione di farmaci per oltre 1.800 realtà socio-assistenziali. La Raccolta dura una settimana e aiuterà almeno 400.000 persone...