Rende, le nuove rotonde che non piacciono a nessuno. Riformisti all'attacco: "Dannose e inutili" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Rende, le nuove rotonde che non piacciono a nessuno. Riformisti all’attacco: “Dannose e inutili”

“Sono irregolari: ciò è gravissimo e chiama in causa la diretta responsabilità del dirigente dei lavori pubblici”, dichiara il Presidente Clelio Gelsomina

Avatar

Pubblicato

il

RENDE – “La realizzazione di due assurde rotatorie agli incroci tra via Allende e le due ex strade statali, oggi via Kennedy e via don Minzoni, è la prova più evidente dell’assoluta mancanza di visione del sindaco, della giunta e di dirigenti miopi e servili”. Lo dichiara Clelio Gelsomino, Presidente Federazione Riformista di Rende. “L’assenza di fantasia sulla Rende del futuro e, quindi, di programmazione, determina la realizzazione di opere inutili, e spesso dannose, pur di utilizzare le risorse disponibili; infatti, entrambi gli incroci erano serviti da efficienti semafori, quando gli addetti li hanno fatti funzionare. Innanzitutto, è utile far sapere alla cittadinanza che le due rotatorie, soprattutto quella di via don Minzoni, sono assolutamente non regolamentari; ciò è gravissimo e chiama in causa la diretta responsabilità del dirigente dei lavori pubblici, attualmente sospeso dalle funzioni, e del comandante dei vigili urbani”.

“Gravissimo, – prosegue il Presidente dei Riformisti di Rende – poichè viene pesantemente compromessa la sicurezza in materia di circolazione stradale. In una città governata da persone che hanno un pò di visione, prima di realizzare le più brutte rotatorie della storia, andavano, preventivamente, fatte le necessarie verifiche e, soprattutto, le dovute simulazioni del flusso veicolare, al fine di verificare se la loro realizzazione nelle zone scelte fosse stata migliorativa del traffico leggero e pesante, stando molto attenti per evitare che detti manufatti creino ingorghi e lunghe file di auto.

Questa vicenda evidenzia in che modo vengono distratti e spesi fondi destinati ad opere di natura strategica ed infrastrutturali. Si tratta, infatti, di fondi statali, comunque straordinari, presumibilmente caricati sul PNRR. Rende si trova in una situazione di grande difficoltà, con una giunta con tutte e quattro le ruote sgonfie, immobile, senza guida, al centro di una bufera di tipo tropicale violentissima, che si muove goffamente e che, in tal modo, farà perdere alla città l’occasione irripetibile di utilizzare al meglio i fondi europei per il necessario rilancio. Perché, – conclude Gelsomino –  irresponsabilmente, non si prende atto di tutto ciò?”

 

 

Area Urbana

Cosenza, riaprono le porte dell’Officina delle Arti dopo tre anni di chiusura

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Un luogo magico e affascinante l’Officina delle Arti che riapre dopo circa tre anni di chiusura forzata, causata non solo dalla pandemia ma anche dalle difficoltà economiche, con una serata sociale per riprendere il contatto dal vivo con tutti voi. La data scelta è quella di domani, venerdì 9 dicembre con inizio alle ore 19. L’ingresso sarà libero ma agli ospiti sarà solo richiesto un libero contributo per il tesseramento del 2023. L’atmosfera che si vuole ricreare è quella conviviale ed informale di qualche di tempo fa, quando nell’Officina delle Arti ci si ritrovava per assistere agli spettacoli ed, alla fine, stuzzicare qualche piccola delizia gastronomica sempre accompagnata da un bicchiere di vino locale.

Sarà anche l’occasione anche per rendere noti programmi e progetti per la prossima stagione di spettacoli. Sarà anche inaugurato il “Negozio di Ricordi” con tanti oggetti, anche di scena, nascosti nei magazzini, insieme a decine di quadri di autori calabresi e nazionali, oltre a mobili, radio e grammofoni d’epoca e suppellettili vari, che saranno in vendita per contribuire alla ripartenza dell’attività. La serata, inoltre, sarà intervallata dalle esibizioni di alcuni artisti e le loro performance e non mancheranno sorprese ed omaggi per tutti i partecipanti.

Continua a leggere

Area Urbana

Ispettorato del Lavoro di Cosenza, dipendenti aderiscono allo sciopero del 12

«I lavoratori dell’INL chiedono tutele per dare tutele e lo faranno ancora una volta nell’incontro con la Ministra del Lavoro»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Le lavoratrici e i lavoratori dell’Ispettorato del Lavoro di Cosenza aderiscono allo sciopero proclamato, a livello nazionale dalle OO.SS per l’intera giornata del 12 dicembre 2022. “Continua ad essere negata – scrivono i lavoratori –  la perequazione dell’indennità di amministrazione riconosciuta a tutte le altre Amministrazioni. Non si tratta di una mera vertenza economica, ma di una scelta del modello di lavoro che si intende promuovere. Se davvero si vogliono contrastare le morti bianche e lo sfruttamento lavorativo e’ necessario che si investa negli organi di controllo e si potenzi un ente che e’ presidio della legalità sul territorio.

I lavoratori dell’INL chiedono tutele per dare tutele e lo faranno ancora una volta nell’incontro con la Ministra del Lavoro che si terrà proprio il 12 dicembre, all’esito del presidio previsto a Roma davanti al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Basta proclami, è ora che il lavoro sicuro e dignitoso diventi impegno concreto, si diano strumenti e riconoscimenti adeguati a chi deve garantirlo”.

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, via Marini Serra chiusa fino a sabato per lavori sulla rete idrica

Lo ha disposto, con apposita ordinanza, la Polizia Municipale, a partire da domani 9 dicembre, per consentire una riparazione. Ecco i percorsi alternativi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Resterà chiusa al transito, dalle ore 7,30 di venerdì 9 dicembre alle ore 14,00 di sabato 10 dicembre, via Giuseppe Marini Serra. Lo ha disposto, con apposita ordinanza, la Polizia Municipale, per consentire al Settore Infrastrutture del Comune di effettuare lavori di riparazione sulla rete idrica comunale.

Il provvedimento si è reso necessario in quanto i lavori comporteranno l’utilizzo di mezzi meccanici che occuperanno parte della carreggiata. Pertanto si è deciso di modificare temporaneamente la vigente disciplina della circolazione sull’area interessata al fine di garantire le migliori condizioni di sicurezza agli addetti ai lavori e agli utenti della strada.

La Polizia Municipale ha indicato nell’ordinanza i percorsi alternativi:

1) Via M.Martire-Via Casali-Via P.Sprovieri-Via S.Cavalcanti-SS.107;

2) Ponte San Lorenzo-Spirito Santo-Via Petrarca-Via Siniscalchi-Portapiana (solo autovetture, escluso mezzi pesanti).

Continua a leggere

Di tendenza